Frittatina, polpetta e pane: trittico al ragù di Lino Scarallo

2/2/2019 1.8 MILA
Lino Scarallo, trittico al ragu
Lino Scarallo, trittico al ragu

Ragù napoletano di Lino Scarallo. Dalla pagnotta ripiena di ragù della prima edizione ad una elegante versione in versione finger che ci costringe ad una presa continua e compulsiva dai vassoi che girano dopo la presentazione di Ragù 7su7 svolta a Palazzo Petrucci.

Lino Scarallo, frittatina di spaghetti al ragu

Ovviamente la frittatina è per me il capolavoro, piccola, compatta, indovinato il formato che mai si userebbe per il piatto intero.

Lino Scarallo, polpetta al ragu
Lino Scarallo, polpetta al ragu

La polpetta è il calcio di rigore a porta vuota. Una, due, centomila!

Lino Scarallo, pane e ragu
Lino Scarallo, pane e ragu

Infine il pane, cotto a vapore, ripieno di ragù. Il morso proibito fatta di nascosto alla mamma o alla nonna e seguito da un urlo! Irresistibile tentazione in una casa invasa dall’odore del ragù.

Lino Scarallo, cuoco napoletano, sintetizza in modo elegante la nostra memoria. Perché la bravira di un cuoco si misura, oltre che sulla tecnica, sulla capacità di collegarsi alle emozioni della memoria e a quelle di una comunit.
Ma ora chi glielo dice a Lino e al patròn Edoardo Trotta che quando andiamo a Palazzo Petrucci, altro che ceviche, tapas e sushi, vogliamo la frittatina di ragù?

Un commento

    Mondelli Francesco

    (2 febbraio 2019 - 13:00)

    Ma tu nun vilivi a pizza ?Mo pure a frittatina al ragù.Gesù Gesù pienzaci tu ca sti viziati voleno tutto e di più ma d’altra parte di fronte a questi tre capolavori altro che morso qui si tenta il furto di tutto il vassoio.PS.Per me gli urli e le sgridate erano due:quando scoperto a trafficare col ragù e a tavola quando la pasta non mi andava più.FM.

I commenti sono chiusi.