Garantito IGP | Malvasia delle Lipari Passito 2009 e l’eroico, ostinato, amore di Paola Lantieri

15/11/2018 304
Malvasia delle Lipati, passito 2009 Lantieri
Malvasia delle Lipati, passito 2009 Lantieri

di Roberto Giuliani
Conosco Paola Lantieri da parecchio tempo, non dimenticherò mai la lettera che mi spedì 8 anni fa in cui mi raccontava la sua storia, il suo cambio totale di vita alla bellezza di 59 anni, lei che di vigna non sapeva nulla. Se non ci fosse stato Giovanni Scarfone (giovane produttore di grandi vini Doc Faro, azienda Bonavita) a darle una mano, in un’impresa già folle, forse l’avventura avrebbe avuto esiti diversi, quantomeno un’evoluzione ancora più complessa e lenta. Cinque ettari di vigna ad alberello nell’unica valle incontaminata di Vulcano, ma potremmo quasi dire di tutto l’arcipelago, vigna che Paola ha dovuto ricostruire quasi totalmente, lasciando traccia del passato in alcuni filari di passolina, ovvero il corinto nero, che contribuisce in minima parte alla produzione della sua Malvasia delle Lipari Passito.
Venticinque quintali d’uva per ettaro, questa è la media produttiva di Paola di fronte a un disciplinare che consentirebbe di produrne anche 90; non è solo per volontà di Paola che la produzione è così bassa, in una terra dove la sabbia è l’elemento principale è inevitabile che le rese siano inferiori alla media. La prima vendemmia fu nel 2006, ma si trattava veramente di pochissime bottiglie, l’annata che effettivamente ha preso corpo ed è uscita dal distretto isolano è questa 2009, 2.000 bottiglie da 500 cl. dal contenuto straordinario.
Ma di questo ne parliamo dopo.
Quello che, invece, mi preme dire è che nonostante questo vino sia stato apprezzato da un sempre maggior numero di appassionati ed esperti, e nonostante siano poche migliaia di bottiglie, Paola fa una fatica enorme a venderlo. Perché? Probabilmente perché, salvo alcune zone d’Italia dove c’è una tradizione più costante per i vini passiti, legati spesso a dolci e formaggi, il resto dello Stivale beve vini secchi o spumanti e considera i vini dolci qualcosa da assaggiare sporadicamente, per cui non vale la pena comprarne qualche bottiglia.
Errore, perché quando ci si trova davanti a un vino così, non è necessario mangiare nulla, è talmente emozionante che la cosa migliore è sorseggiarlo in assoluto silenzio, magari immaginando di essere sull’isola di fronte al mare, dove dimorano le vigne. Insomma, Paola, che non è certo più una ragazza, è in seria crisi, e la capisco, vale la pena continuare a impegnarsi tanto per fare un prodotto unico, straordinario, se poi non viene apprezzato come meriterebbe? Bella domanda. Io non so come mi comporterei al suo posto, soprattutto pensando che questo vino non può darti certamente un sostegno economico tale da giustificare tutto questo lavoro, tanto più ora che ogni anno è sempre più bizzarro e complicato da affrontare a causa di un clima davvero impazzito.
Io spero che resista, perché la sua Malvasia delle Lipari è uno dei gioielli che rendono grande questo disastrato Paese, nonostante la 2009 sia uscita ben 8 anni fa è tutt’ora sorprendente, il colore è oro antico con riflessi ambrati, il bouquet sontuoso di nocciola zuccherata, zagara candita, albicocca secca, miele di castagno, noce, fumo, cera calda, tabacco da pipa, fichi e cioccolato, ma potremmo andare avanti ancora per molto. E al palato? Ancora vivissima, con quel guizzo acido che sostiene la nota dolce, per altro delicata, non stucchevole, qui giocano anche le spezie orientali, cannella, zenzero, poi mela cotogna e ancora agrumi canditi, su una base piacevolmente salina.
Un passito, quindi, che è capace anche di invecchiare bene, c’è bisogno di vini così e di donne coraggiose come Paola Lantieri, se non capiamo questo, allora avremo perso un’altra artigiana vera, una donna che non ha mai staccato la spina del proprio cuore per fare compromessi e adeguarsi a un mondo sempre più distratto e impoverito. Già, senza la sua Malvasia, saremo tutti un po’ più poveri.
Meditate gente, magari con un calice di Malvasia delle Lipari Passito Lantieri.

Un commento

    Mondelli Francesco

    (16 novembre 2018 - 02:09)

    Conosco anch’io vino e persona e l’entusiasmo che l’anima.Purtroppo la poca cultura ,nonostante il gran parlare,degli italiani per il vino non consente di far apprezzare tutte le grandi varietà e sfumature che il nostro territorio sa regalare.E così un gran parlare di bollicine a tutto pasto o di vinoni da collezioni scordandosi poi,solo per fare qualche esempio,di questo come del Moscato Rosa o del Fiore D’Arancio e tollerando,ma quasi pagando dazio e solo col panettone quel gran vino che è,nelle sue migliori espressioni,il moscato di Asti.FM.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.