Le Macine Una Hotel Il Mulino: gastronomia e cultura a Benevento

14/1/2015 624
Le Macine dell’Una Hotel Angelo D’Amico

Le Macine dell’Una Hotel
Benevento
Via dei Mulini, 48
Tel. 0824.311213
www.unahotels.it
Sempre aperto, chiuso domenica sera

Uno dei misteri che non riuscirò a scoprire in vita è il motivo per cui Benevento è sconosciuta. D’accordo, il nome non è onirico, fa pensare a un poggio agricolo, ma nelle sue mura longobarde c’è ogni ben di Dio, a cominciare dalla Chiesa di Santa Sofia, e poi l’Arco di Traiano, l’Hortus Conclusus di Mimmo Palladino per non parlare della palazzata di corso Garibaldi.

Il Mulino, la zuppa di cardi

Il Sannio è poi terra di vini, vi si coltiva il 65% di tutte le uve della Campania, ha paesini bellissimi, puliti e con suggestivi centri storici come Sant’Agata dei Goti o Cerreto Sannita per non parlare delle Terme di Telese, assurta agli onori della cronaca purtroppo solo per motivi politici.
Infine latticini e olio di primissimo ordine, per non parlare del Fortore dei torroni, dei pascoli e del grano, un balcone incantanto sulla Daunia.

Il Mulino, Uovo e tartufo

Lasta but not least, è qui l’unico Consorzio di Vini riconosciuto dal ministero. Insomma, ci sono le premesse per trascorrere bei week end fuori dalla follia delle grandi città e dalla calca della costa dei mesi estivi.

 

Passatina di fagioli, pancotto ganciale e funghi

Forse il motivo è che non si creduto sino in fondo alle potenzialitù rurali e turistiche, ma per fortuna le cose stanno cambiando e nel campo della ristorazione, oltre alla stella del Kresios di Iannotti, ci sono realtà molto interessanti tra cui Aquapetra a Telese, la Locanda della Luna, il Foro dei Baroni e adesso in città Dionisio e Dionisio Bistrò.

Angelo D’Amico e il maitre di sala Eduardo Apostolo

Un locale che ha acquistato grande solidità in quetso panorama è sicuramente il ristorante Le Macine dell’Una Hotel che vede sin dal primo giorno impegnato Angelo D’Amico.

Il Mulino, cappellacci di caciocavallo e tartufo con zucca e vaniglia

Lavorare in un albergo è  sempre molto formativo per un cuoco perché insegna a confrontare le proprie idee con le esigenze della clientela e dunque dal confronto emergono le neccssarie correzioni di rotta e anche le nuove idee.

Il Mulino: carrati alla genovese di salsiccia

I piatti di Angelo sono stagionali, ricchi di sapore, frutto di una continua e maniacale ricerca su territorio sannita generoso di carni e di ortaggi.

Il Mulino, l’agnello laticauda

Più che la creatività, è la tecnica ad essere al servizio della tradizione, i sapori sono ben riconoscibile e c’è sempre un bel gioco di rimbalzo tra l’elemento principale e il contorno.

Il Mulino,variazione di anatra

Nel corso di questi anni Angelo è decisamente maturato, e lo si percepisce dalla completezza della proposta, dal ritmo in crescendo e dalle divagazioni sul mare molto ben inserite nel contetso del menu.

Il Mulino

A noi intriga sempre la linea carne, che vale davvero il viaggio.

Il Mulino

L’albergo è a valle della città, ma a soli 600 metri dal centralissimo corso. Dunque ha il vantaggio della prossimità alla bellezza e al fascino del centro storico e il silenzio e la quiete serale e notturna  lontano dasi bar fracassoni.

Ecco dunque come è possibile fare turismo di qualità culturale e gastronomico low cost, fuori pista, godendo di cibo e monumenti ancora fuori dai percorsi turistici e dunque autentici, veri, ingenui e soprattutto non volgarizzati.

Il Mulino, piccola pasticceria