InvecchiatIGP | Roncat 1990, Giovanni Dri, un grande vino per aprire l’anno alla grande

1/1/2022 448
Roncat 1990, Giovanni Dri
Roncat 1990, Giovanni Dri

di Carlo Macchi

Per il primo giorno dell’anno una bella storia che affonda le sue radici nel tempo e un vino incredibile che nasce da questa storia.

Siamo a Ramandolo, nella zona più a nord dei Colli Orientali, oggi famosa soprattutto per il vino che porta il nome del paese.

Giovanni Dri cantina
Giovanni Dri cantina

era un giovane produttore, particolarmente affezionato alla vecchia vigna che aveva dietro  casa dove, accanto al refosco (secondo Giovanni non dal peduncolo rosso), c’erano tante uve che potremmo definire  “particolari”, come il refoscone, il franconia che piaceva tanto a suo padre, il corvino (parente della corvina veronese) e addirittura qualche vite di lambrusco maestri.

 

Da questa vigna a partire dai primi anni ’80  veniva  prodotto e imbottigliato il Roncat Rosso. Per Giovanni l’annata 1985 fu eccezionale, tanto che vinse anche dei premi, ma anche la 1990 non fu certo da meno.

In effetti il vino veniva prodotto solo nelle annate migliori, anche perché il clima in quegli anni era molto diverso da oggi, più fresco e probabilmente anche più piovoso. Anche la vendemmia era diversa: si raccoglieva dopo la  metà di ottobre  tutte le uve assieme, perché allora il concetto di maturità fenolica era sconosciuto: quindi magari  il refosco era maturo ma le altre potevano essere anche indietro (o troppo avanti) con la maturazione.

Si raccoglieva tutto assieme ma poi in cantina veniva fatta una selezione fortissima e tanti grappoli venivano scartati. Giovanni per il Roncat rosso comprò le prime barrique della sua vita e quindi il Roncat 1990 è un vino figlio del passato in vigna e del futuro in cantina.

Il passato è talmente passato che quella vigna oggi non esiste più, essendo stata spiantata alla metà degli anni ’90 e ripiantata con  uve per produrre il Ramandolo. Il Roncat oggi viene fatto da altre vigne, sempre con il refosco (ma dal peduncolo rosso) e con un po’ di schioppettino, cabernet sauvignon e  merlot.

Tutta questa bella storia me l’ha raccontata Giovanni Dri dopo che dagli abissi della mia cantina era uscita una bottiglia di Roncat 1990. L’ho aperta con non molte aspettative viste le condizioni dell’etichetta ma appena versato il primo goccio nel bicchiere mi sono dovuto ricredere, eccome!

Il colore era sempre rubino brillante, con un lievissimo riflesso aranciato. Appena versato subito sono letteralmente  schizzate fuori delle intense ma godibili note vegetali molto giovanili,  per essere soppiantate in poco tempo da cassis, china, ribes e lampone. Tanta frutta così in un vino di oltre trent’anni è quasi un miracolo. Poi i profumi hanno virato verso note balsamiche e anche leggermente fumè, per non parlare di importanti  sentori di menta e terra bagnata.

Un naso incredibile: non solo giovane ma integro e complesso, indubbiamente inaspettato per ampiezza e gamme aromatiche.

Ma non è finita qui. Sin dal primo sorso il vino ha mostrato un’acidità importante ma perfettamente fusa con il corpo (i climi freddi o freschi di quegli anni hanno lasciato il segno) , dove dei tannini ora vellutati  si allargano con dolcezza , ti rendono il palato come  velluto e poi accompagnano  verso un lunghissimo finale, che porta con sé anche una notevole sapidità. Un vino assolutamente sorprendente, che parla di una viticoltura antica e diversa che però, “vino alla mano”, lo ha portato  fino ad oggi in perfette condizioni.

Il mio augurio per il nuovo anno è semplice . Spero che  troviate nella vostra riserva di bottiglie  un vino  buono come questo Roncat 1990 e ve lo godiate,  come  ho fatto io.

A proposito, lo sapete che Roncat vuol dire “terreno molto ripido e quindi difficile da lavorare”? Sicuramente sarà stato (e sarà) difficile da lavorare ma sarà altrettanto difficile che io possa scordarmi questo incredibile vino

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.