Iumara Cibo e Ospitalità ad Omignano Cilento

7/5/2019 3.1 MILA
Iumara Lo chef Andrea D'Anna e Teresa Giuliani
Iumara Lo chef Andrea D’Anna e Teresa Giuliani

di Enrico Malgi

Iumara Cibo e Ospitalità, un sito riservato e quasi nascosto tra la superstrada Cilentana, il fiume Alento, la cima del Monte Stella e la piana di Omignano che arriva fino al mare di Casal Velino e posizionato a metà strada tra Velia e Paestum. Un’antica e storica dimora familiare segnata dal passaggio dei monaci basiliani, una sorta di Hotel de Charme, che Teresa Giuliani, medico anestesista dell’ospedale di Vallo della Lucania e con spiccata vocazione all’ospitalità, ha voluto ripristinare e riattare, donandole il vecchio splendore di un tempo. Un resort funzionale e di pregevole fattura, caratterizzato da un design moderno ed elegante, per un’accoglienza di alta classe. Nelle otto luminose camere doppie e matrimoniali, sapientemente ristrutturate ed arredate con gusto, si respira un’atmosfera esclusiva e confortevole. Sono tutte dotate di aria condizionata, Tv, cassaforte per laptop, bollitore wireless per tisane e té, phon e servizi privati. Inoltre ceramiche di Vietri, mescola di pietra lavica e cotto artigianale contribuiscono a rendere ancora più accogliente tutto l’ambiente, sospeso tra antico e moderno.

L’esterno dello Iumara, che nel dialetto cilentano vuol dire “fiumara” visto la vicinanza col fiume Alento, si apre come un palcoscenico in un ampio giardino all’aperto con piscina.

Iumara - Esterno
Iumara – Esterno

Un ambiente intimo, romantico e molto suggestivo delimitato da profumate siepi di rose e adatto per cerimonie e manifestazioni. Al centro troneggia una cupola geodetica trasparente adibita per convegni, concerti ed altro e da cui si può ammirare di sera la stellata volta celeste. Per chi vuole rilassarsi è a disposizione una sala lettura, la cui biblioteca è fornita di molti ed interessanti libri. Non manca poi un piccolo museo, dedicato agli strumenti musicali fin dalla preistoria.

Iumara - Sala Ristorante
Iumara – Sala Ristorante

Utilizzo delle energie rinnovabili attraverso pannelli fotovoltaici, un moderno impianto per la produzione di biogas e la ricarica dei veicoli elettrici sono gli altri utili strumenti di cui dispone l’azienda.

Un capitolo a parte, poi, merita la ristorazione, curata dallo chef cilentano, ma con trascorsi  in tutta Italia, Andrea D’anna, aiutato in sala dalla signora Stefania Astore. Molto ricca e composita la prima colazione a buffet, a cui, a richiesta, segue un brunch in mattinata e poi naturalmente, nell’arco della giornata, il pranzo e la cena. Quasi tutti i prodotti provengono dall’azienda agricola di famiglia, che possiede anche un allevamento di bufale e di suini alle pendici del Monte Stella.

Val Sele Iumara - le bufale
Val Sele Iumara – le bufale

A disposizione salumi, carni, mozzarella di bufala, formaggi, uova, verdure, pomodori, fico bianco del Cilento, frutta fresca, miele, confetture ed altro ancora. Il ristorante è aperto anche alla clientela esterna soltanto a cena (solo la domenica a pranzo), previo prenotazione. Tre le proposte in degustazione a 33,00, 43,00 e 53,00 euro a seconda del numero delle portate, compreso acqua e caffè, escluso il vino.

Personalmente ho provato la proposta di quattro portate.

Carpaccio di bufalo cotto a bassa temperatura, marinato agli agrumi e timo, con bocconcino di bufala in manto di frutta secca.

Azienda Iumara Carpaccio di bufalo a bassa temperatura
Azienda Iumara Carpaccio di bufalo a bassa temperatura

Fagottino di farro ripieno di ricotta di bufala e carciofi con chips di caciocavallo.

Iumara - Fagottino di farro
Iumara – Fagottino di farro

Medaglione di maiale lardellato con riduzione di Aglianico ai fichi bianchi del Cilento e tortino di minestra stretta con cuore caldo di scamorza affumicata.

Iumara - Medaglione di maiale
Iumara – Medaglione di maiale

Panna cotta di bufala con salsa al cioccolato bianco, zafferano e menta.

Iumara - Panna cotta di bufala con salsa al cioccolato bianco, zafferano e menta
Iumara – Panna cotta di bufala con salsa al cioccolato bianco, zafferano e menta

Devo ammettere che Andrea ci sa fare veramente, perché possiede sicuramente un’ottima tecnica. I suoi piatti sono davvero gustosi e calibrati, che deliziano il palato ed appagano i sensi. Per accompagnamento ho scelto l’Aglianico Le Ghiandaie di Alfonso Rotolo.

Iumara - Vino Le Ghiandaie Aglianico di Alfonso Rotolo
Iumara – Vino Le Ghiandaie Aglianico di Alfonso Rotolo

In conclusione ho provato l’ebbrezza di un luogo davvero prestigioso ed unico, immergendomi in un ambiente naturale, incontaminato, sereno e puro. Il clima che si respira qui è presidiato dal massimo silenzio, per cui ci si può veramente rilassare e ricaricare le batterie. Senza dimenticare però che fuori c’è tutto un mondo che ci aspetta: il Cilento. Basta soltanto volerlo!

Iumara - Stanza doppia
Iumara – Stanza doppia

Iumara Cibo e Ospitalià
Via Pioppo, 1 – Omignano (Sa) – Tel. 0974 274341 – Cell. 335 1574581
[email protected]www.iumara.it[email protected]

Camere disponibili: 8

Prezzi: Bed and Breakfast 79,00 la doppia o la matrimoniale in bassa stagione e 99,00 euro in alta stagione. Uso della doppia singolarmente 59, 00 euro in bassa stagione e 79,00 euro per l’alta stagione.

Servizio navetta a disposizione per il mare e le località cilentane.

Possibilità di soggiornare in mezza pensione, oppure a pensione completa

Un commento

    Francesco Mondelli

    Siamo nella piana di Verduzio un tempo malarica bonificata nel ventennio oggi fertile e rigogliosa che inizia nel comune di Omignano attraversa quello di Casalvelino seguendo il fiume ed arriva al mare dove ,un po’ prima di Velia(antica Elena),lAlento si va a gettare.Iumara è invece un torrente che dal Monte della Stella confluisce all’altezza del resort nel fiume Alento.PS.Noto con piacere che a poco più di un anno dell’inaugurazione questa importante struttura per il territorio cominci a girare a buon ritmo come il post ,con dovizia di esempi, ha ben saputo comunicare.Ad maiora da FM.

    7 maggio 2019 - 17:37

I commenti sono chiusi.