La Tomba del Tuffatore sul Vetere di Peppino Pagano

28/8/2020 1 MILA
Peppino Pagano
Peppino Pagano
di Emanuela Sorrentino
L’archeologia finisce sulle bottiglie di vino. E così il rosato Vetere dell’azienda agricola San Salvatore 1988 di Giungano si presenta con una bottiglia in edizione limitata in diversi formati. Impresse sul vetro nei colori azzurro e terracotta, le immagini ispirate alle lastre della Tomba del Tuffatore conservata nel vicino museo archeologico di Paestum. L’idea è dell’eclettico imprenditore Peppino Pagano che ha voluto esaltare la sua terra. Ma non c’è il classico ragazzo che si tuffa: ecco invece il musico, il danzatore, la coppa con cui si giocava a kottabos (il lancio del vino rimasto nel fondo della coppa per colpire un bersaglio, molto diffuso nell’antica Grecia). E ancora il melograno (il granato) coltivato fin dall’antichità a Capaccio-Paestum, dove accanto alle statuine rinvenute della dea Hera con questo frutto sorge anche la chiesa dedicata proprio alla Madonna del Granato. Non mancano la colonna dei templi archeologici e tante altre eleganti immagini. E c’è il bufalo, simbolo dell’azienda vinicola, tra le scritte mare, museo, Italy, kottabos e naturalmente Paestum.

3 commenti

    Mondelli Francesco

    Un bel bere e un bel vedere col bianco cristallo che strizza l’occhio ai colori del tramonto che preannunciano la sera e la buona cena si avvera FM

    28 agosto 2020 - 14:04Rispondi

    Enrico Malgi

    Grande Peppino.

    28 agosto 2020 - 20:03Rispondi

    Marco Galetti

    Arte in parte sulla bottiglia e in parte nella bottiglia, Peppino come si muove ci piglia

    28 agosto 2020 - 22:01Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.