Altri dieci dolci italiani da non perdere. Si tocca quota sessanta, salivazione inevitabile per golosi e quote rosa

6/9/2017 4.1 MILA
Si parte con un mini baba' della Dispensa, Azienda Agricola San Salvatore
Si parte con un mini baba’ della Dispensa, Azienda Agricola San Salvatore

di Marco Galetti

Seta, Milano, piccola, attenzioni senza soluzione di continuità velate come Seta, in uno splendido cortile milanese, accoglienza ai massimi livelli, quelli raggiungibili unicamente se si possiedono doti innate, studio, dedizione e passione completano l’opera.

Seta, Milano, piccola pasticceria
Seta, Milano, piccola pasticceria

Al Vigneto, Grumello del Monte, colomba artigianale e ganache, dopo il pescato da Mazara del Vallo che è sempre una certezza

Al Vigneto, colomba e ganache
Al Vigneto, colomba e ganache

Caffè Sicilia, Noto, dolcezze in notturna, un passaggio obbligato senza sentirsi costretti, comincio a sentire l’assenza di Corrado Assenza

Caffè Sicilia Noto, dolcezze in notturna
Caffè Sicilia Noto, dolcezze in notturna

Muma, Borgio Verezzi, babà alla crema e amarene, condiviso con Roberto Mostini, autore della foto, impagabile la vista dal mulino sul mare, che ha vinto la sfida ligure, 4 Ristoranti di Alessandro Borghese

Muma, Borgio Verezzi, baba' alla crema e amarene, piatto condiviso con Roberto Mostini, autore della foto
Muma, Borgio Verezzi, baba’ alla crema e amarene, piatto condiviso con Roberto Mostini, autore della foto

La Cantinella, Villammare, sciù al limone e fragoline di bosco, chiusura rinfrescante dopo verticali di pescato e di vini campani

La Cantinella, Villammare, sciu' al limone e fragoline di bosco
La Cantinella, Villammare, sciu’ al limone e fragoline di bosco

Alessandro Feo, presso Rumi, Ascea Marina, cheese cake al cioccolato, dolcezze a bordo vasca sotto il cielo cilentano, serate da favola, c’era una volta un hotel di nicchia, nove camere…

Alessandro Feo, cheese cake al cioccolato
Alessandro Feo, cheese cake al cioccolato

Osteria della Buona Condotta, Ornago, carpaccio d’ananas al maraschino con frutti di bosco, mai dico mai, qualcosa di nemmeno lontanamente pesante da Matteo Scibilia e sua moglie Nicoletta, diventati, per mia fortuna, una certezza, il cuoco che oltre a cucinare insegna ai giovani, è affabile conversatore e gran conoscitore di storie, novelle enogastronomiche e non solo per gradevoli dopo cena

Buona Condotta, Ornago, carpaccio d'ananas al maraschino con frutti di bosco
Buona Condotta, Ornago, carpaccio d’ananas al maraschino con frutti di bosco

Dei Mille, Riccione, torta di mele appena fatta, tiepida, invita alla tenerezza, qui viene sempre gentilmente offerto a fine pasto un dolce casalingo da condividere come la ciambella al cioccolato o quella con le uvette

Dei Mille, Riccione, torta di mele appena fatta
Dei Mille, Riccione, torta di mele appena fatta

Trattoria Visconti, Ambivere, aspic di pesche al moscato, dal sito la bella foto, mentre la mia è stata penalizzata, si fa per dire, dalla visione notturna, al fresco, in giardino, nella serata del quattordici Agosto,

Trattoria Visconti, Ambivere, aspic di pesche al moscato
Trattoria Visconti, Ambivere, aspic di pesche al moscato

Dopo la prima, la seconda e la terza sequenza, con altri dieci dolci si tocca quota sessanta, salivazione inevitabile per golosi e quote rosa, da adesso in poi oltre cento giorni per pedalare, in subordine camminare, per quanto mi riguarda ho azionato il contapassi e il conto alla rovescia, sacrifici autunnali dovrebbero consentire piccoli stravizi Natalizi.

 

4 commenti

    Enrico Malgi

    (6 settembre 2017 - 12:47)

    Direi a questo punto dieta ferrea e movimento costante (ma si può fare?…)

    Marco Galetti

    (6 settembre 2017 - 13:14)

    Se sui miei passi dovessero aprire uno street food che propone torte salate con mozzarella di bufala e un accenno di spinaci dici che vale…

    Francesco Mondelli

    (6 settembre 2017 - 19:39)

    La norma è prima peccare e poi confessare ovvero pentirsi.Qui succede il contrario:prima ci si lava il corpo e l’anima con un dolce del senza,poi si induce a peccare alla grande con un’esposizione mediatica didattica .Concludendo:abbiamo deciso di che morte morire tanto vale farsene una ragione stando lontano da specchi stregati e bilance carogne.FM.

    Marco Galetti

    (6 settembre 2017 - 21:22)

    Come spesso succede hai ragione, stavolta solo a metà, è una manovra di avvicinamento graduale, sono due post propedeutici, fossi in te darei qualche morso alla torta dei senza…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *