Quindici buone pizzerie napoletane che ancora non si conoscono fuori Napoli

19/11/2017 18.1 MILA

Vi prendiamo per mano e vi portiamo in un percorso diverso dal solito. Vi portiamo in pizzerie di cui abbiamo già parlato ma che restano fuori dai riflettori mediatici e che, soprattutto, sono frequentate solo da napoletani. Non tanto pizzerie di quartiere, ma luoghi dove il fermento sta cambiando le cose, c’è cura per gli impasti, qualche gommone, attenzione alle materie prime. Insomma quindici pizze che non dovete perdere se venite a Napoli. La classifica delle non classifiche, qualcuna di queste è in qualche guida. Alcune sono destinate a scalarle, altre no. Provatele e ci ringrazierete perché avrete delle sorprese. La prima è più significativa è che non c’è più la distanza siderale di un tempo con quelle che sono considerate al top. Anzi, la qualità degli impasti e delle materie prime usate spesso non teme confronti.
Questa guida non vuole sminuire i più famosi e conosciuti, ma solo dire che sono la punta di un iceberg di una grande rivoluzione che riguarda tutti. Una guida diretta a chi va oltre le guide e che ama il viaggio oltre lo spostamento. A chi ama davvero entrare nello spirito della città.

_______________________
Pizzeria Fortuna alla Duchesca
_______________________

Ciro Coccia con i suoi collaboratori
Ciro Coccia con i suoi collaboratori

Una pizzeria da provare perché non tutti sanno che è la pizzeria di famiglia di Enzo Coccia. Sta a ridosso di piazza Garibaldi, lato opposto alla stazione ed è gestito da Ciro Coccia. Un pizzeria popolare, frequentata da gene del quartiere e studenti di passaggio.

______________________________
Pizzeria Lucignolo a Piazza Nazionale
______________________________

Lucignolo Napoli pizza con cornicione ripieno
Lucignolo Napoli pizza con cornicione ripieno

Ora siamo nel lato opposto, sulla destra della stazione spalle ai binari. Nella non lontana piazza Nazionale dove trovate un fortino della tradizione napoletana ma con tanta ricerca negli impasti e nella lievitazione e una ricca proposta di pizze.

___________________________
Pizzeria del Popolo a Piazza Mercato
___________________________

Pizzeria del Popolo
Pizzeria del Popolo

Gianni Breglia è un professionista silenzioso e concreto pur avendo vissuto uno dei momenti più incredibili della pizza napoletana. Era infatti il ragazzo di bottega da Di Matteo quando improvvisamente Bill Clinton decise di spararsi una pizza a portafoglio. Nelle foto d’epoca lo riconoscerete. Ora sta in una piazza magica, non lontano dalla Chiesa del Carmine che è molto amata dai napoletani che ogni anno danno fuoco al campanile (osservate con attenzione le magliette della foto) in modo spettacolare. Un pizza vera, efficace, gentile.

____________________________
Antonio e Gigi Sorbillo ai Tribunali
____________________________

Pizzeria da Antonio e Gigi Sorbillo - Vincenzo Iannucci
Pizzeria da Antonio e Gigi Sorbillo – Vincenzo Iannucci

Siamo ai Tribunali, ma dall’altro Sorbillo con un bravo canottista al forno: si tratta del giovane Vincenzo Iannucci che adesso si esibisce anche a Eataly e che è molto impegnati nella ricerca degli imasti e delle buone materie prima. Insomma nella via della pizza una bella sorpresa è ancora possibile.

___________________
Al 22 alla Pignasecca
___________________

Pizzeria-al-22-Giovanni-Improta
Pizzeria-al-22-Giovanni-Improta

Siamo nel cuore del cibo a Napoli, pizzerie, salumerie, trattorie, fruttivendoli. Qui che Giovanni Improta, figlio d’arte, sempre con la fila fuori, che fa pizze che riscaldano il cuore con cibi della tradizione.

__________________
Pizzeria Oliva alla Sanità
__________________

Salvatore Oliva e i suoi migliaccielli

Proprio di fronte alla Basilica di Santa Maria della Sanità c’è la pizza di Salvatore Oliva, mago delle fritture. Appartiene a una delle famiglie storiche di pizzaioli di Napoli che dal magico quartiere sono scesi a corso Garibaldi o saliti al Vomero. Una pizza di tipo tradizionale, buona, molto amata dalla gente del quartiere fuori dai circuiti mediatici. Approfittatene per visitare uno degli esempi più belli di barocco napoletano e mangiare un fiocco di neve di Poppella.

_______________________________
Pizzeria Giu Giu a via Andrea d’Isernia
_______________________________

Giu Giu Tommaso Mastromatteo pizza Margherita
Giu Giu Tommaso Mastromatteo pizza Margherita

Qui torvate Tommaso Mastromatteo, istruttore dell’Avpn. Metodo e lavoro discreto, la pizza è tra quelle tradizionali. Disco sottile, cornicione accennato, taglia L.
Con una marcia in più. La leggerezza dell’impasto che la rende morbida, scioglievole, non comune.

______________________
Benvenuti al Sud a Mergellina

________________________

Benvenuti al Sud, l'ingresso
Benvenuti al Sud, l’ingresso

Siamo nell’ex trattoria della famiglia Vinci, ristrutturata con l’idea di riproporre una pizzeria napoletana dell’800. Immagini da cartolina e pizza moderna, lavorata molto bene con il forno a gas, una modalità di cottura su cui l’Associazione Verace Pizza ha iniziato a dare la propria certificazione. La famiglia Fusco non ha tradizione di pizzaioli, da sette anni il padre dei  gemelli Mirko e Danilo, Claudio, ha riconvertito la sua attività prima aprendo a Secondigliano, adesso qui a Mergellina.

_________________
Di Napoli a Fuorigrotta
_________________

Pizzeria Di Napoli Fuorigrotta
Pizzeria Di Napoli Fuorigrotta

Fu un collega a portarmi in questa pizzeria che si trova in una traversa di viale Augusto e mi piacque subito. Ci sono tornarto più volte, anche di recente e sempre con soddisfazione. Un buon impasto, sempre piena a pranzo e la sera, non è possibile prenotare. Il servizio è rapido, si lavora alla grande e gli ingredienti sono dibuona qualità.

____________________________
Ciarly di  Raffaele Bonetta Fuorigrotta
____________________________

Pizzeria Ciarly, Raffaele Bonetta
Pizzeria Ciarly, Raffaele Bonetta

La pizzeria è anni ’80, in posizione strategica per chi deve andare allo stadio. Ma l’impasto non è moderno, di più. Imperdibile per la leggerezza, attentamente studiato da Raffaele Bonetta che ci si dedica con passione. Troverete una pizza che davvero non vi aspettate e che può guardare dritto negli occhi le più blasonate. Ottima anche la ricerca dei prodotti e i fritti.

______________________
Ciro Pellone alla Loggetta
______________________

Marco e Antonio Pellone
Marco e Antonio Pellone

Siamo ancora non lontani dallo stadio. Una pizzeria Pellone, altra famiglia che ha davvero le radici nell’arte della pizza napoletana che a via Nazionale ha lasciato solo il nome. Le redini di una pizzeria di quartiere che vede al lavoro tutta la famiglia sono nelle mani dei fratelli  Marco e Antonio, anche lui impegnato nella ricerca costante nell’impasto e nelle materie prime. Una pizza di impegno, seria e popolare.

___________________
Pizzeria Porzio a Soccavo
___________________

Errico Porzio
Errico Porzio

In una strada anonimo del quartiere Soccavo la pizza che non ti aspetti con la fila in stile Tribunali. Il protagonista è un figlio d’arte formato alla scuola dei Pellone, Enrico Porzio che è nel pieno della maturità espressiva. Piccolo dehor in un condominio, buon impasto e grandi fritti. Ecco una pizza da non perdere a Napoli se avete voglia di uscire fuori dai giri che tutti conoscono.

____________________
Pizzeria Alba al Vomero
___________________

Pizzeria Alba al Vomero
Pizzeria Alba al Vomero

Ecco ancora una pizzeria di quartiere, ci siamo spostati al Vomero quartiere pieno di pizzerie frequentate quasi esclusivamente da napoletani, anzi, dagli abitanti del quartiere. Tra le tante scegliamo questa che è veramente fuori dai riflettori mediatici, essenzia

___________________
Da Gennaro a Secondigliano

___________________

 

Genny e Maurizio Del Buono con la margherita

Altro quartiere difficile, altra tradizione portata avanti da Genny e Maurizio Del Buono. Qui siamo nel pieno della ortodossia napoletana, niente cornicione alto a canotto, tecnica dello schiaffo nello stendere la pasta. Comoda soprattutto da raggiungere quando venite a Napoli con la macchina, senza problemi di traffico e di parcheggio.

 

_____________________________
Lazzari Felici a San Giorgio a Cremano
_____________________________

Lazzari Felici, Antonio Esposito
Lazzari Felici, Antonio Esposito

Siamo appena fuori Napoli, non c’è soluzione di continuità tra Sam Giovanni a Teduccio e San Giorgio a Cremano Antonio Esposito è figlio d’arte, nipote della Masardona, 21 anni fa, diciannovenne, inizia a lavorare nella pizzeria di famiglia Pizza e Sfizi a via Vespucci. Vincitore per due volte del Trofeo Caputo (1994 e 1995), nel 2012 va a Praga e al suo rientro apre questo bello spazio a San Giorgio a Cremano.

8 commenti

    raffaele

    (2 settembre 2017 - 10:29)

    Ho testato diverse pizzerie citate nell’articolo.
    Noto che non citate mai GIGINO E FIGLI a soccavo che pure al pari di qualche altra pizzeria ha la fila in attesa tutte le sere.
    Mi sorge qualche dubbio…..

    friariello

    (2 settembre 2017 - 16:41)

    A Fuorigrotta penso,l’ultimo superstite di PIZZA E CONTORNI,IN VIA GIULIO CESARE. Pizze ottime,personale gentile e qualche alternativa di cucina,mi sento di annoverarla tra le altre.

    Massimo sammarco

    (3 settembre 2017 - 12:54)

    Come mai noi del ristorante la cantina dei mille dei fratelli sammarco non abbiamo mai avuto visita per entrare anche noi nelle migliore pizzerie napoletane eppure da noi abbiamo avuto un dei migliori giovani pizzaioli emergenti siamo stati il trmbolino di lancio di carlo sammarco ed ora abbiamo uno dei migliori pizzaiolo
    Arturo cerrullo come posso invitarvi e costare quello che ho detto grazie

    Natalia

    (3 settembre 2017 - 14:08)

    Pizzeria del popolo!! Fantasticava anche le fritture ,insuperabili le frittatine e i croquet.da non perdere

      Luciano Pignataro

      (3 settembre 2017 - 19:34)

      Due osservazioni
      1-Questo post riguarda le pizzerie che non sono conosciute fuori Napoli e frequentate quasi esclusivamente da napoletani. Non le migliori pizzerie
      antina dei mille è stata visitata ai temi di Carl oSammarco ma anche in seguito, non più tardi di sei mesi fa
      https://www.lucianopignataro.it/a/pizzeria-la-cantina-dei-mille-napoli/122259/
      2-Inoltre è nelle guida appena pubblicata sulle pizzerie vicine alla stazione.
      Considerando che a Napoli ci sono 1600 pizzerie, non mi pare siate stati trascurati.

    marco

    (3 settembre 2017 - 21:42)

    era ora …. non se ne puo più ….da napoletano che frequenta anche i nomi non noti ……… leggere questo elenco ….
    due osservazioni
    1. magari si ridurrà la fila dei turisti fuori ai soliti noti
    2. finalmente si fa capire anche a chi non vive qui’ che la pizza non sono solo quei “dieci-quindici” a saperla fare bene …. anzi .. probabilmente fanno anche meglio …. operazioni di marketing
    la settimana scorsa sono stato da uno dei blasonati (“nascenti”) e che pare stia scalando la vetta ….
    la pizza “base” era buona … ne abbiamo provate 3 + alcuni assaggini ……… onestamente nel complesso non mi ha colpito .. se poi ci aggiungo la location molto poco piacevole e sicura(purtroppo) , “il pizzo di 2 euro” da pagare subito fuori al parcheggiatore x la moto…..
    conosco invece molto bene una delle pizzerie qui in elenco …. finalmente è venuta fuori ..merita davvero e anche per la qualità della mozzarella e della ricotta nonstante c’e sempre una bella fila x entrare !!
    niente nomi .. non sono di parte!!

    Salvo

    (9 settembre 2017 - 18:33)

    Per tutti i “pizzadipendenti” consiglio un locale a pochi km a nord di Napoli, in località Frattamaggiore: Anema e Pizza.
    Una pizza per palati raffinati.
    Vi consiglio di prenotare.

    osvaldo

    (15 settembre 2017 - 19:01)

    Concordo in pieno con la pizzeria “Al 22” che per me rimane una delle migliori di Napoli. Aggiungerei anche Cafasso a Fuorigrotta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *