I 15 locali della gioia Roma e fuori porta: inibiti a musoni e ai gastrofighetti del 2.0

5/8/2017 32.4 MILA
Da Checchino, bucatini alla gricia
Da Checchino, bucatini alla gricia

di Virginia Di Falco

I posti della gioia. Quelli dove ti senti bene, dove porti gli amici, dove i piatti solleticano, allo stesso tempo, palato e memoria.
La cucina grassa, opulenta, robusta. Povera ma ricca. La ricetta fatta come a casa, anzi meglio. Il piatto col sugo buono, che si restituisce praticamente pulito. E la sala piena, di gente che sta bene, sorride, esce contenta e ritorna, proprio come te.
Alcuni posti riescono a sfidare il tempo e le mode aggiornandosi, certo, ma restando sempre fedeli ad una certa idea di cucina, solida e popolare. E, soprattutto, ad una certa idea di ospitalità.
Ecco qui di seguito alcuni locali, a Roma e fuori città, dai quali si esce contenti, pensando a quello che si è mangiato prima che a quello che si è speso.

Armando al Pantheon
non solo tradizione e grande accoglienza, ma anche la cultura dell’antica cucina di Roma, con la famiglia Gargioli.

Armando al Pantheon, l'amatriciana
Armando al Pantheon, l’amatriciana

Da Enzo al 29
Vecchia osteria con ricette della tradizione affidata ad una squadra giovane e capace. Ottimo rapporto qualità prezzo.

Da Enzo al 29, le polpette al sugo
Da Enzo al 29, le polpette al sugo

Felice a Testaccio
Intramontabile interpretazione dei piatti della tradizione nonostante sia (anche) una delle mete preferite dei turisti.

Felice a Testaccio, la famosa cacio e pepe
Felice a Testaccio, la famosa cacio e pepe

Grappolo d’Oro 
A due passi da Campo de’ Fiori un piccolo miracolo: buona qualità ai giusti prezzi.

Grappolo d'Oro, la carbonara
Grappolo d’Oro, la carbonara

Romolo alla Mole Adriana
Storica trattoria a due passi dai musei Vaticani: un caso davvero riuscito di come tenere insieme veracità e numeri.

Da Romolo, saltimbocca alla romana
Da Romolo, saltimbocca alla romana

Sora Lella
La mitica sorella di Aldo Fabrizi non c’è più, ma la sua famiglia la ricorda nel modo migliore con una cucina tenace e vera, rispettosa delle ricette tradizionali.

Sora Lella, il carciofo alla romana
Sora Lella, il carciofo alla romana

Checchino dal 1887 
Ovvero la tradizione può anche essere vintage ma elegante. Come i piatti e la sala di questo antico ristorante a conduzione familiare. Da sempre un punto di riferimento a Testaccio per la cucina del quinto quarto così come per la ricca carta dei vini.

Padellaccio di Checchino
Padellaccio di Checchino

L’Arcangelo
Arcangelo Dandini è l’oste che gioca, si diverte e fa divertire con i piatti della memoria. Quando si viene qui, a meno che non iniziate a scolarvi la sua ampia e profonda cantina, si esce sempre leggeri e felici.

L'Arcangelo, la carbonara
L’Arcangelo, la carbonara

Mamma Angelina
La cucina che forse vanta più aficionados tra noi di Roma. Chi ci va lo fa innanzitutto per affetto. Alla cucina della mitica signora Angelina e ai suoi piatti solidi e sinceri. Così come ad una conduzione genuinamente familiare della sala.

Mamma Angelina, trippa
Mamma Angelina, trippa

Da Cesare al Casaletto
Il decalogo della cucina romanesca, solido, sicuro, ben eseguito. Con una carta dei vini sempre in ottima salute, e con costi che invitano a bere. Un servizio competente che non perde garbo e pazienza anche nelle domeniche più affollate.

Da Cesare, la minestra broccoli e arzilla
Da Cesare, la minestra broccoli e arzilla

L’Oste della Bon’ora, Grottaferrata
ambiente rinnovato, ora in una elegante casa di campagna, dove l’oste recita fedelmente la sua parte. Cucina di grande tradizione, ben eseguita e di notevole spontaneità.

Oste della bon'ora, Gnocchetti con i semi di papavero
Oste della bon’ora, Gnocchetti con i semi di papavero

Sora Maria e Arcangelo, Olevano Romano. 
Giovanni Milana non si ferma mai. Eppure potrebbe farlo: il suo è forse il fuori porta più famoso di Roma, al pari dei suoi cannelloni della domenica. Eppure è sempre alla ricerca di prodotti del suo territorio e di nuove ricette che sappiano valorizzarli. Imbattibile.

I cannelloni di Sora Maria e Arcangelo
I cannelloni di Sora Maria e Arcangelo

Osteria del Borgo Cesano
Una bella realtà a pochi chilometri da Roma, osteria vera, lontana mille miglia dal finto folclore.

Osteria del Borgo, cotiche e fagioli
Osteria del Borgo, cotiche e fagioli

Aria’, Cerveteri
Nel regno degli Etruschi una piccola ma valida osteria di recente fondazione. Cucina semplice e sincera, prodotti di grande qualità in un ambiente che vi farà sentire davvero a casa.

Aria', maccheroncini di baccala'
Aria’, maccheroncini di baccala’

La Piazzetta del Sole, Farnese
L’olio, le verdure, i sapori e la simpatia della Tuscia in questa autentica osteria gestita da due donne: Miriam in sala e Antonella in cucina.

Osteria Piazzetta del Sole, la panzanella scomposta
Osteria Piazzetta del Sole, la panzanella scomposta

 

4 commenti

    Anna pierro

    (27 gennaio 2017 - 16:10)

    Tutti piatti fantastici e…boni

    Montosoli

    (28 gennaio 2017 - 15:50)

    Complimenti Virginia…fantastico e utile report…
    Vorrei provarli tutti…

    daniele cernilli

    (31 gennaio 2017 - 11:01)

    Aggiungerei anche Paris a Trastevere e forse anche Checco er Carettiere, sempre a Trastevere. Poi da Roberto e Loretta e da Domenico dal 1968 all’Appio Latino. Cucine solide.

    Filippo

    (13 marzo 2017 - 17:00)

    Forse ormai troppo turistici Felice, Checchino e Sora Lella d’ accordo per l’ aggiunta di Paris e Domenico imperdonabile l’ assenza di Flavio al Velavodetto( quello di Teastaccio) , ma soprattutto dell’ osteria del velodromo vecchio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *