Mozzarella Championship: i vincitori delle otto sfide dop. Quale sarà la mozzarella più buona del reame?

18/6/2021 2 MILA
Il tabellone
Mozzarella, i campioni in assaggio
Mozzarella, i campioni in assaggio

Mozzarella Championship Luciano Pignataro Wine Blog e Scatti di Gusto, partner il Consorzio Vini Sannio

Sannio dop
Sannio dop

 

Si sono svolti al’Hotel Commercio i primi assaggi alla cieca dei 32 campioni che compongono i due tabelloni, quello della mozzarella dop e quello della mozzarella non dop.

I campioni sono stati anonimizzati in cucina dallo staff diretto da Matteo Sangiovanni e assaggiati di fila con un punteggio in centesimi (50 punti al gusto, 20 all’odore, venti all’aspetto interno e 10 all’aspetto esterno. Gli acquisti sono stati fatti direttamente presso i caseifici e pagati alla cassa come clienti normali.

Abbiamo degustato proprio come clienti normali le mozzarelle

In base al punteggio sono state decretate le sfide e stamane vi presentiamo gli ottavi delle mozzarelle dop.

_____________________________________
Il caseificio Don Peppe Diana batte il caseificio Abc
_____________________________________

 

Mozzarella don Peppe Diana
Mozzarella don Peppe Diana
Mozzarella Abc

____________________________________________
Il caseificio Taverna Penta batte La Perla del Mediterraneo
___________________________________________

Caseificio Taverna Penta
Caseificio Taverna Penta
Caseificio La Perla del Mediterraneo
Caseificio La Perla del Mediterraneo

____________________________________
Il caseificio La Reale batte il caseificio Le Colonne
____________________________________

Caseificio La reale
Caseificio La reale
Caseificio Le Colonne
Caseificio Le Colonne

 

________________________________________
Il Caseificio Agnena batte il caseificio Tenuta Doria
______________________________________

Caseificio Agnena
Caseificio Agnena
Caseificio tenuta Doria
Caseificio tenuta Doria

_________________________________
Caseificio Jemma batte il caseificio Pagliuca
_________________________________

Caseificio Jemma
Caseificio Jemma
Caseificio Pagliuca
Caseificio Pagliuca

 

_________________________________
Caseificio Rivabianca batte Palato Bufalino
________________________________

Caseificio Rivabianca
Caseificio Rivabianca
Caseificio Palato Bufalino
Caseificio Palato Bufalino

 

__________________________________
Caseificio Il Parco batte il caseificio Il Casolare
__________________________________

Caseificio il Parco
Caseificio il Parco
Caseificio il Casolare

________________________________
Caseificio Polito batte il caseificio Roberta
________________________________

Caseifcio Polito
Caseifcio Polito
Caseificio Roberta
Caseificio Roberta

 

Una domanda sommessa personale: è pensabile nel 2021 presentarsi ancora come negli anni ’70 senza tenere conto dell’impatto ambientale delle confezioni? Il mondo del vino e dell’agroalimentare subito si sta adeguando con packaging eco compatibili  senza aspettare gli obblighi di legge.

Alle prossime sfide!

Giuria Mozzarella Championship
Giuria Mozzarella Championship

2 commenti

    Emilio

    1. Che si intende per materiale ecocompatibile? Aspettiamo una Vs. conferenza in merito.
    2. Sulla mozzarella sono stati provati centinaia di materiali, purtroppo non ne va bene nessuno. Tu se hai indicazioni in merito ti proporrei per il premio nobel.
    3. Quale è il materiale ecocompatibile del vino? Il vetro? Tu conosci l’impatto ambientale del vetro?
    4. Ma tu fai il giornalista o lo scienziato?
    Cordialità

    19 giugno 2021 - 08:28Rispondi

    Mauro F. Marinelli

    Sono in concorso, come Voi stessi dichiarato, le mozzarelle artigianali. Il packaging per i prodotti artigianali è fuori questione; il problema semmai è dei caseifici che non vendono sul posto. Chi vende fuori dal caseificio mostra un chiaro indirizzo industriale. La maggior parte dei caseifici in gara, infatti, non sono artigianali. Qualcuno lo dichiara pure (correttamente) di praticare una doppia produzione. È sufficiente leggere un mio precedente post dove vengono chiaramente indicati un paio di caseifici veramente artigianali esclusi dai 100 iniziali. Bruno Schiavone di Casal di Principe ad esempio che sono sicuro L.Pignataro conosce bene. A me mi fu segnalato da un carabiniere dopo i sequestri per diossina. Oltre alla bontà, alle quantità limitate, risultò l unico senza dossina. Mi permetto di scrivere queste cose perché dall età di 12 anni ho evidenziato una personale voracità per il prodotto. Se Vannulo viene eliminato con le prove cieche che cosa penserebbe una persona normale? Che gli assaggiatori sono competenti? Vannulo e Bruno Schiavone (talvolta Ponte a Mare) qualcuno è in grado di contestarle? Ripeto B. Schiavone non c’è proprio

    23 giugno 2021 - 09:21Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.