La pizza napoletana contemporanea di Sant’Isidoro Pizza & Bolle a Ostiense

15/2/2021 2.5 MILA
Mauro Pedone e Giovanni Nesi
Mauro Pedone e Giovanni Nesi

di Floriana Barone

Il nuovo locale romano di Sant’Isidoro Pizza e Bolle è stato inaugurato un mese fa, a due passi dal Gazometro, in zona Marconi: uno spazio moderno e luminoso con una pizza napoletana contemporanea che, nell’ultimo anno, ha già riscosso numerosi consensi nella Capitale, dopo la prima apertura a Prati.

La nuova sede è funzionale e accogliente, dotata di grandi vetrate, un design minimal ma ricercato, che ricalca quello dell’altra pizzeria: l’ampio bancone all’entrata attira subito l’attenzione dei clienti. Dietro si trova la piccola cucina a vista con il forno a gas Valoriani. In sala i colori predominanti sono grigio e arancio: le bottiglie sugli scaffali creano qualche gioco di luce e riscaldano l’ambiente. Lo spazio interno è unico, con tavoli e divanetti: può accogliere circa 60 posti, oltre a quelli che dovrebbero essere aggiunti all’esterno, tra qualche mese.

Sant’Isidoro Pizza & Bolle - Ostiense - L'esterno
Sant’Isidoro Pizza & Bolle – Ostiense – L’esterno
Sant’Isidoro Pizza & Bolle - Ostiense - gli scaffali e i divanetti in sala
Sant’Isidoro Pizza & Bolle – Ostiense – gli scaffali e i divanetti in sala

La pizza segue uno stile ben preciso: cornicione alto e molto gonfio, impasto scioglievole, eccezion fatta per alcune “Eccentriche”, che rientrano nella categoria delle pizze a degustazione, con una base di focaccia e un centro più sottile. L’impronta napoletana è stata fortemente voluta dai proprietari, ma le influenze partenopee sono in parte mitigate dal lavoro e dalla creatività del cuoco romano Francesco Azzaretto, che si occupa dei topping, fritti e dolci, giocando con creme e consistenze. Il capo pizzaiolo è un giovane napoletano, Giovanni Nesi, affiancato da altri due ragazzi. Nato al Vomero e trapiantato a Roma, Giovanni ha iniziato come cuoco e, da 8 anni, lavora come pizzaiolo, con diverse esperienze alle spalle in alcune pizzerie napoletane della Capitale.

Da Sant’Isidoro Pizza e Bolle la selezione delle materie prime è molto curata: le farine arrivano dal Molino di Paolo Mariani (tipo 2 e la 00), mentre quella 0 proviene dal Molino Vigevano, con germe di grano macinato a pietra. Il fior di latte è di Latteria Gargiulo (Ethical Food Selection), mentre la mozzarella di bufala è firmata Latteria Loffredo, il pomodoro è de La Dispensa, l’olio Evo della Sabina, la salsiccia è opera della Porchetteria Giorgini (Ethical Food Selection), mentre la porchetta viene preparata e cotta direttamente pizzeria.

Gli antipasti rappresentano un buon biglietto da visita: non male la frittatina di pasta completata dalla tipica pastella napoletana e ripiena di lasagna o di cappelletti, panna, piselli e funghi (5€, nella sezione “Ricordando gli anni ’80”).

Sant’Isidoro Pizza & Bolle - Ostiense - le frittatine di pasta e i suppli'
Sant’Isidoro Pizza & Bolle – Ostiense – le frittatine di pasta e i suppli’

Ottimi anche i supplì, come l’847 (il classico, 3€) e zucca e provola (3,5€), con una menzione speciale per la panatura, veramente croccante e asciutta.

Sant’Isidoro Pizza & Bolle - Ostiense - frittatina di lasagna
Sant’Isidoro Pizza & Bolle – Ostiense – frittatina di lasagna

L’impasto della pizza è diretto con autolisi: matura in massa per 24 ore a temperatura controllata, poi altre 10 ore a temperatura ambiente diviso in palline. Attualmente Giovanni si spinge fino al 78% di idratazione, realizzando due tipi di impasto: quello classico, con il 10% di farina integrale e quello integrale (al 40 %, mischiato con una farina di tipo 0).

Alla Margherita (8€) viene aggiunto il Parmigiano Reggiano Dop, come usavano fare un tempo i pizzaioli napoletani.

Sant’Isidoro Pizza & Bolle - Ostiense - La Margherita
Sant’Isidoro Pizza & Bolle – Ostiense – La Margherita

Ben condita e bilanciata la “Faccio un salto ai Castelli” (13€), con puntarelle, porchetta homemade, aceto balsamico, pomodorino dry e olio Evo sabino.

Sant’Isidoro Pizza & Bolle - Ostiense - Facciamo un salto ai Castelli
Sant’Isidoro Pizza & Bolle – Ostiense – Facciamo un salto ai Castelli

Gustosa e stagionale la Carciofi, guanciale e pecorino (13€), con provola di bufala di Latterie Gargiulo, guanciale amatriciano, pecorino romano Dop, carciofi alle erbe e olio Evo sabino. Alcune pizze Eccentriche come quest’ultima o come la Mazara vengono stese molto al centro, poi condite all’uscita e spicchiate.

Sant’Isidoro Pizza & Bolle - Ostiense - Carciofi, guanciale e pecorino
Sant’Isidoro Pizza & Bolle – Ostiense – Carciofi, guanciale e pecorino

Le bollicine sono il punto forte della pizzeria: in carta sono presenti circa 100 etichette, tra vini frizzanti, fermentati, spumanti, Franciacorta, champagne, bianchi e rossi. Le birre sono solo tre, per precisa scelta, di cui una dola alla spina. I dolci, infine, sono tutti opera del cuoco, come la cheesecake (6€) o il tortino di banana split (6€).

Sant’Isidoro Pizza & Bolle – Ostiense
Lungotevere di Pietra Papa, 201,

Tel: 06/5584801
Facebook
Instagram

2 commenti

    Renato

    Ma riuscite a scrivere “FATTO IN CASA” anziché l’orrido “homemade”? E che diamine…

    15 febbraio 2021 - 15:12

      floriana barone

      Gentile Renato,
      la parola “homemade” , in questo caso, si trova proprio sul menu della pizzeria, nella descrizione della pizza, che ho riportato fedelmente. Ma, a mio giudizio, non credo sia una parola da criticare nel 2021.

      16 febbraio 2021 - 21:34

I commenti sono chiusi.