Pizzeria P, di Giulia e Daniele Pozzi, nel cuore pulsante Daniele Ferrara

3/3/2018 2.6 MILA
Pizzeria P, Lissone, la Daniele Ferrara
Pizzeria P, Lissone, la Daniele Ferrara

Pizzeria P, Lissone, la Ferrara, con gli splendidi pomodorini semi secchi, beato chi avrà la fortuna di poterla degustare…

di Marco Galetti
Innanzitutto le scuse.

Nel titolo del post relativo alla mia prima visita, il nome di Daniele Ferrara era finito nel posto sbagliato e il senso della frase sembrava riferirsi alla titolarità del locale e non alla titolarità del forno e del canotto, il titolo corretto è : “Pizzeria P, a Lissone, il canotto da sballo di Daniele Ferrara sbarca in Lombardia ed è a livello dei mostri sacri”, mentre i titolari del locale sono Giulia e Daniele Pozzi.

Sono tornato, altre due volte, a forno caldo, dopo l’incredibile prima volta, cerco di tenere a freno l’entusiasmo, almeno quanto basta per poter esprimere un giudizio depurato da Passione Gourmet in eccesso, difficile rimanere freddi, imperturbabili, glaciali nel giudizio dopo tanto calore, a quanto è stato detto posso solo aggiungere che “un indizio è un indizio, due indizi sono una coincidenza, ma tre indizi fanno una prova“, e senza aver bisogno del supporto né di quella del nove, né di quella del cuoco, posso affermare con relativa tranquillità che mi sono innamorato di Daniele Ferrara, del suo fare educato e delle sue pizze, è quasi mezzanotte, esco sereno fino ad un certo punto “non vorrei che tu, a mezzanotte e tre stai già pensando a un altro luogo…”

Pizzeria P, Lissone, P3, Pomodoro lampadina, origano di montagna, aglio rosso di Nubia, olio Evo, basilico fresco

Pizzeria P, Lissone, P3
Pizzeria P, Lissone, P3

Pizzeria P, Lissone, la P3 da drone

Pizzeria P, Lissone, la P3 da drone
Pizzeria P, Lissone, la P3 da drone

Pizzeria P, Lissone, P2, Pomodoro lampadina, mozzarella di bufala campana DOP, parmigiano reggiano DOP stagionatura 24 mesi, olio Evo biologico a crudo, basilico fresco

Pizzeria P, Lissone, P2
Pizzeria P, Lissone, P2

Pizzeria P, Lissone, P2, dettaglio

Pizzeria P, Lissone, P2, dettaglio
Pizzeria P, Lissone, P2, dettaglio

Pizzeria P, Lissone, bianco su nero, gesso su ardesia, l’invito fuori menù irrinunciabile

Pizzeria P, Lissone, gesso su ardesia
Pizzeria P, Lissone, gesso su ardesia

Pizzeria P, Lissone, dettaglio Ferrara, quella della foto d’apertura

Pizzeria P, Lissone, dettaglio Daniele Ferrrara
Pizzeria P, Lissone, dettaglio Daniele Ferrrara

Pizzeria P, Lissone, cheesecake

Pizzeria P, Lissone, cheesecake
Pizzeria P, Lissone, cheesecake

Pizzeria P, Lissone, tiramisù

Pizzeria P, Lissone, tiramisu'
Pizzeria P, Lissone, tiramisu’

Pizzeria P, Lissone, babà

Pizzeria P, Lissone, baba'
Pizzeria P, Lissone, baba’

Pizzeria P, Lissone, P10, crema di cipolla ramata di Montoro, fior di latte di Agerola, papaccelle napoletane, tonno, pomodorini datterini gialli semi secchi, parmigiano reggiano DOP stagionatura 24 mesi, olio evo, basilico fresco

Pizzeria P, Lissone, P10
Pizzeria P, Lissone, P10

Pizzeria P, Lissone, P11, crema di zafferano, fior di latte di Agerola, luganega monzese, parmigiano reggiano DOP stagionatura 24 mesi, olio evo, basilico fresco, sul ponte immaginario che collega lombardia e campania prodotti d’eccellenza così diversi si tengono per mano come se si conoscessero da sempre

Pizzeria P, Lissone, P11
Pizzeria P, Lissone, P11

Pizzeria P, Lissone, dettaglio P11

Pizzeria P, Lissone, dettaglio P11
Pizzeria P, Lissone, dettaglio P11

Pizzeria P, Lissone, P12, 4 formaggi di bufala: ricotta di bufala, mozzarella di bufala campana DOP, Granbù, Campì al pepe nero, parmigiano reggiano DOP stagionatura 24 mesi, olio evo, basilico fresco, l’unica poco convincente e sicuramente da rivedere, penalizzata anche da una temperatura di servizio imperfetta, la pizza si è offerta senza remore, invitante e calda ma non bollente, una bella donna deve essere colta all’apice del desiderio, vicino al punto di fusione, lasciarla raffreddare è un delitto, che merita un castigo…

Pizzeria P, Lissone, P12
Pizzeria P, Lissone, P12

Pizzeria P, Lissone, P15, stracciata di bufala al pistacchio di Bronte DOP, mortadella “Favola”, peperone crusco secco, parmigiano reggiano DOP stagionatura 24 mesi, olio evo biologico a crudo, basilico fresco

Pizzeria P, Lissone, P15
Pizzeria P, Lissone, P15

Ci sono tornato Domenica, venticinque febbraio, secondo turno serale, l’ultimo servizio settimanale prima del meritato riposo del Lunedì, non è certamente l’occasione migliore per poter valutare al meglio un locale sia in termini di accoglienza che di qualità delle pizze degustate, ciò nonostante, la serata ha lasciato il segno e si farà comunque ricordare sia per la gentilezza e la disponibilità del personale di sala che per la bravura di cui ho già detto di Daniele Ferrara che credo possa essere collocato di diritto tra i migliori talent scout di materie prime e su un podio immaginario con i migliori artigiani dell’impasto a tutto tondo, si fa per dire e per non voler disturbare Giotto.

E’ passata la nottata, senza alcun accenno di pesantezza, né di gonfiore (nonostante il canotto), né di sete notturna…sul comodino, accanto al Richiamo della foresta, il bicchiere d’acqua è ancora pieno, eppure mi alzo con una sensazione di disagio nonostante la serata sia stata allietata da una raffica di pizze sparate a… salve sono la P numero… ricordati di me non dimenticarmi, non dirmi che il nostro amore appena cominciato è già finito, sembravano dirmi tutte, dopo essersi presentate all’appello nella loro forma migliore… accendo la radio e mentre partono le note indimenticabili di Going back to my roots capisco tutto.

 

5 commenti

    Enrico Malgi

    (3 marzo 2018 - 15:14)

    Anch’io conosco una persona che è innamorata pazza della Campania ed in modo particolare del Cilento, che sta con un piede in Brianza e l’altro indovinate dove. Spudorata contaminazione acclarata dalle pizze in bella mostra. Il babà è meglio di quello assaggiato alla Dispensa?

    Francesco Mondelli

    (3 marzo 2018 - 21:06)

    Enrì nu te stunà cu stu babà ca sulo ronna Eugenia ladda fà senza perde tiempo a ca ’e ra là è chiu buono chisto o chillo là.C’iara invità e nu ruoto e babà ngia fa truvà e chiu a niente ara penzà pecche u riesto ru magnà nui lavimma purtà:si propio te vuo scumudà sette o otto bottiglie re vino può suppulà e ntramente nui magnammo e bevimmo tu piglia appunti si ngiai sentuto la pesca o la susina tanto può sta sicuro ca nui nun nge ne jammo prima ca face matina.Mo però vaggia lassà ca cose serie tengo ra fa e nun pozzo perde tiempo cu dui mangia e duormi ca peggio re nu
    turmiento siti addeventati e ,puro pecchè,se ne parla sempe ma ne passato tiempo ca manco ra lo Ciliento e nun serve manco cantà si po cu na pressa nun pozzo turnà.FM.

    Marco Galetti

    (4 marzo 2018 - 10:39)

    Il traduttore dal mezzo toscano al cilentano stretto, mi segnala, con una faccina felice, che si dovrebbe profilare qualcosa d’interessante, quali che siano i descrittivi che il baffo possa cogliere nelle bottiglie che FINALMENTE deciderà di aprire… pochi hanno colto, nel post, il subliminale che dovrebbe far sorridere più a Sud che a Nord…

    Enrico Malgi

    (4 marzo 2018 - 17:41)

    Le mie bottiglie di vino, come ben sanno Francesco e Marco, sono sempre a disposizione e così anche il babà di mia moglie. Quando volete sono qui, chiamatemi e risponderò.

    Francesco Mondelli

    (4 marzo 2018 - 21:05)

    Dei due messaggi notturni avevo colto il più prosaico ovvero il bicchiere sul comodino ritrovato al mattino pressoché inviolato che per me è già un gran risultato per chi in pizzeria ha esagerato ma purtroppo non quello di mezzanotte e tre con Celentano che cantava per te.FM.

I commenti sono chiusi.