Gli spiedini di Gher a Riccione dal 1951 a oggi, cotti sulla sabbia alla maniera dei vecchi marinai

6/5/2019 2.5 MILA
Da Gher, ieri
Ristorante Da Gher, ieri

di Marco Galetti

Ristorante da Gher a Riccione oggi

e oggi
e oggi

Gli spiedini mitici e imperdibili di Gher, dal 1951 a oggi, cotti sulla sabbia alla maniera dei vecchi marinai, sul molo di Riccione

Gli spiedini, mitici e imperdibili
Gli spiedini del ristorante da Gher, mitici e imperdibili

La terrazza sul molo riqualificato

La terrazza sul molo riqualificato
Rccione: la terrazza sul molo riqualificato

Gli ambiti tavolini a bordo canale

 Gli ambiti tavolini a bordo canale
Riccione: gli ambiti tavolini a bordo canale

Prezzi

Prezzi
Ristorante da Gher, i prezzi

Ristorante da Gher, dal 1951, insegna

Ristorante da Gher dal 1951, insegna
Ristorante da Gher dal 1951, insegna

Gli stessi semplici gesti da 68 anni si ripetono sul porto canale di Riccione ad opera della stessa famiglia

Gli stessi semplici gesti da 68 anni
Ristorante da Gher. Gli stessi semplici gesti da 68 anni

L’attività la iniziarono, Elviro, pescatore, classe 1910 e Caterina, classe 1916 che nel pomeriggio vendeva il pescato nelle vie di Riccione dopo aver fatto il mozzo a bordo fino a qualche ora prima, nel 1951, dopo tre figli, la prima baracca sul molo alla luce delle candele dove si vendeva il pescato e dove nacquero i primi spiedini, che oggi a Riccione  quasi tutti propongono, con risultati altalenanti ma sempre ben lontani dall’originale.

Il padre di Sergio, il titolare, “rubò” un po’ di saggezza ai vecchi pescatori riccionesi che sulla spiaggia, arrostivano il pesce appena pescato infilzandolo su bastoncini di legno conficcati nella sabbia vicino alla brace di un fuoco improvvisato.

Elviro inventò i foconi, grandi fornelli di braci pieni di sabbia per una cottura verticale degli spiedini insaporiti con pane grattugiato condito con olio sale e  pepe alla maniera dei vecchi marinai, col tempo, il vecchio chiosco divenne un ristorante a tutti gli effetti quale oggi è ma questa è  storia successiva ai faticosi inizi, quelli con una ghiacciaia in legno legata con una catena sul molo.

Grigliata

Grigliata
Grigliata del ristorante da Gher

Il focone, con i tizzoni ardenti dove cuocere, infilzati nella sabbia spiedini di gamberetti, calamaretti, seppioline, alici e sardoncini

Il focone
Il focone del ristorate da Gher

Gli spiedini in cottura, come facevano i marinai romagnoli negli anni cinquanta, per mantenere inalterato il sapore del pesce

gli spiedini in cottura
gli spiedini in cottura del ristorate da Gher

sono quasi pronti

sono quasi pronti
Ristorante da Gher: gli spiedini sono quasi pronti

Un piatto per tutte le stagioni, trasversali spiedini in verticale, probabilmente i migliori di Riccione

Un piatto per tutte le stagioni, trasversali spiedini in verticale
Un piatto per tutte le stagioni, trasversali spiedini in verticale da Ristorante Da Gher

Oggi Gher è uno dei luoghi simbolo di Riccione, un ristorante dove poter cenare all’aperto cullati dallo sciabordio delle onde che si infrangono sul molo, mentre i gabbiani seguono le barche dei pescatori che rientrano in porto e lasciano a terra il pescato per poi ripartire.

Questo indubbiamente è un buon ristorante, con una location di fascino, dove si predilige una cucina a miglia marine zero privilegiando, rombi, sogliole, piccole code di rospo, canocchie, seppioline, sardoncini e le saporite vongoline dell’Adriatico, pescato locale e vista mare, la chiave vincente per ogni ristorante di mare lungo lo stivale.

Da Gher la cucina, dagli anni cinquanta ad oggi è cambiata di poco e la cottura al carbone, come una volta, è ancora oggi la più richiesta, quel che mi sento di dire, avendone provati molti, ripetutamente e negli anni di locali riccionesi, è che se per quanto riguarda antipasti, primi e secondi di pesce, molti ristoranti si equivalgono, le alternative ci sono e picchi da lasciare sbalorditi non se ne vedono, se parliamo di spiedini,  a base di gamberi, calamari, seppioline e sardoncini, quindi congelato di qualità e pescato fresco locale, Gher ha indiscutibilmente una marcia in più, quasi settant’anni di esperienza, lavoro e costanza qualcosa vorranno pur dire, quindi…

che ve lo dico a fa...
che ve lo dico a fa…

che ve lo dico a fa… ordinateli al volo, con un calice di bianco o di bollicine rosé, a qualsiasi ora, privilegiando il valore aggiunto delle ore che precedono la notte riccionese disinibita e orizzontale, splendidi spiedini in verticale mentre il tramonto profuma di mare e si tinge di rosa.

Ristorante da Gher Riccione
Piazzetta Dante Tosi, 2
Tel. 0541 647484
Aperto la sera

7 commenti

    lucab

    Applausi!
    che ve lo dico a fa…perché?

    6 maggio 2019 - 21:04

    Antonio Prinzo

    Che spettacolo! Che sorprese a ogni latitudine di questo stivale. Grazie Marco

    6 maggio 2019 - 21:10

    Francesco Mondelli

    Mai banale ricercato ed originale sorprende come sempre quando si muove al nord dello stivale.Qui tutto odora di mare a cominciare da questa nave ferma ad aspettare l’onda per finire poi col ricordo di un falò improvvisato sulla spiaggia pulita per scaldare il cuore del giovane ed inesperto che cominciava a fare le prove di cucina e amore.FM

    7 maggio 2019 - 07:35

    Enrico Malgi

    Il brianzolo-mezzo toscano con l’anima cilentana l’azzecca sempre. Però sono convinto che sotto,sotto a lui piace di più il Cilento, la sua gente il mare, il paesaggio , il vino ed il cibo. E adesso provami a smentirmi…

    7 maggio 2019 - 10:58

    Marco Galetti

    Non posso rinnegare la sabbia della mia adolescenza, diciamo che il Cilento è arrivato forte e violento come un tardo innamoramento

    7 maggio 2019 - 11:37

    Francesco Mondelli

    Mi spiace contraddirla signor Enrico ma ,come ama ripetere una gentile signora che si occupa di economia amica di mia moglie,il vero amore è solo quello della gioventù.Per quello della maturità si può parlare,con gergo della Borsa ,di secondo mercato come è stato il Cilento per Galetti,ma il passato è passato e guardiamo al domani sperando ,come recita la scritta in tedesco sotto la targa del ristorante,che il tempo sia bello.FM.

    7 maggio 2019 - 14:26

    Enrico Malgi

    Si, caro Francesco, però l’innamoramento che capita in tarda età (sic!), come dice anche la trasmissione televisiva sul tre della Rai “Non ho l’età”, è quello che appaga tutti i sensi, che prima potevano essere affievoliti. E’ proprio quello che è capitato all’amico Marco appena incontrato il Cilento ed anche alla sua gentile signora. E qui mi posso arrogare il diritto di essere stato promotore di questo grande amore…

    7 maggio 2019 - 16:52

I commenti sono chiusi.