La Torre a Massa Lubrense, Onefire e la bellezza della Penisola Sorrentina nel locale della famiglia Mazzola

19/4/2022 10.5 MILA

Ristorante La Torre a Massa Lubrense One Fire
Piazzetta Annunziata, 7
Tel. 081 808 9566
Aperto tutti i giorni a pranzo e a cena
Ferie in gennaio
Sito web/FB

La Torre a Massa Lubrense
La famiglia Mazzola de LaTorre

di Antonino Siniscalchi

«Na pummarulella fresca, l’uoglio, ‘o pesce frisco e tutti i prodotti semplici della nostra terra, sono le risorse importanti che abbiamo la fortuna di avere nel nostro territorio…». Antonino Mazzola si emoziona quando snocciola gli ingredienti che caratterizzano il suo locale sulle colline di Massa Lubrense, nel borgo incantato dell’Annunziata. «Alla Torre di Massa Lubrense si vive la favola – spiega una nota di Slow Food- anche La Torre One Fire fa parte dell’Alleanza Slow Food dei cuochi, rete che mette insieme ristoratori, pizzaioli e osti con casari, agricoltori, allevatori, pescatori, trasformatori. E che vive e fa vivere il territorio». Antonino Mazzola è il patron del ristorante che l’anno scorso ha festeggiato il ventesimo anniversario di attività, un esempio di semplicità e di forza per tutta la Penisola Sorrentina, che non è fatta solo di stellati. Ruotano attorno alla sua trascinante simpatia, la moglie Maria ai fornelli e le figlie Amelia e Alessia in sala.

L’ultimo riconoscimento è l’ennesima dimostrazione della validità di una offerta semplice, ma decisamente accattivante che consolida il successo di piatti che il team della famiglia propone ad una clientela che si affaccia al locale, gradito ospite consapevole di affidarsi alle peculiarità di pietanze a chilometro zero che si colorano con il verde delle colline di Sant’Agata sui due Golfi, Termini, Monticchio e il mare di Punta Campanella e dintorni che si specchia su Capri, nei golfi di Napoli e Salerno. Slow Food lo raccomanda con uno slogan invitante. «Non perdetelo che l’allegria (e l’acquolina in bocca) è assicurata». «Il video promozionale di Slow Food Italia sulla ristorazione sostenibile italiana – spiega Amelia Mazzola –, realizzato con il sostegno del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, è finalizzato a veicolare il progetto dei Cuochi dell’Alleanza di Slow Food. “La Torre One Fire” è stato selezionato insieme ad altri tre ristoranti in tutta Italia, perché è esempio di sostenibilità per diversi aspetti: dal luogo in cui lavorano, all’approccio che hanno alle materie prime, dalle reti virtuose che vanno a creare sui loro territori».

Torre One Fire, la torre di Massalubrense che da il Torre One Fire, la torre di Massalubrense che da il nome al locale
Torre One Fire, la torre di Massalubrense che da il Torre One Fire, la torre di Massalubrense che da il nome al locale

Circoscrivere all’immagine del video di Slow Food le caratteristiche di questo locale, tuttavia, sarebbe riduttivo, rispetto ad una location dove cultura, arte e storia raccontano l’evoluzione nei secoli del borgo incantato dell’Annunziata, uno dei luoghi più affascinanti della Terra delle Sirene. Il ristorante, in questo angolo di paradiso, propone una giostra della cucina mediterranea, capace di spaziare tra i prodotti a chilometro zero degli orti massesi ed il pesce fresco appena pescato negli anfratti della costa frastagliata e florida di Punta Campanella e dintorni. Sì, perché anche di fronte ad uno spaghetto con le cozze, una zuppa di cozze, Maria si affida alle erbette aromatiche che crescono spontanee a Monte San Costanzo o nel giardino di famiglia a Metrano. Dettagli, certo, ma sono proprio quelle piccole cose che imprimono originalità ai sapori unici e irripetibili dei piatti che Amelia e Alessia presentano agli ospiti spiegando la sequenza della preparazione e le attenzioni di Mamma Maria.

Certo, le peculiarità dei sapori sono predominanti, ma nell’attesa di gustare le pietanze, come si fa a non guardarsi intorno? Siamo a tavola nel borgo dell’Annunziata, ai piedi del Castello Aragonese, circondati dalla Chiesa dell’Annunziata, che fu sede della Cattedrale di Massa Lubrense fino al 1465, da un lato e la Torre Turbolo, dall’altro, anteprima di villa Murat, il sito che guarda l’isola di Capri, scelto nel 1808 dal re di Napoli, Gioacchino Murat, come quartier generale. La Torre, invece, fu eretta dal banchiere Prospero Turbolo verso la fine del secolo XVI.

Torre One Fire, tavoli all'aperto
Torre One Fire, tavoli all’aperto

Il ristorante «La Torre-One fire», ubicato in un antico frantoio, ristrutturato all’interno conservando le caratteristiche architettoniche esterne, si caratterizza come location unica con la vibrante vista su Capri. Dopo aver dedicato spazio all’occhio, tuttavia, l’appuntamento a tavola conferma le premesse di un itinerario gastronomico che non rinnega le tradizioni. La cucina che privilegia Maria si focalizza sui piatti semplici nobilitati da una passione coltivata con il sorriso. «Il sorriso non costa niente», è il refrain che ispira Maria quando entra in cucina. Un pranzo inappuntabile, dall’antipasto al dolce, da non sottovalutare il liquore alla mela annurca, il servizio puntuale, il «sorriso» che «non costa niente» non è mai usato ed abusato. Non puoi lasciare la Torre senza l’amabile colloquio con Maria, la padrona di casa che ha fondato con il marito Tonino Mazzola questo tempio della gastronomia massese.

Torre One Fire, scorcio del dehors
Torre One Fire, scorcio del dehors

Una attenta curatrice e cultrice della dieta Mediterranea. Tra le sue «specialità», la parmigiana di melanzane o lo spaghetto con le cozze marinate nel finocchietto selvatico, basilico, tre tipi di mentuccia, nepitella e rosmarino, origano, capperi e fiori di capperi. A contribuire al successo della proposta gastronomica dell’osteria, c’è la straordinaria concentrazione di prodotti di qualità, come il Provolone del Monaco e il Gamberetto di nassa di Crapolla, entrambi protetti e valorizzati come Presìdi Slow food. Le erbette aromatiche di Monte San Costanzo per caratterizzare lo spaghetto alle cozze e il gamberetto di nassa di Crapolla rappresentano quel connubio che unisce terra e mare in un contesto unico. Il gamberetto di nassa di Crapolla, infatti, è una specie caratteristica della fauna marina locale, presidiata da Slow Food.

Il nome scientifico è «Parapandalo», ma in Costiera lo chiamano il gamberetto di nassa di Crapolla. La denominazione locale è dovuta al fatto che ha il suo habitat naturale nel fiordo di Crapolla nella Riserva marina di Punta Campanella, ed è molto difficile pescarlo con le reti e, quindi, i pescatori usano il sistema alternativo, antico quanto efficace, della nassa. Una prelibatezza tra le prelibatezze, va gustato crudo con la sola emulsione di pepe e limone. È una rarità, non si discute. Assaggiare un «parapandalo» fresco dà l’idea del perché i crostacei, insieme alle altre creature marine che non sono proprio pesci, siano chiamati genericamente “frutti di mare”. Quelle risorse che Antonino Mazzola riassume: «Na pummarulella fresca, l’uoglio, ‘o pesce frisco e tutti i prodotti semplici della nostra terra, sono le risorse importanti che abbiamo la fortuna di avere nel nostro territorio…».

Report 29 settembre 2021

 Torre One Fire, con la signora Maria
Torre One Fire, con la signora Maria

La Pandemia ci ha tenuto lontano quasi due anni da questo posto magico, ma ieri sera siamo tornati e come sempre abbiamo apprezzato il calore di una famiglia impegnata nel lavoro, dall’orto alla cucina, con piatti semplici e di gran gusto.

Torre One Fire, la famiglia Mazzola One Fire
Torre One Fire, la famiglia Mazzola One Fire

Cosa si mangia a La Torre Onefire Annunziata di Massa Lubrense

Torre One Fire, montanarine di benvenuto
Torre One Fire, montanarine di benvenuto
Torre One Fire, tartare di tonno e avocado con semi di sesamo
Torre One Fire, tartare di tonno e avocado con semi di sesamo
 Torre One Fire, totanetto ripieno alla caprese
Torre One Fire, totanetto ripieno alla caprese
Torre One Fire, l'antipasto
Torre One Fire, l’antipasto
Torre One Fire, bruschetta con palamita
Torre One Fire, bruschetta con palamita
Torre One Fire, insalata di polpo al limone e friggitelli
Torre One Fire, insalata di polpo al limone e friggitelli
Torre One Fire, alice imbottita
Torre One Fire, alice imbottita
Torre One Fire, spaghetti con cozze alla marinara
Torre One Fire, spaghetti con cozze alla marinara
Torre One Fire, paccheri con ragu' di pescatrice e friggitelli
Torre One Fire, paccheri con ragu’ di pescatrice e friggitelli
Torre One Fire, sorbetto al limone
Torre One Fire, sorbetto al limone
Torre One Fire, i vini
Torre One Fire, i vini
Torre One Fire, i vini
Torre One Fire, i vini
Torre One Fire, il belvedere al tramonto
Torre One Fire, il belvedere al tramonto

REPORT DEL 20 LUGLIO 2019

Maria, Antonio, Amelia e Alessia Mazzola. Due generazioni di ristoratori che nel 2020 festeggeranno i venti anni di attività, un esempio di semplicità e di forza per tutta la Penisola Sorrentina, che non è fatta solo di stellati.

Proprio come la Taverna del Capitano, la loro trattoria, a lungo chiocciola Slow Food, si trova alla fine della strada.

La vista su Capri dal belvedere del ristorante La Torre
La vista su Capri dal belvedere del ristorante La Torre

Precisamente la strada finisce davanti Capri, che sembra un morso a portata di mano, sotto la Torre da cui prende il nome la trattoria, con tanto di giardini pubblici con affaccio spettacolare e  un orto privato di pesche e pomodori. Qui Gioacchino Murat studiava gli inglesi arroccati a Capri e a Villa Rossi si firmò l’armistizio. E’ stato l’unico momento in cui la grande storia, quella dei generali, dei re e dei principi, è passata da queste parti.

Massalubrense, la torre che da' il nome al ristorante
Massalubrense, la torre che da’ il nome al ristorante

Oggi c’è la piazzetta della chiesa dell’Annunziata, dove i bimbi giocano a pallone e i tavoli de La Torre, dove la famiglia Mazzola propone una cucina schietta, di materia, sana, colta e appassionata. Una cucina fatta di orto non trattato chimicamente, di pescato giudiziosamente acquistato per non far schizzare troppo in alto il food cost, piatti e ricette della tradizione appena un po’ rivisti ma sempre bene eseguiti, la ricchezza e gli odori di questa terra unica che finiscono nel piatto.

La Torre a Massalubrense, il panorama sugli ombrelloni
La Torre a Massalubrense, il panorama sugli ombrelloni

Ristorante La Torre a Massalubrense: venire qui significa godere del meglio della sintesi di una filosofia gastronomica unica al mondo. Materia prima di mare e di orto, tempi lenti, simpatia e sorriso per tutti, cultura del buon bere, prezzi modici, che oscillano da un minimo di 25 a un massimo di 45 euro quando poi vi siete abbuffati oltre ogni limite. E per finire dolci fatti in casa ormai quasi introvabili come la zuppa inglese o “moderni” tra virgolette come la caprese di limone.

La Torre a Massalubrense, l'esterno
La Torre a Massalubrense, l’esterno

Il tempo scorre lento e al tempo stesso veloce, venire qui all’imbrunire ogni giorno sarebbe una bella cura che toglierebbe il lavoro a tutti gli strizzacervelli chiamati a curare le ansie di chi vive nella giungla della città. La Torre è come dovremmo essere tutti quanti noi, un sorriso in più, un tempo da godere e non da contare, un cibo compatibile con l’ambiente.
Lui, One Fire, a fatto a lungo il cameriere prima di aprire questo locale. Circondato da donne, è il simbolo di questa trattoria, in cucina la moglie Maria, appassionata di prodotti locali, impagabile la sua parmigiana, poi le due giovani figlie Amelia e Assunta regine della sala, un sorriso e una battuta anche quando è tutto pieno. Intanto la terza generazione inizia ormai a crescere.

La Torre a Massalubrense, tartare di ricciola con gelatina al limone
La Torre a Massalubrense, tartare di ricciola con gelatina al limone

Una esperienza unica, non potete dire di essere stati in Penisola Sorrentina senza essere mai passati di qua. C’è la forza che porta avanti la vera ristorazione italiana: quella della famiglia, dove le ore di lavoro non sono contabilizzate e tutti remano fino a quando la barca non è arrivata in porto.

La Torre a Massalubrense, pane e casatiello
La Torre a Massalubrense, pane e casatiello

E’ bello venire qui, godere della brezza serale, o del caldo ambiente interno. Già, perchè la Torre è uno dei pochi posti che sta aperto quasi tutto l’anno. Una impepata di cozze, un raviolo alla caprese, uno spaghetto One Fire, un bicchiere di vino e un amaro della Penisola e avete la ricetta della felicità: la semplicità.

Ah, veniteci con chi volete bene.

La Torre a Massalubrense, l'olio
La Torre a Massalubrense, l’olio

Ristorante La Torre a Massalubrense

La Torre a Massalubrense, antipasto di mare
La Torre a Massalubrense, antipasto di mare
La Torre a Massalubrense, gambero in carrozza
La Torre a Massalubrense, gambero in carrozza
La Torre a Massalubrense, antipasto napoletano
La Torre a Massalubrense, antipasto napoletano
La Torre a Massalubrense, la marinatura delle cozze
La Torre a Massalubrense, la marinatura delle cozze

Lo spaghetto con le cozze merita poi una menzione a parte: il migliore della mia vita, con le cozze marinate nel finocchietto selvatico, basilico, tre tipi di mentuccia, nepitella e rosmarino, origano, capperi e fiori di capperi. Indimenticabile!

Ristorante La Torre a Massalubrense

La Torre a Massalubrense, spaghetti con le cozze
La Torre a Massalubrense, spaghetti con le cozze
La Torre a Massalubrense, ravioli capresi
La Torre a Massalubrense, ravioli capresi
La Torre a Massalubrense, ricciola arrostita
La Torre a Massalubrense, ricciola arrostita
La Torre a Massalubrense, la zuppa inglese della signora Maria
La Torre a Massalubrense, la zuppa inglese della signora Maria
La Torre a Massalubrense, la zuppa inglese, dettaglio
La Torre a Massalubrense, la zuppa inglese, dettaglio
La Torre a Massalubrense, il brindisi
La Torre a Massalubrense, il brindisi
La Torre a Massalubrense, il vino
La Torre a Massalubrense, il vino
La Torre a Massalubrense, amaro locale
La Torre a Massalubrense, amaro locale

Ristorante La Torre a Massalubrense

4 commenti

    Marisa

    Ho conosciuto la signora.ra Maria a Firenze l’ho seguita alla Torre poi a Torino e quando posso alla Torre un mese fa con amici per due sere di seguito.per me è un punto fermo.e spero di andare presto a trovarla di nuovo.

    21 Luglio 2019 - 15:37Rispondi

    Domenico

    I commenti ai ristoranti sono belli, puntuali, avvolgenti, così come le foto.
    Ma parlare di prezzi, mai. È forse sconveniente? A me sembra un argomento discriminante, o siete un poco snob?

    1 Agosto 2021 - 11:11Rispondi

      Luciano Pignataro

      Ha perfettamente ragione, in genere i prezzi li mettiamo sempre perchè è discriminante e grazie di avercelo chiesto. In genere la media qui è sui 40 euro vini esclusi (ma c’è l brocca di vino con le percoche che vale il viaggio). In ogni caso, se si insiste sul pesce, al massimo 50.

      1 Agosto 2021 - 13:28Rispondi

    oreste

    In prova stasera…

    27 Agosto 2021 - 13:24Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.