Spaghetti con le cozze: la ricetta giusta con l’acqua di cottura

17/3/2018 65.6 MILA

spaghetti con cozze virginia

Questa è una ricetta di spaghetti alle cozze abbastanza classica, come è facile trovarla nelle case e nelle trattorie del Sud: cozze, aglio, olio extravergine di oliva e giusto due pomodorini due, a colorare. L’unica variante, in questa versione, la salatura della pasta: ho usato infatti una parte dell’acqua di cottura delle cozze. Con il risultato di una  sapidità  bella decisa  e la sensazione di più mare nel piatto.

Spaghetti con le cozze

Ricetta di Virginia Di Falco

  • 35 minutiTempo di preparazione
  • 10 minutiTempo di cottura
  • 4.7/5Vota questa ricetta

Ingredienti per 2 persone

  • 200 gr di spaghetti
  • 1 kg di cozze
  • 3 o 4 pomodorini
  • 4 cucchiai di olio extravergine di oliva
  • 2 spicchi di aglio
  • pepe q.b.

Preparazione

Una volta pulite le cozze, lasciatele aprire in un tegame dove avrete lasciato imbiondire uno spicchio d'aglio in due cucchiai di olio extravergine di oliva.
Mettete a bollire l'acqua per gli spaghetti senza salarla. Una volta che le cozze saranno aperte, liberatele del guscio e mettetele da parte.
Lasciate l'acqua di cottura nel tegame e fatela addensare leggermente per qualche minuto a fuoco vivace; spegnete e filtratela con un piccolo colino.
In una padella larga fate imbiondire l'altro spicchio d'aglio in due cucchiai di olio, aggiungetevi i pomodorini tagliati a pezzetti e lasciate andare sul fuoco vivace per non più di due minuti unendovi solo alla fine le cozze e metà della loro acqua di cottura.
Togliete l'aglio. Non appena l'acqua per la pasta inizia a bollire versatevi l'altra metà dell'acqua delle cozze.
Scolate gli spaghetti al dente - meglio, al chiodo - e girate velocemente nella padella col sughetto di mare.
Prima di servire, una spolveratina di pepe, macinato al momento, ci sta più che bene.

Vini abbinati: Piedirosso dei Campi Flegrei

Un commento

    ma

    (12 aprile 2018 - 10:59)

    Luciano Pignataro, perchè chiudi i commenti quando non ti garbano. La critica aiuta a migliorare soprattutto quando si ha m0olto da imparare e si vuole professare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *