Domenico Marotta, una delle giovani cucine italiane più in forma del momento

1/11/2022 14.3 MILA

Ristorante Marotta
Via Marrochelle, 52  81010 Squille (CE)
Aperto dal mercoledì alla domenica pranzo e cena

Marotta Ristorante, lo chef Domenico Marotta
Marotta Ristorante, lo chef Domenico Marotta

Seguiamo con attenzione l’evoluzione di questo locale austero ed essenziale che concentra tutti i suoi sforzi nei piatti e in una intelligente proposta di vino sin dalla nascita. Ci torniamo volentieri e troviamo sempre una cucina realizzata con prodotti di territorio, ben eseguita, senza salse e con poco sale e grassi. Uno di quei fine dining di nuova generazione che oltre al gusto hanno anche la salute come parametro finale della proposta: si comincia con il vegetale come aperitivo e si chiude con la frutta per la piccola pasticceria.
Ci siamo tornati di recente e abbiamo poco da aggiungere a quello che abbiamo scritto qualche mese fa se non forse una osservazione che non vale solo per questo locale, ma per quasi tutti i fine dining italiani: il ritmo deve essere più incalzante, meglio sentirsi dire “già finito?” che “quanto manca?”.
Detto questo, la cucina è una esaltazione di sapori dell’orto, del mare e della carne assolutamente centrati, senza difetti. Ci alziamo con il ricordo di una faraona essenziale e perfetta, decisamente superiore anche al famoso piccione di Niko Romito, per la capacità di esaltare la carne del volatile senza alcun orpello.
Una esperienza che consigliamo decisamente a tutti. I menu degustazione da 5 o da 7 portate costano da 60 a 80 euro, i vini hanno il giusto ricarico che fa girare la cantina.

 

Marotta Ristorante, il menu d'autunno
Marotta Ristorante, il menu d’autunno
Marotta Ristorante, aperitivo
Marotta Ristorante, aperitivo
Marotta Ristorante, il cappuccino di cavolfiore
Marotta Ristorante, il cappuccino di cavolfiore
Marotta Ristorante, pane, grissini e olio
Marotta Ristorante, pane, grissini e olio
Marotta Ristorante, merluzzo e ceci
Marotta Ristorante, merluzzo e ceci
Marotta Ristorante, l'uovo
Marotta Ristorante, l’uovo
Marotta Ristorante, riso e bufala
Marotta Ristorante, riso e bufala
Marotta Ristorante, spaghettini alle cime di rapa e alici
Marotta Ristorante, spaghettini alle cime di rapa e alici
Marotta Ristorante, plin con ripieno di animali da cortile
Marotta Ristorante, plin con ripieno di animali da cortile
Marotta Ristorante, la faraona
Marotta Ristorante, la faraona
Marotta Ristorante, dessert alla castagna
Marotta Ristorante, dessert alla castagna
Marotta Ristorante, piccola pasticceria
Marotta Ristorante, piccola pasticceria
Marotta Ristorante, gelato al fieno
Marotta Ristorante, gelato al fieno
Marotta Ristorante, il vino
Marotta Ristorante, il vino

 

REPORT 6 agosto 2022

Ristorante Marotta
Ristorante Marotta

di Luciano Pignataro
Ormai di ristoranti aperti da ragazzi che sono stati un po’ qui e un po’ la se ne aprono a decine e, diciamo la verità, lasciano il tempo che trovano purtroppo perché se l’esperienza non è vera, lunga, intensa al punto che ti permette di conoscere la lingua, è praticamente inutile. In un’epoca spot dove si vive su Facebook ci si può costruire un bel curriculum andando a tagliare un po’ di insalata per una settimana da tizio e fettare le rape rosse da Caio per poi rivelare al fuffblogger di turno in cerca di pasti gratis la straordinaria carriera.
Bene, tutto questo non è il caso di Domenico Marotta.

Ristorante Marotta
Ristorante Marotta
Ristorante Marotta
Ristorante Marotta

Tanti per cominciare, ha fatto l’alberghiero di Gaeta, uno dei migliori del Centro Sud che ha dato i natali professionali,  per dirne uno, a Francesco Apreda.

Ristorante Marotta
Ristorante Marotta:chips di pelle di maiale
Ristorante Marotta
Ristorante Marotta: le lumache

Quasi un paio d’anni da Andrea Berton al Trussardi alla Scala, più di tre anni da Enrico Crippa a Piazza Duomo (è andato via da junior sous chef), un anno alla corte Alain Passard e del suo Arpege. Brevi passaggi anche da Éric Frechon, Kobe Desramaults e da Seiji Yamamoto. In tutto, 12 anni di gavetta. Un ragazzo riservato, molto timido, che ha deciso di coltivare il suo sogno dell’alta cucina nell’attività della famiglia. Domenico Marotta ha aperto il suo ristorante nel giugno 2019, una piccola oasi di cucina d’autore al primo piano del ristorante per banchetti gestito dalla famiglia in località Squille di Castel Campagnano, il paese del Pallagrello. Un Curriculum di quelli di quelli davvero importanti che riescono a formare i giovani dando loro il senso della disciplina e della gerarchia in cucina.

Ristorante Marotta
Ristorante Marotta
Ristorante Marotta
Ristorante Marotta: l’uovo
Ristorante Marotta
Ristorante Marotta

I frequentatori seriali di ristoranti si troveranno subito di fronte ad un linguaggio comprensibile e moderno che si riassume così:
1-Grande precisione tecnica nelle esecuzione delle cotture
2-Assoluta considerazione per i vegetali usati prodotti del futuro che non necessariamente vanno accompagnati da carne e pesce. Questo punto gli da decisamente vantaggio sulla maggioranza dei cuochi che non riesce a prescindere dalle proteine animali in un piatto.
3-Pulizia nella presentazione e riduzione del numero degli elementi in ciascuna ricetta. Gli ingredienti non sono messi a casaccio, ma servono ad eseltare la materia prima protagonista.
4-Originalità delle proposte declinate con la materia prima del territorio e non con prodotti seriali acquistati sul catalogo. E dunque stagionalità.

Ristorante Marotta
Ristorante Marotta
Ristorante Marotta
Ristorante Marotta
Ristorante Marotta
Ristorante Marotta

In sintesi, tocco leggero e delicato in cucina, poi diversità, personalità e qualità indiscutibili nei piatti. Domenico Marotta è così sempre più culinary gardener, con l’orto a pochi metri della cucina che entra con prepotenza nei piatti, dimostrando la versatilità degli ingredienti vegetali, che sottolineano con chiarezza il concetto di stagionalità, perché la natura cambia, muta e i suoi piatti sono sempre in evoluzione.

Ristorante Marotta
Ristorante Marotta
Ristorante Marotta
Ristorante Marotta
Ristorante Marotta
Ristorante Marotta
Ristorante Marotta
Ristorante Marotta

I vegetali (non solo verdura, ma anche frutta) si prestano al Marotta Ristorante ad un viaggio sensoriale nella botanica, dove si coglie anche il dialogo con la carne, con il pesce e con le uova, e dove è coinvolta anche la pasticceria.
Una precisione chirurgica nelle cotture, sensibilità notevole nel trattare il mondo vegetale, pulizia gustativa, personalità, appartenenza, leggerezza. Questi punti sono il benchmark nella cucina d’autore moderna, sono i cardini imprescindibili per qualsiasi cuoco. Domenico le riassume tutte insieme, con grazia ed eleganza, sussurrandole. Una cucina che appare già matura, nel senso che è già compiuta, che coniuga ricerca senza perdere di vista il tema della golosità. Sono davvero tanti gli spunti per un ragazzo che affonda a piene mani nel luogo dove vive (appartenenza), rispettandolo, senza aver paura di contaminarlo con viaggi ed esperienze che ha fatto.

Ristorante Marotta
Ristorante Marotta
Ristorante Marotta
Ristorante Marotta
Ristorante Marotta

A questo dobbiamo aggiungere un altro grande pregio: non è una cucina ideologica e neanche modaiola, ha una sua precisa personalità che prescinde dalle tendenze che si stanno scontrando in questo momento. In più, ha recuperato alla pasta e al riso il giusto ruolo di momento topico e della gioia, che fa la differenza fra l’Italia e il resto del mondo e dal quale non si può prescindere quando si lavora da noi, soprattutto al Sud.

Ristorante Marotta - vini
Ristorante Marotta – vini

E’ sempre difficile giudicare, ancor di più fare delle previsioni, ma possiamo tranquillamente con grande serenità che quella di Domenico Marotta, giovane dell’anno per 50 Top Italy nel 2021, è oggi una delle esperienze più interessanti che la cucina italiana propone in questo momento.

REPORT 24 APRILE 2022

Domenico Marotta - Marotta Ristorante
Domenico Marotta – Marotta Ristorante

di Antonella Amodio

Con erbe, verdure e fiori si apre il pranzo da Marotta Ristorante, con il suo inconfondibile entrée di benvenuto, dove non manca la lumaca, che nel nuovo menù di primavera ““Radici & Innesti” è servita con rami di cipresso e limone e dove – ad annunciare la nuova stagione – c’è il Consommé di Piselli e Cardamomo Verde. Piatto che da solo vale la sosta.

entree di benvenuto - Marotta Ristorante
entree di benvenuto – Marotta Ristorante
Consomme' di Piselli e Cardamomo Verde - Domenico Marotta
Consomme’ di Piselli e Cardamomo Verde – Domenico Marotta
Lumaca con rami di cipressi e limone - Domenico Marotta
Lumaca con rami di cipressi e limone – Domenico Marotta

Tocco leggero e delicato in cucina, poi diversità, personalità e qualità indiscutibili nei piatti.  Domenico Marotta è così sempre più culinary gardener, con l’orto a pochi metri della cucina che entra con prepotenza nei piatti, dimostrando la versatilità degli ingredienti vegetali, che sottolineano con chiarezza il concetto di stagionalità, perché la natura cambia, muta e i suoi piatti sono sempre in evoluzione.

I vegetali (non solo verdura, ma anche frutta) si prestano al Marotta Ristorante ad un viaggio sensoriale nella botanica, dove si coglie anche il dialogo con la carne, con il pesce e con le uova, e dove è coinvolta anche la pasticceria.

Dal nuovo menù il Merluzzo, Asparagi e the Matcha; poi la Pasta, Patate e “Uova di Mare”; lo Spaghettino, Carciofo alla Brace e Maggiorana; il Raviolo, Spalla di Agnello “Cacio e Ove”; la deliziosa Anguilla, ‘Nduja e Bergamotto; la Faraona al Finocchietto, liquirizia, aglio nero e caffè, accompagnata dalla Piadina, finanziera, Senapi e Crescione.

Merluzzo, Asparagi e the Matcha - Domenico Marotta
Merluzzo, Asparagi e the Matcha – Domenico Marotta
Spaghettino, Carciofo alla Brace e Maggiorana - Marotta Ristorante
Spaghettino, Carciofo alla Brace e Maggiorana – Marotta Ristorante
Pasta, Patate e Uova di Mare -Domenico Marotta
Pasta, Patate e Uova di Mare -Domenico Marotta
Raviolo, Spalla di Agnello “Cacio e Ove” -Marotta Ristorante
Raviolo, Spalla di Agnello “Cacio e Ove” -Marotta Ristorante
Anguilla, ‘Nduja e Bergamotto - Domenico Marotta
Anguilla, ‘Nduja e Bergamotto – Domenico Marotta
Faraona al Finocchietto, liquirizia, aglio nero e caffe' - Domenico Marotta
Faraona al Finocchietto, liquirizia, aglio nero e caffe’ – Domenico Marotta
Piadina, finanziera, Senapi e Crescione - Domenico Marotta
Piadina, finanziera, Senapi e Crescione – Domenico Marotta

Quindi RisoLatte, Kumquat e Coriandolo, poi Fragole e May Chang, Consommé di Pera Gelatina di Jun, Tartelletta Curcuma e Arancia, che preparano all’assaggio dello strepitoso Gelato al fieno.

RisoLatte, Kumquat e Coriandolo, poi Fragole e May Chang, Consommé di Pera Gelatina di Jun - Domenico Marotta
RisoLatte, Kumquat e Coriandolo, poi Fragole e May Chang, Consommé di Pera Gelatina di Jun – Domenico Marotta
Gelato al fieno - Domenico Marotta
Gelato al fieno – Domenico Marotta

Giugno 2021

Ristorante Marotta

di Antonella Amodio

Tanta presenza vegetale, di fiori e di frutta, erbe spontanee e aromatiche, che si abbinano a carne, pesce, uova, pasta, è alla base del menù dell’estate 2021 dello chef Domenico Marotta.

Due percorsi di degustazione: “Radici & Innesti”, uno da 5 portate (60,00 €) e l’altro da 7 portate (75,00 euro), ai quali è possibile abbinare anche il vino a calice, scelto dal sommelier e maitre Anna Coppola.

Marotta Ristorante - Menu' Estate 2021
Marotta Ristorante – Menu’ Estate 2021

Piatti che sono connessioni con il territorio e dove l’impronta “plant based” sottolinea ancora di più questo aspetto, ridefinendo la cucina di Domenico Marotta e rendendola ancora più creativa, brillante e divertente. La piacevolezza dell’esperienza inizia con l’aperitivo di Melanzana e Origano; Pomodoro e Lavanda; Carotina, indivia, bieta e furikake di asparagi, strigoli e salsa brusca, poi Baccalà mantecato e acetosella verde, ed infine le Lumache cacio e pepi (i peli sono più di uno).

Marotta Ristorante - Aperitivo
Marotta Ristorante – Aperitivo
Marotta Ristorante - Baccala' mantecato e acetosella verde
Marotta Ristorante – Baccala’ mantecato e acetosella verde

Immancabile sulla tavola del Marotta Ristorante il Crustum et Moretum, preparato con il conciato romano; a seguire la portata calda di Schie in tempura e tandoori; Cotenna e guanciale.

Marotta Ristorante - Crustum et Moretum
Marotta Ristorante – Crustum et Moretum
Marotta Ristorante - Schie in tempura e tandoori
Marotta Ristorante – Schie in tempura e tandoori

Un piatto molto equilibrato è il Merluzzo, geranio, fiori e agrumi, così come molto bello è il contrasto di temperatura dell’Uovo e Zucchine (immancabili le uova nella cucina di Domenico: arrivano da una fattoria a pochi chilometri dal ristorante), e la Trippa, carciofi e liquirizia.

Il menu di Domenico Marotta

 

Marotta Ristorante - Merluzzo, geranio, fiori e agrumi
Marotta Ristorante – Merluzzo, geranio, fiori e agrumi
Marotta Ristorante -Uovo e zucchine
Marotta Ristorante -Uovo e zucchine
Marotta Ristorante - Trippa, carciofi e liquirizia
Marotta Ristorante – Trippa, carciofi e liquirizia

Irrinunciabile all’assaggio il Risotto, caprino, curry verde e lime, mentre lo Spaghetto alla chitarra, melanzana, cozze, limone e levistico è il piatto che di più mi ha lasciato il segno, per l’ottimo abbinamento degli elementi e delle cotture dei singoli ingredienti.

Marotta Ristorante - Spaghetto alla chitarra, melanzana, cozze, limone e levistico
Marotta Ristorante – Spaghetto alla chitarra, melanzana, cozze, limone e levistico

Il Plin di coniglio all’Ischitana; Animella, finocchio, aglio nero e anice nero, e il Maiale al combawa, indivia e salsa ponzu fanno parte della proposta dei secondi piatti e sono da non perdere.

Marotta Ristorante - Animella, finocchio, aglio nero e anice nero
Marotta Ristorante – Animella, finocchio, aglio nero e anice nero
Marotta Ristorante - Maiale al combawa, indivia e salsa ponzu
Marotta Ristorante – Maiale al combawa, indivia e salsa ponzu

E per concludere, c’è il meraviglioso Fiore di Nasturzio che incontra al suo interno la crema alla vaniglia, la polvere di rosa selvatica e il miele millefiori; poi la Foresta Nera, ciliegie e sambuco. Chiude la curata e imperdibile piccola pasticceria.

Marotta Ristorante - Fiore di Nasturzio
Marotta Ristorante – Fiore di Nasturzio
Marotta Ristorante - Foresta nera, ciliegia e sambuco
Marotta Ristorante – Foresta nera, ciliegia e sambuco
Marotta Ristorante - Brutti ma buoni alla nocciola di Gifgoni, Tartelletta alla curcuma e arancia, Tartufino all’amaretto
Marotta Ristorante – Brutti ma buoni alla nocciola di Giffoni, Tartelletta alla curcuma e arancia, Tartufino all’amaretto

Grande cromaticità, tanta tecnica e territorio circostante: questo si incontra nella cucina di Domenico Marotta.

Marotta Ristorante - Frutta al ghiaccio, consomme' di pesca tabacchera, bigne' tiramisu'
Marotta Ristorante – Frutta al ghiaccio, consomme’ di pesca tabacchera, bigne’ tiramisu’

Ristorante Marotta
Via Marrochelle, 52 81010 Squille (CE)
Aperto dal mercoledì alla domenica pranzo e cena

Report del 21 febbraio 2021

Domenico Marotta
Domenico Marotta

Eccoci di nuovo qui, in quello che è uno dei pochi ristoranti di avanguardia in Campania e nel Sud. Non ci metteremo a discettare sul concetto di avanguardia altrimenti apriremmo una discussione infinita, ma diciamo che posso sintetizzare il piacere di stare da Domenico Marotta in questo modo: godere dell’aggiornamento delle migliori tecniche applicate sia ai prodotti del territorio che alla tradizione italiana. Motivo per cui mangi cose ordinarie viste con un occhio diverso, più attuale e moderno, ovvero con meno grassi e maggiore concentrazione di sapore sul protagonista del piatto.

La partenza è scoppiettante, in puro stile Crippa, con una serie di canapè vegetali e non che divertono, spaziano sulle consistenze, il fresco e le fermentazioni, con buon brodo di funghi in cui è estratta alla perfezione la percezione autunnale; e un sempice quanto straordinario cappuccino di cavolfiore, che, alla francese, viene usato come conduttore di sapore, anche in questo caso di funghi.
Tanti i riferimenti territoriali, non solo quando si parla di orto casertano, ma anche quando si entra nel variegato mondo delle proteine aninali: ecco le lumache cacio e pepe o il maiale in un boccone a due consistenze.

Ristorante Marotta - Canape’, Zucca marinata e Salvia, Bruxelles alla Senape e Crescione Carotina - Indivia - Bieta e Furikake Ahi Consomme’ di Funghi Baccala Mantecato e Acetosella Verde
Ristorante Marotta – Canape’, Zucca marinata e Salvia, Bruxelles alla Senape e Crescione Carotina – Indivia – Bieta e Furikake Ahi Consomme’ di Funghi Baccala Mantecato e Acetosella Verde
Ristorante Marotta - Baccala' Mantecato e Acetosella
Ristorante Marotta – Baccala’ Mantecato e Acetosella
Ristorante Marotta - Canape, Lumache cacio e pepe, Cotenna e Guanciale
Ristorante Marotta – Canape, Lumache cacio e pepe, Cotenna e Guanciale
Ristorante Marotta - Canape - Schie in tempura e Tandoori
Ristorante Marotta – Canape – Schie in tempura e Tandoori
Ristorante Marotta - cappuccino di cavolfiori
Ristorante Marotta – cappuccino di cavolfiori
Ristorante Marotta - Crustum et Moretum
Ristorante Marotta – Crustum et Moretum

Finito il divertimento nippo-nordeuropeo in salsa casertana, e qui c’è lo stacco con coloro che copiano semplicemente (dai libri, taluno) facendo fessi gli incompetenti approdati da poco alla gastronomia, che emettono giudizi senza neanche essere stati in tutti i tristellati italiani (minimo sindacale). Improvvisati come coloro che esaltano, l’italico circoletto claustrofobico degli ego infantili irrisolti.
Qui lo stacco è nella gioia italiana dell’approccio al cibo e nella personalizzazione. Siamo in Italia con il pane e i grissini, ma anche con la centralità assegnata ai primi piatti di riso, pasta secca e pasta fresca che sono golosi e soprattutto al centro del pranzo, meglio, al nadir.
Tre piatti, tre calci di rigore a porta vuota, tre proposte ecumeniche.

Preceduti da due piatti di alta tecnica e tanto sapore, in particolare il merluzzo e verza che è una riedizione del “baccalà con verza” della mitica Trattoria Di Pietro (citata nella presentazione), davvero fantastico, mentre l’uovo ci riporta all’illusionismo estetico di Nino Di Costanzo.
Infine il piccione, questo di allevamento italiano, presentato intero e poi porzionato che rivela una tecnica di cottura assolutamente di alta scuola e perfetta. Nel piatto niente pasticci, ma solo essenzialità con l’abbinamento alle nespole.
Chiusura con i dolci non dolci, decisamente allegri e moderni.
Il percorso che abbiamo fatto, sette portate (diventate otto con l’inserimento dei plin presentati a tutti i tavoli) costa 70 euro.
Il servizio è appassionato e competente, la sala gira molto bene.
La carta dei vini invece è da rimpolpare, ma assolutamente adeguata al locale e alla cucina che, non dimentichiamo, non ha ancora due anni — di cui uno pandemico.
Domenico è schivo, timido, non sarà mai uno chef star. Ma sarà la stella cometa di chi ama mangiare davvero la modernità.

Ristorante Marotta - Pane e grissini
Ristorante Marotta – Pane e grissini
Ristorante Marotta - Olio Terre Stregate
Ristorante Marotta – Olio Terre Stregate
Ristorante Marotta - Antipasto - merluzzo e verza
Ristorante Marotta – Antipasto – merluzzo e verza
Ristorante Marotta - Antipasto - uova e barbabietola
Ristorante Marotta – Antipasto – uova e barbabietola
Ristorante Marotta - Risotto, Caprino, Curry Verde e Lime
Ristorante Marotta – Risotto, Caprino, Curry Verde e Lime
Ristorante Marotta - Linguine Pastificio dei Campi, Lumachine di Mare, Alghe e Finocchietto
Ristorante Marotta – Linguine Pastificio dei Campi, Lumachine di Mare, Alghe e Finocchietto
Ristorante Marotta - Plin di Coniglio all’Ischitana
Ristorante Marotta – Plin di Coniglio all’Ischitana
Ristorante Marotta - Piccione, Nespola Invernale, Cavolo Riccio e Mais
Ristorante Marotta – Piccione, Nespola Invernale, Cavolo Riccio e Mais
Ristorante Marotta - Piccione, Nespola Invernale, Cavolo Riccio e Mais
Ristorante Marotta – Piccione, Nespola Invernale, Cavolo Riccio e Mais
Ristorante Marotta - Panna Cotta al Pane Bruciato, Zucca, Caramello e Anice
Ristorante Marotta – Panna Cotta al Pane Bruciato, Zucca, Caramello e Anice
Ristorante Marotta - Piccola pasticceria - Mela al Ghiaccio Gelatina di Susine e Lime Tartelletta Curcuma e Arancia Bigne’ Tiramisu’
Ristorante Marotta – Piccola pasticceria – Mela al Ghiaccio, Gelatina di Susine e Lime, Tartelletta Curcuma e Arancia, Bigne’ , Tiramisu’
Ristorante Marotta - vini
Ristorante Marotta – vini
Ristorante Marotta - vini
Ristorante Marotta – vini

Report del 16 agosto 2019

Ristorante Marotta - Chef Domenico Marotta e parte dello staff
Ristorante Marotta – Chef Domenico Marotta e parte dello staff

 

di Antonella Amodio

Correva l’anno 2003 quando conobbi lo chef Alan Passard. Di lui ricordo l’approccio maniacale agli ingredienti di natura vegetale dai quali – durante la lavorazione per la preparazione dei piatti – tirava fuori eleganza e gusto. Indimenticabile il piatto di sushi di barbabietola, dove si rincorrono rigore e rispetto per le materie prime. Una cucina folgorante, che ha disegnato un nuovo modo di interpretare l’alta cucina. Non a caso, Alan Passard è ampiamente riconosciuto come uno dei migliori chef del pianeta.

Qualche sera fa, al Ristorante Marotta del giovane chef Domenico Marotta, le verdure proposte sottoforma “sperimentale”, la combinazione dei sapori, delle erbe e delle spezie, mi hanno ricordato la formidabile cucina di Alan Passard. Solo dopo ho appreso che Domenico Marotta ha lavorato nel ristorante di Alain a Parigi.

Ristorante Marotta - Domenico Marotta
Ristorante Marotta – Domenico Marotta

Che cos’è il Ristorante Marotta ? Sicuramente non un posto dove è servita la cucina definita gourmet (termine – ahimè – ampiamente abusato ), ma qualcosa di più, una cucina di ricerca, contemporanea, dove la maggior parte dei piatti è studiata e interpretata non solo per stupire nell’accurata presentazione, ma soprattutto per ricordare nel gusto ciò che è l’ingrediente, mantenendo sapori chiari e riconoscibili. Durante i passaggi della trasformazione, gli ingredienti originari sono trattati con semplicità nelle cotture veloci e misurate, volte ad esaltare le caratteristiche dei prodotti provenienti dall’orto personale. Ho apprezzato le verdure crude, poi le salse e i condimenti di accompagnamento, per alcuni piatti del menù, che ricordano nell’esecuzione l’alta scuola di formazione.

Ristorante Marotta - ingresso
Ristorante Marotta – ingresso

Il ristorante Marotta si trova a Squille, in piena campagna, circondato da colline vitate a pallagrello e casavecchia e sorvegliato dal borgo di Caiazzo, che dalla terrazza del ristorante sembra di poter toccare con un dito. A ricevervi ci sarà un curato giardino che conduce all’ingresso del ristorante, al primo piano di Villa La Collinetta.

La sala dall’arredo moderno e minimal, con tavoli ben distanziati e sedute comodissime, conta solo venti coperti.

Ristorante Marotta - sala
Ristorante Marotta – sala

Il menù, oltre ai piatti alla carta, propone due degustazioni: “Radici”, con cinque portate di ispirazione territoriale e con abbinamento di vini al calice, a 48,00 euro e “Innesti”, con la degustazione di piatti territoriali e incursioni nel resto del mondo, composto da 7 portate anch’esso con vini abbinati a 68,00 euro.

Si inizia con il benvenuto composto da melanzana in agrodolce, cimetta verde con senape e furikake, salicornia, mandorle fresche e riccio di mare, maiale al quadrato, cips con conciato romano, baccalà mantecato, spiedino di lumaca con amaranto soffiato e crema di aglio, gamberetti e polvere tandori.

Ristorante Marotta - melanzana in agrodolce, cimetta verde con senape e furikake
Ristorante Marotta – melanzana in agrodolce, cimetta verde con senape e furikake
Ristorante Marotta - Spiedino di lumaca con amaranto soffiato e crema di aglio
Ristorante Marotta – Spiedino di lumaca con amaranto soffiato e crema di aglio
Ristorante Marotta - baccala' mantecato
Ristorante Marotta – baccala’ mantecato

Poi, le irrinunciabili penne vegetali, salsa bernese e tartufo estivo. Storione con insalata liquida di sedanino acquatico, portulaca e rucola.

Ristorante Marotta - Penne vegetali , salsa bernese e tartufo estivo
Ristorante Marotta – Penne vegetali , salsa bernese e tartufo estivo
Ristorante Marotta - Storione con insalata liquida di sedanino acquatico, portulaca e rucola
Ristorante Marotta – Storione con insalata liquida di sedanino acquatico, portulaca e rucola

Una deliziosa Insalata nera e gambero di Mazara del Vallo. Sgombro e cetriolo con misticanza, accompagnato da un soffice bao, spirulina con fiore di malva e thè macha.

Ristorante Marotta - Sgombro e cetriolo, misticanza, bao, spirulina in fiore di malva e thè macha
Ristorante Marotta – Sgombro e cetriolo, misticanza, bao, spirulina in fiore di malva e thè macha

Come primi piatti il Risotto con erbe fini e cipolla di Alife bruciata, e inoltre gli Gnocchi di patate, ricotta e spinaci. Per secondo, un “semplice” calamaro e zucchine alla scapece.

Ristorante Marotta - Risotto alle erbe fini e cipolla di Alife bruciata
Ristorante Marotta – Risotto alle erbe fini e cipolla di Alife bruciata
Ristorante Marotta - Gnocchi di patate, ricotta e spinaci
Ristorante Marotta – Gnocchi di patate, ricotta e spinaci
Ristorante Marotta - Calamaro e zucchine alla scapece
Ristorante Marotta – Calamaro e zucchine alla scapece

La piccola pasticceria che precede il dessert è composta da sfogliatella frolla, albicocche del Vesuvio all’essenza di anice, tartellette di mela. Per dessert ho provato uno squisito Limone: una sfera sottile di meringa ripiena di impalpabile crema al limone.

Ristorante Marotta - Sfogliatella frolla
Ristorante Marotta – Sfogliatella frolla
Ristorante Marotta - Limone
Ristorante Marotta – Limone

Carta dei vini con etichette regionali, nazionali e internazionali, mentre è in progress la selezione dei distillati.

I pani proposti sono preparati in sede con farine di grani antichi.

 

Servizio professionale.

Ristorante Marotta
Via Marrochelle, 52  81010 Squille (CE)
Aperto dal mercoledì alla domenica pranzo e cena

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.