Cinque cose da mangiare e una da bere in questi giorni a Napoli

29/3/2018 4.8 MILA
portafortuna

Sei cose da fare in questi giorni di Pasqua a Napoli?
Eccole!

________________________________________
1- Mangiare la zuppa di cozze dalla Figlia d’o Marinaro

'A Figlia do Marinaro, zuppa di cozze
‘A Figlia do Marinaro, zuppa di cozze

Un must per tutti i napoletani. Assunta Pacifico ha rinnovato i locali e adesso non c’è che da sedersi e godersi un cibo popolare, vero, buonissimo.

___________________________________________
2- Mangiare la pizza fritta della Masardona a Piazza Vittoria

Masardona a Piazza Vittoria
Masardona a Piazza Vittoria

Il pioniere della pizza fritta, quello che era diventato l’ultimo dei Moiacani, ha adesso aperto a Chiaia un punto vendita ed è qui che bisogna fermarsi e mangiarla. Poi andate nella chiesa dei calabresi affianco ed espiate i peccati di gola,

_____________________________
3-Mangiare la Pizza Dama da Carmnella

Pizza Dama di Vincenzo Esposito
Pizza Dama di Vincenzo Esposito

Al momento è la pizza dell’anno: salsa di pomodoro fresca pronta per gli spaghetti e invece usata per la pizza con scaglie di parmigiano, buonissima! Da Carmnella, pizzeria popolare di quartiere vicino la stazione.

____________________________
4- Mangiare la genovese dell’Alto Loco

Genovese classica

Il ragù quando fa freddo, la genovese sempre. Ecco quella secondo me è una delle migliori a Napoli, la propone Diego Nuzzo a via Cappella Vecchia a Chiaia.Mi raccomando, prenotate altrimenti non trovate posto.

__________________________________________________
5-Mangiare la pastiera scomposta di Lino Scarallo a Palazzo Petrucci

Palazzo Petrucci - Vent'anni di pastiera scomposta
Palazzo Petrucci – Vent’anni di pastiera scomposta

Ha vent’anni ma non li dimostra. Un piccolo colpo di genio di Lino Scarallo, registrato anche su Mysocialrecipe, che ha anticipato i tempi e puntato un nuovo modo di mangiare la pastiera conservandone i sapori. Imperdibile allo stellato Palazzo Petrucci.

___________________________________________________________________
6- Bere il Piedirosso di Colle Rotondella di Cantina Astroni come se non ci fosse un domani

Colle Rotondella, il Piedirosso di Cantione Astroni

Di Piedirosso ce ne sono ormai tanti, ma noi vi indichiamo questo che si coltiva dentro il comune di Napoli. Un rosso allegro, beverino, di grande stoffa. Elegante e adatto al mare come alla terra.
Alè

E voi avete qualche altro suggerimento?

Un commento

    Marco Galetti

    (29 marzo 2018 - 16:10)

    “E voi avete qualche altro suggerimento?”
    Beh, se la ragazza con gli occhiali della foto d’apertura, ama anche i piaceri della tavola, l’elenco potrebbe arricchirsi a dismisura, in fondo il preveggente Ellepi ha fornito l’indirizzo per espiare… comunque, visto che il Tar ha appena sospeso l’ordinanza controversa, andrei di capretto arrostito al fuoco, secondo tradizione Cristiana.

I commenti sono chiusi.