Garantito IGP | Sorpasso: a Carema va di scena la viticoltura eroica di Martina e Vittorio

2/1/2020 668
Carema
Carema

di Andrea Petrini

I principali problemi del vino di Carema, fino a qualche tempo fa, erano sostanzialmente due: l’estrema frammentazione dei vigneti, spesso suddivisi in piccolissime parcelle sparse per il territorio, e il progressivo abbandono della viticoltura visto che, tranne rare eccezioni, le vigne sono gestite o dagli anziani del paese che conferiscono per la maggior parte alla cantina sociale oppure, per eredità, appartengono a famiglie che non hanno nessuna intenzione di continuare a coltivarle.

Carema
Carema

Se è vero che il primo problema, oggi, rimane ancora in piedi, anche perché insito nel DNA di questo territorio, è vero anche che Carema e il suo vino, fortunatamente, stanno vivendo una sorta di seconda giovinezza perché da qualche tempo tanti ragazzi stanno investendo tempo e risorse in questa DOC dando vita a quella che chiamerei senza dubbio la Nouvelle Vague del Carema. E’ il caso, ad esempio, di Vittorio Garda e Martina Ghirardo, nati e cresciuti nel Canavese e nel comune di Carema, che invece di fuggire via dai luoghi natii, come tante coppie della loro età, hanno deciso di rimanere nel loro territorio cercando di costruire proprio là il loro futuro fondando nel 2012 l’azienda Sorpasso il cui nome si ispira ad una favola di Esopo.

Carema
Carema

Vado a trovare Martina (Vittorio era in vendemmia) una mattina di ottobre, durante la festa del vino di Carema. Ci diamo appuntamento ad Airale dove ha parte dei suoi vigneti ed è inoltre situata anche al piccola cantina aziendale ricavata da una vecchia casa dell’800 di recente ristrutturazione. Da qua, con grande fatica, cominciamo ad arrampicarci sui ripidi pendi che portano in cima alla collina (siamo più o meno a 500 metri) da dove dominiamo la vallata sottostante. Non stanco mai di ripetermi: solo calpestando queste vigne, incastonate nella roccia, possiamo capire quanta fatica facciano questi ragazzi a gestire le loro bellissime vigne di nebbiolo (si trovano anche varietà autoctone come Neretto e Ner d’Ala) che in totale, sparse in tantissime parcelle, si “estendono” per circa un ettaro. I vigneti, per ora quasi tutti in affitto, sono per 2/3 allevati a pergola tradizionale e 1/3 a spalliera.

Carema
Carema

Riscendiamo verso la cantina, ultimata nel 2016 per cui, come mi spiega Martina, architetto prestato al mondo del vino, le prime due annate prodotte del loro vino, ovvero 2014 e 2015, sono state vinificate a Montestrutto, fuori dalla DOC Carema, ma comunque appartenenti alla DOC Canavese.

Entriamo, la struttura è piccola ma ordinatissima, tutto sembra fatto su misura per lavorare al meglio anche in un pochi metri quadri.

“Tutti i vini che produciamo hanno una base al 100% nativa, dalla quale cerchiamo di estrarre quanto più possibile le caratteristiche del nostro territorio” – esordisce così Martina mentre mi spiega la loro filosofia di vinificazione proseguendo che “il vino viene fatto fermentare sempre in acciaio attraverso un pied de cuve dove il lievito proviene direttamente dal nostro vigneto. Dopo la fermentazione, il vino rimane sulle bucce per circa 3 mesi dopodiché, una volta torchiato, rimane per alcuni mesi in acciaio inox, a cui seguono mediamente 12 mesi di affinamento in botti di legno (barrique e tonneau) esauste prima di essere infine imbottigliato, senza filtrazioni né chiarifiche, in nemmeno 2000 unità”.

Nella testa di Vittorio e Martina c’è anche futura produzione di un metodo classico e di un bianco a base riesling ed erbaluce ma tutto è ancora in divenire.

La degustazione parte con alcuni assaggi dalla botte e Martina mi fa:” Andrea, questo è il vino proveniente dalle vigne dove siamo stati prima, è il vino di Airale, che nelle nostre intenzioni, anche se ora non ha senso vista la quantità, potrebbe diventare un Cru di Carema”. Ha ragione, il vino seppure ancora in affinamento, è già espressivo, luminosissimo, più spostato sul floreale che sul fruttato, e con una bocca talmente calibrata che già ora potrebbe incantare più di qualche palato allenato.

Ci sediamo, ancora frastornato per la sorpresa precedente, e mi viene versato il Canavese DOC Nebbiolo “Suflin” 2015 (85% nebbiolo, 15% Neretto e Ner d’Ala) il cui nome, in termini dialettali, significa pignolo, preciso, così come tutto il lavoro dei nostri giovani vignaioli di Carema. Pur essendo la loro seconda vinificazione, capisco che Vittorio e Martina hanno già le idee ben chiare su cosa cercano in un vino ovvero personalità associata a territorialità e questo Suflin ne è l’esempio lampante: fruttato, minerale, fresco, ammalia il palato per ritmo ed intensità sapida.

Suflin
Suflin

Il Carema 2016 (85% nebbiolo, 15% Neretto e Ner d’Ala), prima annata vinificata nella nuova cantina, è figlio di un millesimo più equilibrato ed ha un profilo olfattivo inizialmente terroso che poi si apre svelando una freschissima viola a cui seguono sensazioni di lampone e leggera speziatura. La mineralità di fondo spiega la sua longevità che la forza del sorso ribadisce. Finale rigoroso, rigoroso, col senso del tempo che fornirà ancora più sfaccettature al vino.

Carema - sorPasso
Carema – sorPasso

Seguite Martina e Vittorio, sono giovani, bravi, giustamente ambiziosi e non potranno che migliorare col tempo. Un po’ come il loro vino!

Un commento

    Miro

    Forza e coraggio. Un solo modesto consiglio da estendere a tutto il mondo del vino: lasciate perdere l’ggettivo improprio ed enfatico. Chiamatevi piuttosto “contadini resistenti”. Gli eroi lasciamoli all’Epica. E magari fate un buon vino “Bella ciao”.
    Buon lavoro e buona vIta al vino di Mario Soldati.

    4 gennaio 2020 - 09:46Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.