Taurasi Radici riserva 1999 – Mastroberardino

30/5/2021 754

di Antonio Prinzo
Mi piace perdermi davanti a uno scaffale a guardare etichette e bottiglie. Il vino non è solo bere e degustare è anche sognare di luoghi e posti che in ogni etichetta vengono evocati. Belle le etichette francesi, austriache o tedesche, ma alla fine sono quelle, sempre quelle. In Italia la fantasia e spesso la confusione la fanno da padrone e questo fa dei nostri vini da guardare una cosa bellissima e divertente. Fantasia e confusione, questo siamo, sono le nostre radici, la nostra differenza.

A proposito di radici ho voglia di parlarvi delle sensazioni che mi ha dato una bottiglia di Radici Mastroberardino del 1999. L’etichetta è un marchio da sempre, elegante, nel tempo piccole variazioni ma il segno è quello, lo riconosci subito.

Di Mastroberardino si è scritto tanto, è la storia del vino campano e italiano, è la storia e il successo dell’aglianico, quello vulcanico, forte e deciso.

Radici riserva 1999 – Mastroberardino
Radici riserva 1999 – Mastroberardino

Tappo perfetto e profumato di china, all’occhio il vino si presenta di rosso intenso con quelle note di colore che virano verso i suoi vent’anni e più. Al naso forte, tanta frutta scurissima, dolce, note di agrumi maturi, liquirizia, terra scura bagnata.

Radici riserva 1999 – Mastroberardino
Radici riserva 1999 – Mastroberardino

All’assaggio si conferma materico con quelle note dolci di ciliegie molto mature, china, non lunghissimo ma incredibilmente fresco. Un sorso appagante, ti ricorda quelle belle donne eleganti che quando incrociano il tuo sguardo ti concedono un attimo di passione.

Radici riserva 1999 – Mastroberardino
Radici riserva 1999 – Mastroberardino

Sorprese del vino che aspetta paziente il suo momento per uscire e donarti la leggerezza e l’allegria che pensavi lontana. Dopo, alla fine quando quella bottiglia è vuota pensi alle radici, quelle che ci tengono legati alle nostre passioni.

7 commenti

    Mondelli Francesco

    Anno mitico per Fiano ma anche con il Taurasi non siamo molto lontano.Un’azienda che è storia e memoria del vino campano.Fortunato lei che si è trovata una simile rarità a portata di mano.PS Radici che ci tengono aggrappati ad amici passioni e……”condivisioni”FM

    30 maggio 2021 - 08:50

    Antonio Prinzo

    Caro Francesco, caro console romano cilentano, ritroviamoci nel nostro Cilento e abbracciamoci attorno al vino….

    30 maggio 2021 - 10:02

    Marco Galetti

    Da Marco e Mila un abbraccio a te e a F.

    30 maggio 2021 - 13:38

      Antonio Prinzo

      Grazie cari, non vediamo l’ora di vedervi

      30 maggio 2021 - 19:36

    Mondelli Francesco

    @Antonio Prinzo.Console non lo so ma qualcuno lontano a noi vicino allude persino a Principe di Omignano.Stiamo coi piedi per terra e non facciamoci prendere la mano che di sicuro al più presto ce la diamo e poi ci abbracciamo ma a condizione che a seguire in qualche buona “taverna” cilentana ci sediamo FM

    31 maggio 2021 - 07:02

    Enrico Malgi

    Bravo Antonio, speriamo di poterci incontrare presto con tutti gli amici, compresi Francesco ed i due Marco come due anni fa, ti ricordi?

    31 maggio 2021 - 10:14

    marco contursi

    Perfettamente d’accordo con Enrico ma pretendiamo ci sia pure il cilentano trapiantato al nord.

    31 maggio 2021 - 10:29

I commenti sono chiusi.