The World’s 50 Best Restaurants lancia il Programma 50 Best For Recovery

9/5/2020 681
The World’s 50 Best Restaurants
The World’s 50 Best Restaurants

50 Best “congela” la classifica annuale e si focalizza su un’iniziativa di raccolta fondi in collaborazione con S.Pellegrino & Acqua Panna, creando un programma di contenuti digitali dedicati alla ripresa e organizzando un importante summit virtuale a settembre

The World’s 50 Best Restaurants “congela” la classifica annuale, i premi e gli eventi correlati e presenta il progetto 50 Best for Recovery iniziativa speciale a sostegno dei ristoranti di tutto il mondo in collaborazione con S.Pellegrino & Acqua Panna. L’obiettivo è offrire un aiuto finanziario tangibile, ove possibile, e creare e aggregare risorse utili per le aziende della ristorazione che riemergono dalla pandemia e sono alla ricerca di soluzioni percorribili.

Il progetto si svilupperà attraverso tre iniziative la prima delle quali è il 50 Best Recovery Fund con il generoso sostegno di S.Pellegrino & Acqua Panna. Si tratta di un fondo che sarà utilizzato per sostenere un ventaglio di organizzazioni no-profit che operano in diverse parti del pianeta per contribuire al sostegno e, successivamente, alla ripresa del settore della ristorazione. I fondi saranno raccolti attraverso donazioni a cura dei partner di 50 Best e con una serie di iniziative attraverso le quali i clienti e gli appassionati potranno sostenere il mondo della ristorazione.

In seconda battuta, 50 Best lancia 50 Best Recovery Hub progetto on line  theworlds50best.com/recovery
ideato per raccogliere e generare contenuti, informazioni e ispirazioni per il settore ma anche per gli amanti della buona cucina che desiderano fare la loro parte per sostenere il mondo della buona tavola.

A settembre, infine, è in programma un Recovery Summit virtuale della durata di più giorni, un’indagine su come il mondo della ristorazione possa e debba tornare a prosperare. Costituito da molteplici eventi tra cui masterclass, conferenze, case study, interviste e forum di discussione, il Summit riunirà online la comunità gastronomica internazionale per condividere e promuovere best practice oltre ad esplorare visioni di un mondo che richiede la capacità di dare risposte nuove a nuovi quesiti.
Dopo aver consultato la comunità dei ristoratori ed aver analizzato il feedback, 50 Best è giunto alla conclusione che queste tre iniziative possano essere di reale aiuto per sorreggere le aree in cui i ristoranti hanno più bisogno di assistenza.

50 Best for Recovery si propone dunque come una fonte di informazioni affidabile e regolarmente aggiornata e una piattaforma di condivisione su cui la comunità potrà condividere nuove esperienze e guardare con fiducia al futuro.

Commenta William Drew, Direttore dei contenuti del The World’s 50 Best Restaurants: “Con 50 Best for Recovery, puntiamo a mettere a disposizione la nostra rete, i nostri rapporti e la nostra presenza internazionale per offrire un aiuto tangibile al maggior numero di ristoranti possibile in ogni parte del mondo. Siamo inoltre accanto ai nostri partner allo scopo di sostenere la comunità gastronomica e ci auguriamo vivamente di poter aiutare a promuovere e accelerare la rinascita dei ristoranti dopo un periodo di sofferenza senza precedenti. Siamo fermamente convinti che possiamo e dobbiamo lavorare tutti in un’unica direzione per essere di supporto al settore della ristorazione e contribuire a creare un futuro nuovo e positivo.”

Nelle prossime settimane, 50 Best lancerà una serie di iniziative di raccolta fondi per promuovere la raccolta di contributi destinati al Recovery Fund che coinvolgeranno anche i consumatori, tra cui un’asta 50 Best ‘Bid for Recovery’ in programma a giugno, che offrirà la possibilità di acquistare esperienze gastronomiche straordinarie proposte dai ristoranti inseriti nel ranking mondiale.

Sarà inoltre pubblicato un e-cookbook intitolato Home Comforts: simple lockdown recipes from the world’s best chefs and bartenders, che sarà scaricabile a fronte di una piccola donazione e verrà presentato il challenge #50BestRateMyPlate sui canali social. I cuochi casalinghi potranno partecipare preparando i piatti illustrati sul libro che, una volta fotografati e condivisi sui canali social, saranno valutati dagli chef autori delle singole ricette.

Il team 50 Best, attraverso il ricco ventaglio di iniziative, intende continuare a offrire il suo sostegno alla comunità internazionale dei ristoratori ed è grato a tutti coloro che, nel mondo dell’hospitality, stanno dedicando tempo e competenze per garantire un aiuto concreto e tangibile.
50 Best ringrazia in particolare S.Pellegrino & Acqua Panna per il suo sostegno. Stefano Marini, CEO del Gruppo Sanpellegrino a tale proposito ha dichiarato che “negli ultimi 120 anni, il Gruppo Sanpellegrino è sempre stato vicino alla comunità gastronomica. In un momento così difficile vogliamo essere ancora più presenti, per imprimere un reale impulso alla ripartenza, oggi più che mai.”

Anche la piattaforma The World’s 50 Best Bars ha lanciato il proprio programma parallelo di sostegno e comunicazione attivando 50 Best Recovery Fund, 50 Best Bars Recovery Hub e il Recovery Summit in questo caso a Ottobre, con un focus specifico sul mondo dei bar e della mixology drammaticamente compromesso dal lockdown.

Fondamentale il supporto di Perrier, brand in prima linea fra i partner del The World’s 50 Best Bars nelle azioni di sostegno che prenderanno corpo nelle prossime settimane.

Philippe Gallard, Direttore dell’ International Business Unit di Perrier, a tale proposito ha dichiarato: “L’intero comparto è stato duramente colpito da questa crisi. La maggiorparte dei locali è chiusa, altri stanno affrontando serie difficoltà economiche, migliaia di dipendenti vivono nell’incertezza. Da lungo tempo Perrier sostiene il mondo dei bar e dei professionisti del beverage. Per questo, mai come in questo momento, sentiamo il dovere di fare la nostra parte per assicurare il nostro concreto contributo al comparto affinchè sia possible affrontare questo periodo di imprevedibile difficoltà. Desideriamo essere vicini al mondo che amiamo e ai nostril client, certi che iniziative come questa possano rappresentare un primo passo nella direzione giusta

Il lancio di 50 Best for Recovery segue l’annuncio dello scorso marzo a proposito del rinvio al 2021 del The World’s 50 Best Restaurants 2020 che avrebbe dovuto svolgersi ad Anversa, nelle Fiandre, a giugno. I ristoranti destinati a entrare in classifica nel 2020 saranno premiati nel 2021. La promozione e la celebrazione dei ristoranti più prestigiosi sarà un‘occasione fondamentale per ricreare la fiducia e l’entusiasmo tra il pubblico ed è a questo obiettivo che 50 Best continuerà dedicare il proprio impegno.

Per quanto riguarda la programmazione del The World’s 50 Best Bars, l’organizzazione precisa che sono allo studio possibili evoluzioni del format e che queste saranno annunciate nei prossimi mesi.

Tutti i particolari sul progetto saranno disponibili sulla pagina web 50 Best for Recovery e su Recovery Hub oltre che sul profilo Instagram @TheWorlds50Best e su Facebook @50BestRestaurants.

Contatti per la stampa
Susie Dempsey (USA) / Jamie Ley (Regno Unito) [email protected] US: +1 212-257-1500, UK: +44 20 3868 8700

Per registrazione e accesso al centro per i media, visitare
https://www.theworlds50best.com/mediacentre/media-contacts

50 Best Social Media