Trani, il sushi e il più grande museo italiano di macchine per scrivere

2/7/2019 1.3 MILA
Macchina da scrivere Olivetti
Macchina da scrivere Olivetti

di Antonio Prinzo

La Puglia, di storia e di chiese, castelli e vigneti e ulivi, ulivi poggiati sulla rossa terra. Il cielo azzurro e vivace abbaglia e sconfigge le ombre che ci circondano.

Mancavo da Trani da più di quarant’anni, il militare, la leva obbligatoria, gli amici e le serate passate tra Bari  e la costa per  compensare l’obbligo di inutili e lunghi giorni passati in caserma a guardare muri scoloriti. E oggi la ritrovo, riemerge dai ricordi, emerge come la cattedrale che sembra uscire dal mare con la sua architettura verticale di  pietra abbagliante, pietra che è fede e storia.

Cattedrale di Trani
Cattedrale di Trani

Trani, vivace, pulita e organizzata. Il porto è il suo cuore dove la mattina il pesce diventa il protagonista e sembra di stare in una galleria di quadri del settecento napoletano, nature che morte non sono ma anzi ispirano vita e solleticano la voglia e il sapore del mare.

Pesce
Pesce
Pesce
Pesce

Dietro l’angolo, accanto alla Cattedrale il palazzo che ospita il Museo Diocesano e sorpresa per me, olivettiano da sempre, il Museo della macchina da scrivere, qui sul mare, a mille chilometri da Ivrea dove Olivetti ha fatto nascere la macchina da scrivere italiana  e la più interessante esperienza di cultura e comunità industriale che questo paese abbia mai avuto.

Una collezione unica, ricca di macchine da scrivere di tutto il mondo, capolavori di meccanica e design e un intero piano dedicato a Olivetti, la sua storia e la visione di Camillo e poi Adriano Olivetti. Nasce per volontà della Fondazione S.E.C.A. che gestisce questi spazi e che ha deciso di ospitare questa vasta collezione che attraversa tutta la storia della scrittura meccanica.

Macchina da scrivere
Macchina da scrivere
Camillo Olivetti
Camillo Olivetti

E il pesce? Si decide di andare controcorrente, abbandoniamo il porto e la lunga serie di ristoranti e ci rifugiamo da Toyo, ristorante giapponese che utilizza la materia prima che qui abbonda unita alla fantasia  e creatività. Ottimo sushi, belle presentazioni, ambiente elegante e moderno e dietro il bancone i ragazzi che giocano con i coltelli e il pesce. Ci beviamo un fiano pugliese, il Calaluna di Paolo Leo, fresco , di buona acidità, equilibrato, scorre lieve  tra i colori di questa cucina appagante.

Sushi - Ristorante Toyo
Sushi – Ristorante Toyo

Trani vuol dire anche Castel del Monte con il misterioso e stupendo castello di Federico II, Ruvo di Puglia con la sua Cattedrale ricca di sculture e il Museo archeologico Jatta con i suoi stupendi vasi greci, per gli appassionati una visita imperdibile.

Castel del Monte
Castel del Monte
Vaso Museo Jatta
Vaso Museo Jatta

Trani, un viaggio emozionante, tra suggestioni del passato e riscoperta di percorsi di vita lunghi una vita.

Trani, il sushi e le macchine per scrivere.

Museo della macchina per scrivere

Ristorante Toyo
Piazza Trieste, 6

Trani
Tel. 0883 1986095
https://sushitoyo.it

 

7 commenti

    Giulio Cantatore

    Davvero interessante questo servizio di Antonio Prinzo, il vaso che si vede in foto e custodito nel museo Nazionale Jatta qui a Ruvo di Puglia, rappresenta il pezzo più importante della collezione di oltre 2000 vasi e si chiama il Vaso di Talos.

    2 luglio 2019 - 12:28

    Enrico Malgi

    Bravo 8Antonio. Però un salto da Giulio cantatore a Ruvo lo potevi fare

    2 luglio 2019 - 15:21

      Antonio Prinzo

      Grazie Enrico! La prossima volta so dove devo andare :-)

      2 luglio 2019 - 15:30

    Francesco Mondelli

    Complimenti.inevitabilmente la mente va al grande Indro ed alla sua mitica Lettera 22.Quale augurio migliore se non quello di eguagliare il maestro come il tocco lieve ma incisivo di questo post lasciano intravedere?Ad maiora da FM

    2 luglio 2019 - 15:37

      Antonio Prinzo

      Grazie Francesco! Nel museo ci sono tanti pannelli con gli scrittori e i giornalisti, come Indro, Pirandello, Alfred Hitchock…quanti parole hanno scritto…inarrivabili. Un abbraccio Ant

      2 luglio 2019 - 17:45

    Giulio Cantatore

    Grazie Enrico sempre gentile nei nostri confronti, vorrà dire che la prossima volta verrete insieme a trovarci a Ruvo di Puglia tu con Antonio Prinzo.

    3 luglio 2019 - 07:32

    Enrico Malgi

    Certo caro Giulio, cercherò di programmare una visita da te nei miei prossimi raid pugliesi. E spero di coinvolgere altre persone. Ciao.

    3 luglio 2019 - 10:12

I commenti sono chiusi.