Vini di Tenuta Sarno 1860

31/5/2021 564
Vini assaggiati di Tenuta Sarno 1960
Vini assaggiati di Tenuta Sarno 1960

di Enrico Malgi

L’esplosione della pandemia non ha affatto minato le certezze di Maura Sarno, una bella, elegante e fine signora del vino irpino, che fortunatamente senza essere penalizzata porta avanti con successo la sua eccellente proposta. Dal comando della sua azienda di Candida, con la collaborazione dell’enologo Vincenzo Mercurio, continua a sfornare poche bottiglie (due tipologie di Fiano ed uno spumante sempre di Fiano), ma tutte connotate di ottima qualità, tanto da essere ricercate e premiate in tutto il mondo.

Maura ed Enrico
Maura ed Enrico

Nella mia recente visita ho potuto assaggiare due vini: un Fiano di nuova annata ed un millesimo già recensito quasi un anno e mezzo fa.

Fiano di Avellino Docg 2018. Fiano allevato a 630 metri di altezza lavorato in acciaio. Tenore alcolico di tredici gradi. Prezzo finale di 16,50 euro. Bottiglie prodotte numero 20.000.

Esame visivo di grande rilievo, laddove nel bicchiere si scorge un colore giallo paglierino carico. Ampio ventaglio olfattivo a cominciare da gradevoli nuances di frutta fresca a tutto spiano: melone, mela, pera, pesca, clementina, ananas, lime, nocciola e mandorla tostata. In seguito emergono credibili afflati di gelsomino, tiglio, acacia, eucalipto, menta, finocchietto selvatico e balsamo. In bocca penetra un sorso fresco ed accattivante, leggiadro, profondo, vibrante, sapido, strutturato. Silhouette raffinata, elegante, aristocratica, seducente e sensuale. Un frutto polposo e succoso disseta e delizia tutto il cavo orale. Longevità a lunga scadenza. Finale interminabile. Un grande vino dallo stile rigoroso, da associare a un risotto ai frutti di mare e mozzarella.

Insegna Tenuta Sarno 1960
Insegna Tenuta Sarno 1960

Fiano di Avellino Docg erre Riserva 2017. Maturazione in acciaio sui lieviti per più di un anno e mezzo. Tenore alcolico di tredici gradi. Prezzo finale di 24,00 euro la bottiglia da 75 cl. e 40.00 euro la magnum.

A distanza di circa un anno e mezzo ho riassaggiato questo vino straordinario, frutto di una lungimirante intuizione di Maura e di Vincenzo, perché l’etichetta già allora riportava in piccolo la dicitura “erre”, cioè Riserva, come poi è stata approvata dal Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali ad ottobre 2020.

In questo arco di tempo poco è cambiato in fase evolutiva, il vino è comunque sempre molto giovane e segnato da un colore diventato nel frattempo paglierino un pò più carico. Il bouquet è ben calibrato su spiccate risorse olfattive, che premiano sia la frutta e sia i fiori, insieme a vibrazioni vegetali, balsamiche e mentolate. Gusto in perfetto equilibrio, che si fa preferire per freschezza, sapidità, struttura e raffinatezza. Zenit ancora molto lontano.

Avellino vista dalla casa di Maura Sarno
Avellino vista dalla casa di Maura Sarno

Scheda del 21.01.2020

Nel bicchiere risalta un colore giallo paglierino sfavillante. Elargizioni olfattive di ottima caratura, laddove emergono al naso intriganti e variopinti profumi fruttati di nocciola, mandorla, ananas, lime, cedro, pera e melone, insieme ad una buona scorta di agrumi mediterranei. Soavi ed affascinanti le punteggiature di tiglio, acacia, muschio e menta. Sbuffi minerali originati dalla buona terra irpina. Variazioni sul tema prettamente idrocarburici. Sorso fresco e scorrevole, rinfrescante ed elegante e che assicura una predominanza di un gusto pregevole e cristallino. Appeal sicuramente giovane, ma già avvincente, raffinato, dinamico, vibrante, sensuale, accattivante e fruttato. Incedere finale palesemente equilibrato, incisivo ed appagante.
Siamo ancora all’inizio del percorso, perché questo ottimo vino darà il meglio di sé tra quattro-cinque anni. Mi raccomando di berlo non troppo freddo e di abbinarlo a piatti della tradizione marinara e latticini, senza tuttavia disdegnare alcuni piatti più strutturati, perché il Fiano irpino, insieme col Greco di Tufo, possiede una solida valenza bene strutturata.

Sede a Candida (Av) – Contrada Serroni, 4

Tel e Fax 0825 26161 – Cell. 339 7265669

[email protected]www.tenutasarno1960.it

Enologo: Vincenzo Mercurio

Ettari vitati di proprietà: 3, più 10 in affitto

Bottiglie prodotte: 25.000.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.