Ambra Moscato 2005 Basilicata igt

Letture: 138

ELEANO

Uva: moscato
Fascia di prezzo: da 5 a 10 euro
Fermentazione e maturazione: acciaio

Spiazzato da un naso cedrato o comunque agrumato, una sfumatura di foglia di pepe, davvero questo Moscato è stata una delle sorprese di Aglianica, e non per spirito di contraddizione, ma perchè mi conforta nella scelta che ormai sempre più numerose aziende meridionali stanno facendo su questo vitigno straordinario su suolo vulcanico. Certo, nel Vulture la tradizione è abbastanza consolidata, soprattutto attraverso una rapida spumantizzazione, direi banalizzazione, però è difficile trovare interpretazioni affascinanti. Questa sicuramente lo è, forse favorita dall’altitudine dei vigneti a Pian dell’Altare di Rionero, siamo a quota 600 metri, oppure dall’annata sostanzialmente magra e piovosa che non ha spinto sicuramente verso la concentrazione. In ogni caso abbiamo questo naso intenso e persistente, dietro le note agrumate spunta un filo di mineralità e infine il tipico aroma del moscato, in bocca il bianco è fresco, abbastanza strutturato, ben equilibrato, per certi versi metallico con la frutta relegata ad un ruolo secondario. Appena 3000 bottiglie di una vendemmia spinta sino alla fine di ottobre-inizio novembre, che costituisce la chicca di questa azienda nata nel 1991 su iniziativa di Nino Calice e Rino Grieco, amministrata da quest’ultimo in collaborazione con la figlia Francesca e di Alfredo Cordisco. Davvero molto elegante, lo consiglio sul fine pasto augurandomi che ne seguano altre edizioni altrettanto interessanti. L’ennesima prova della poliedricità del Vulture e della necessità, da parte dei produttori, di insistere sui bianchi così come si fa nella vicina Irpinia dove le condizioni climatiche e di terreno sono sostanzialmente le stesse.

Sede a Rionero in Vulture, contrada Piazzolla. Tel. 0972.722273. www.eleano.it info@eleano.it Enologo: Cristoforo Pastore. Ettari: 5 di proprietà. Bottiglie prodotte: 25.000. Vitigni: aglianico, moscato.