Antelio 2005 Aglianico del Vulture doc

Letture: 62

CAMERLENGO

Uva: aglianico
Fascia di prezzo: da 5 a 10 euro
Fermentazione e maturazione: acciaio e legno

Nello splendido castello federiciano di Venosa oraziana torna Aglianica, la rassegna organizzata da Donato Rondinella e che costituisce il momento migliore per provare la maggior parte dei rossi  vulturini, sempre in grande spolvero come il magico Antelio dell’azienda Camerlengo che nella versione 2005, dunque un’annata difficile e piovosa, ha superato se stesso perché l’alleggerimento della bottiglia non è andato a discapito dell’equilibrio complessivo, già del resto ben salvaguardato da un uso attento e umile del legno. Sergio Paternoster si esibisce dunque in una delle sue performances più interessanti dell’annata di cui dobbiamo, in verità, ancora trarre un bilancio compiuto perchè è troppo presto per farlo, soprattutto quando di tratta di Aglianico. Buon naso, ripeto elegante, intenso e persistente, in bocca tannini felicemente risolti, freschezza da frutto e da terreno, spinta notevole verso la beva di buona fattura e ricca, davvero un piacere. Non a caso nelle degustazioni di Vini Buoni d’Italia coperte il rosso , che è di ricaduta, è letteralmente volato ad alta quota tra le preferenze. Da tempo questa piccola azienda si segnala con i suoi vini ben confezionati e proposti soprattutto a prezzi da affare. Un viatico interessante, dunque, per questa nuova edizione di Aglianica, magari da bere sul pecorino di Filiano appena un po’ stagionato oppure su alcune succulente preparazioni di pasta napoletane come il timballo di maccheroni al forno.

Sede a Rapolla. Via T.Tasso, 3. Tel.0972760738 info@camerlengodoc.com. Enologo: Sergio Paternoster. Ettari:10 di proprietà di cui 5 vitati. Bottiglie prodotte: 10.000. Vitigni:aglianico.