Album
11

Cenone della Vigilia di Natale Napoletano

24 dicembre 2013

Eduardo De Filippo e Totò


Il cenone

Antipasto (facoltativo) polpo all’insalata

Vermicelli a vongole

Vermicelli a vongole

Spigola all’acqua pazza oppure cefalo in bianco o in alternativa frittura di gamberi e calamari.

Spigole

Baccalà fritto oppure zeppole di baccalà

Broccoli baresi lessati all’agro

Capitone fritto o in umido

Capitone fritto

Insalata di rinforzo

Insalata di rinforzo

Frutta fresca: mele – uva – mandarini- melone di pane

mandarino

Scioccéle (cioè frutta secca): noci, mandorle, nocciole ,fichi, datteri etc.

Dolci natalizi: struffoli/stringhette, pastiera, raffiuoli semplici e a cassata, susamielle,mostacciuoli, roccocò, pasta reale, sapienze, divino amore  etc.

Struffoli

Rosolî e liquori dolci, spumante secco

Vini: secchi e profumati bianchi campani (Solopaca, Capri, Ischia, Falanghina, Fiano, Greco di Tufo) freddi di frigo.

11 Commenti a “Cenone della Vigilia di Natale Napoletano”

  1. teresa scrive:

    la pastiera no! Non ci stò. La pastiera si fa a Pasqua con gli ingredienti che simboleggiano la primavera!

  2. Salvatore scrive:

    Bellissimo! Per il pranzo di natale invece?

  3. milady scrive:

    Condivido con Teresa. La Pastiera è di Pasqua,,,,

  4. gaspare scrive:

    e il capitone arrostito sulla carbonella?

  5. anthonyb scrive:

    Sembra Vigilia di casa mia. Anche insalata di rinforzo e broccoli “per devozione”.
    Certo la pastiera è di Pasqua ma a Natale adesso si fa pure, anche tutto anno . Queste mode nuove :-)

  6. rossella scrive:

    wuau! volevo un idea nuova ma vedo che la vigilia è uguale per tutti la pastiera …………è napoletana natale o pasqua è sempre gradita

  7. giuliana scrive:

    trovo che sia un cenone perfetto,complementi

    • RAFFAELE BRACALE scrive:

      Grazie, Giuliana! So bene che la pastiera è dolce pasquale, ma poiché gli ingredienti si trovano tutto l’anno, non è disdicevole prepararla anche a Natale; il capitone arrostito ‘ncopp’a ‘a furnacella nun s’ausa cchiù ‘a quanno cierte strolleche ànnu ditto che arrostere a ffuoco ‘e ggravone po’ ffà venì ‘o tumore!

  8. gaspare scrive:

    scusate, ma il capitone arrostito sulla carbonella non può mancare!

    • RAFFAELE BRACALE scrive:

      ‘O capitone arrustuto ‘ncopp’a ‘a furnacella nun s’ausa cchiù ‘a quanno cierte strolleche ànnu ditto che arrostere a ffuoco ‘e ggravone po’ ffà venì ‘o tumore!

  9. Sanfedista scrive:

    il capitone si può anche cucinare al forno cò ‘na fronna ‘e lauro.
    La pastiera non fa parte della tradizionale cena napoletana della Vigilia.
    Non è valida la giustificazione che “gli ingredienti si trovano tutto l’anno”.
    Applicando questo principio si distruggerebbero le SANE TRADIZIONI CULINARIE.