Greco di Tufo 2010 docg Cantine dell’Angelo

Letture: 149
greco di tufo
Greco di Tuo 2010 Cantine dell’Angelo

Uva: greco di Tufo
Fascia di prezzo: nd
Fermentazione e maturazioen: acciaio

Il successo banalizza il vino scriveva Veronelli. Sì, il successo banalizza tutto, soprattutto nella società dell’estetica senza etica dove la comunicazione è diventata la scorciatoia per evitare di studiare e lavorare sodo. È stato forse questo il lascito più profondo del ventennio berlusconiano appena resettato dalla crisi.
Non è il caso della Pizzeria Salvo dove la comunicazione è sempre misurata a differenza dei toni sguaiati di molti pizzaioli che si affidano ai facebook-manager per imbottirsi di like e condivisioni. Ci vogliono contenuti per organizzare una pizziata senza il solito corredo di magnafranca che ormai tengono ben lontani i professionisti del settore dalle serate e dalle inaugurazione.

Fratelli Salvo Pizza Torzella e salsiccia
Fratelli Salvo Pizza Torzella e salsiccia

Per esempio proporre una pizza con la torzella e la salsiccia e chiedere ad alcuni grandi professionisti di giocare sugli abbinamenti. Noi ci abbiamo provato sbagliando clamorosamente perché alla fine ci azzeccavano meglio un Riesling e un Moscato dolce portati da quel marpione di Alessandro Pipero. Io avevo puntato sulla sapidità dell’ortaggio e immaginavo toni salati nel formaggio per cui ho portato una magnum 2010 di Greco di Tufo di Cantine dell’Angelo, come usare il bazooka per centrare una mosca.
Il risultato è stato chiaro, sbagliato l’abbinamento ci siamo goduti la pizza ma anche l’effetto strardinario di questo Greco con poco più di cinque anni ricchissimo al naso, impensabile dire solo acciaio ma è così, con toni di polpa fruttata e di forti rimandi sulfurei. In bocca un tsunami di sapidità, energia, freschezza ancora intatta e vitale. Un allungo incredibile nel finale di un vino che avrebbe avuto bisogno di brasati al barolo e vecchi pecorini stagionati per bilanciare. Un peccato avere aperto una bottiglia che aveva ancora molto da esprimere, ma altrettanto bello poterlo fare tra amici e professionisti da cui si può solo imparare.
Ecco i momenti belli che il vino e la pizza riescono ancora a regalare.

Un commento

  • Mondelli Francesco

    (10 febbraio 2016 - 16:01)

    Un grande produttore di vini in anfora ama ripetere che un ottimo vino rimane tale con qualsiasi abbinamento.Non ha molta simpatia per sommelier e degustatori,ma in questo caso mi trova d’accordo.PS.Spero abbiate conservato il vuoto che Angelo,nel caso dei magnum,cura con la stessa maniacale attenzione del vino.FM.

I commenti sono chiusi.