Il Nibbio Grigio 2003 Aglianico del Vulture doc

Letture: 90

CANTINE DI PALMA

Uva: aglianico
Fascia di prezzo: da 10 a 15 euro
Fermentazione e maturazione: acciaio e legno

Ancora un omicidio nel Vulture. A soli cinque anni dalla vendemmia è stata aperta la bottiglia di Nibbio Grigio, blasonata con Tre Bicchieri Gambero Rosso e Cinque Grappoli Ais: aveva davanti a se una vita da godere, ma per causa di un imprevisto è nel mondo dei più. La Cantina è giovane, nasce nel 1997 dal progetto dell’ingegnere Antonio Di Palma che riacquista lento pede gli antichi vigneti della famiglia e costruisce un’azienda moderna alle porte di Rionero con una spettacolare bottaia e un piccolo resort di prossima inaugurazione. Il Nibbio è un vino che ha conquistato il podio grazie anzitutto alla sua complessità olfattiva che è davvero impressionante: ci sono ancora, note palpabili di amarena fresca, alternate alla confettura e ben abbracciate a quelle di un legno presente senza essere preponderante che rilascia cacao, un  po’ di liquirizia, sensazioni balsamiche, il tutto poggiato su una nota fumé molto suggestiva. In bocca dobbiamo dire di essere di fronte a grande materia, l’annata particolarmente carica accentua la sua presenza con richiami alla frutta ben matura, talvolta cotta dal sole, ma sostenuta da un equilibrio di alta quota con l’alcol superiore ai 14 gradi, i tannini vellutati ma ben presenti, la freschezza costretta al grande sforzo di far camminare il tutto in bocca senza fermarsi mai. Il palato è occupato, non poteva essere diversamente, sin dai primi secondi, e tale resta a lungo, grazie ad una piena corrispondenza di intensità e persistenza tra naso e bocca. Una espressione dell’aglianico particolarmente importante, pesa forse l’eccessiva concentrazione che non consente al bicchiere di diventare elegante mantenendolo soprattutto potente. Ciò nonostante possiamo dire che è un rosso assolutamente abbinabile e non ruffiano, non si ritrovano sentori dolciastri o di vaniglia, non c’è la fastidiosa rotondità che cancella il volto al vino, segno di un progetto austero e molto serio di vino, che punta ad esprimere le potenzialità di un vigneto piantato addirittura negli anni ’60. Credo che Il Nibbio possa volare ancora, in questo millesimo, almeno per una decina d’anni in tutta tranquillità e serenamente se sostenuto dalla freschezza, l’evoluzione terziaria non è neanche accennata, la materia è compatta e brillante sin dal colore, ancora rosso rubino vivo e cupo. Una bella bottiglia, da bere nelle occasioni particolari.

Sede a Rionero in Vulture, Contrada Scavoni. Sede legale a via Potenza, 13. Tel. 0972.722891, fax 0972.724884, telefax 0972.722515.  www.cantinedipalma.com, info@cantinedipalma.com. Enologo: Stefano Chioccioli. Ettari: 15,5 di proprietà. Bottiglie prodotte: 130.000. Vitigni: aglianico, moscato.