Le meravigliose frittate di aglio e cipolla del Cancelliere

Letture: 268
Soccorso Romano

di Lello Tornatore

E per fortuna che c’è Il Cancelliere!!! Un giorno o l’altro mi iscriverò allo S. D. S. W. Che cos’è? Ma come, non lo sapete…semplice, sindacato degustatori slow wine. L’esigenza nasce dai considerevoli carichi di lavoro ai quali siamo sottoposti da qualche tempo a questa parte. Non c’è festivo o prefestivo che tenga. Non c’è sensibilità alcuna verso poveri lavoratori del vino sottoposti quotidianamente allo stress di numerosi assaggi giornalieri e di notevoli quantità di chilometri macinati tra Montemarano e Taurasi, tra Lapio e Montefredane, Paternopoli e Fontanarosa, Tufo e Montefusco…

Insomma schiavismo allo stato puro!!! E’ irremovibile, quando dice ” Oggi dobbiamo fare quattro aziende”, come se fosse una passeggiata…e aggiunge ” Per ottimizzare i tempi, ci fermiamo al ristorante tal dei tali…è molto tempo che non ci andiamo, dobbiamo aggiornare la scheda!!! ” Il colmo poi lo raggiunge quando siamo a tavola. “allora cosa prendi?” Accenno ad una qualche preferenza, ma subito mi interrompe… “è meglio che tu prendi questo ed io prendo quello, così possiamo valutare più piatti!!! ” Tutto finalizzato allo sfruttamento massimo, delle risorse umane, del tempo e dei luoghi (gli abbinamenti delle visite si fanno in funzione della distanza chilometrica…)
Ma vi domando, è vita questa? Di chi stiamo parlando? Del Pigna, naturalmente!!!

da sx, la figlia di Rita,il marito, Rita, il marito di Nadia e...il negriero:-)
da sx, Rita Pizza, il marito di Nadia e Luciano

Si professa meridionale, ma quando mai!!! Non ho mai visto un’ impostazione del lavoro più nordica della sua!!! Eh, ma l’altro giorno anche lui ha avuto un cedimento. Aveva dimenticato di aver promesso a Rita, a Soccorso e a Nadia de ” Il Cancelliere” che ci saremmo fermati ad assaggiare la meravigliosa frittata di aglio fresco. Fatto sta che al mattino mi chiama Rita e mi chiede verso che ora siamo lì.

L'aglio fresco

 

la cipolla maggiaiola

Che cosa abbia prevalso sulla “ottimizzazione” solita che governa la mente di quell’uomo, se la serietà , se la voglia di frittata all’aglio, o molto più semplicemente la normalità di una persona che si ferma per la pausa pranzo, non è dato sapere!!!

pane e caciocavallo

E per fortuna che c’è ” Il Cancelliere!!! Dopo numerose visite con relativi assaggi nelle contrade di Montemarano, con il fisico e la mente ormai provati, alle 13,30 in punto siamo lì a c/da Iampenne e alla nostra vista si apre un mondo di…frittate: all’aglio fresco, alla cipolla (ahimè non è la ramata, ma è buona lo stesso!!!), agli asparagi selvatici.

Frittata di asparagi selvatici

 

Frittata di cipolle maggiaiole

 

la frittata d'aglio fresco

E non vi dico cos’altro imbandiva la tavola preparata fuori sull’aia, a tu per tu con le vigne in risveglio…una sopressata da capogiro, un vassoio ricolmo di “scarole e fasuli”, un’insalatina di fagioli, aglio fresco e mentuccia e d infine un ottimo caciocavallo che mi dicono provenga dal Cilento, ma sicuramente rotolato giù da Montella per i monti Picentini.

'a masta sopressata ro' Cancelliere

 

insalatina di fagioli, aglio fresco e mentuccia

 

scarole e fasuli

Ci voleva proprio, ” God save the …Cancelliere”!!! Ma, tra un bianco “naturale”Sloveno vintage 2004 e vari assaggi di rossi ” da botte” della cantina di Soccorso Rita e Nadia, si fanno le 15,00.

il bianco naturale sloveno

 

L'aglio fresco ...che non siamo riusciti a mangiare

” Dobbiamo andare, il lavoro ci aspetta”, chi è che lo dice, secondo voi? Il Pigna, naturalmente!!!

Luciano

 

Luciano

No, non è possibile…devo mettere in piedi una piattaforma rivendicativa che metta al centro la dignità del degustatore vista dal lato dei carichi di lavoro e poi costruire un tavolo di trattativa per la redistribuzione delle frittate ( la maggior parte se l’è cuccate lui!!!). Confido in un onorevole accordo, ovemai ciò non fosse possibile adotteremo tutte le forme di lotta per raggiungere il risultato. ” Chi non salta un Pigna, è!!! Chi non salta un Pigna, è…”

12 commenti

  • luciano pignataro

    (30 aprile 2012 - 11:08)

    Quante storie per una volta che hai trascorso la giornata senza restare in pigiama:-)
    Ai lettori: la frittata d’aglio fresco è profumata e molto piacevole, non bisogna essere un orco per provarla, fidatevi:-)

    • ALBA

      (30 aprile 2012 - 12:21)

      Ma povero Lello, perciò è polemico, non gli hai dato manco il tempo di andare in bagno…
      S.D.S.W. = Scrittori Drivers Succubi di Winebloggers

      • luciano pignataro

        (1 maggio 2012 - 14:06)

        Togli Drivers e metti Dormienti: guido io, ovviamente:-)

        • Lello Tornatore

          (1 maggio 2012 - 15:35)

          …te ne approfitti perchè OGGI 1° MAGGIO… STO LAVORANDO!!! ;-)))))

  • Maurizio De Simone

    (30 aprile 2012 - 11:53)

    Sarà!!!!
    Capisco le “sofferenze” di Lello, ma perchè ogni volta che leggo di voi al lavoro…… a me viene una fame.

    • anna ruggiero

      (30 aprile 2012 - 12:32)

      caro maurizio ribadisco il tuo concetto….che fame le vostre foto…
      bella realtà il cancelliere…umiltà, passione e tanta voglia di crescere…la scorsa edizione di andar per taurasi ci hanno accolto in modo delizioso. Dalle vigne alla cantina sono stati infaticabili e uno spunto importante di riflessione per noi studenti

  • Paolo Mazzola

    (30 aprile 2012 - 16:11)

    Le cantine in Campania crescono di qualità ma anche di numero ed i degustatori caro Lello si devono adeguare…..

  • Antonio De Gisi

    (30 aprile 2012 - 22:06)

    Caro Lello, che fortuna che hai a condividere con una persona brava e competente come Luciano Pignataro queste genuine delizie che la nostra terra ci propone.
    Altro che piattafoma rivendicativa; quella la posso, eventuamente, proporre solo io che penso solo a “lavurà”

  • Marina

    (30 aprile 2012 - 23:22)

    Lello ho riso da morire a leggerlo. Quella sera “profumavate” di aglio alla grande. Le vostre mogli possono stare più che tranquille.

    • Lello Tornatore

      (1 maggio 2012 - 15:38)

      …fedeli nei secoli, come i carabinieri!!! ;-))

  • Oreste

    (1 maggio 2012 - 09:27)

    Al Noma di Copenaghen mi hanno dato un uovo di quaglia e tre cianfrusaglie per 123 euro

  • enrico malgi

    (1 maggio 2012 - 11:43)

    Lello, il capo ha sempre ragione!

I commenti sono chiusi.