Maratea, Pasticceria Panza e la ricetta dei bocconotti

Letture: 739

Via Angiporto Cavour, 9
Tel. 0973-877624

L’atmosfera da turismo tranquillo della piazzetta, il centro storico ben curato, qualche bottega di artigianato non fasullo fanno di Maratea uno dei luoghi di villeggiatura d’altri tempi, abbastanza protetta dalle aggressioni popolar-paninare di qualche chilometro più a Sud. E la stessa sensazione di aria un po’ retrò si respira entrando nella piccola pasticceria Panza, dove si accede pochi alla volta in una fila rispettosa quasi si entrasse in chiesa, dritti dritti al banco vetrina dove vengono sfornati due volte al giorno i famosi “bocconotti“, dolci antichi di pasta frolla e confettura di amarene. Sono in pratica diretti discendenti dei pasticciotti napoletani, che sono però molto più ricchi e opulenti (il ripieno è fatto anche di crema pasticcera e la pasta è meno leggera e friabile). Rivisti e corretti nella versione al cioccolato, i bocconotti di Maratea sono la vera attrazione di questo laboratorio ormai da sessant’anni. Altre specialità sono i dolci alle noci e tutte le varianti della pasticceria secca alle mandorle tipica delle feste lucane. Si vendono anche liquori artigianali e rosoli (come quello all’alloro di Maratea) in belle bottiglie dalla foggia antica.

Ecco la ricetta dei Bocconotti per 8 persone
1 kg di farina
1 bustina di lievito vanigliato
6 uova
100 g di strutto
400 g di zucchero
200 g di confettura di amarene
50 g di burro

Mescolate in un recipente tutti gli ingredienti per la pasta frolla: la farina con lo strutto, le uova intere, lo zucchero e il contenuto di una bustina di lievito. Una volta ottenuto un impasto omogeneo e morbido lasciate riposare per circa 1 ora. Ricavate dalla pasta così ottenuta un sfoglia che dividerete in tanti dischi da adagiare negli stampini da forno. Ungete con un po’ di burro gli stampini e aggiungete una spruzzatina di farina per isolare meglio la pasta frolla in fase di cottura. Adagiatevi i dischi di pasta, riempiteli con la confettura di amarene, chiudete il tutto con un altro dischetto di pasta e passateli in forno già caldo circa 25 minuti a 160-180°.
Virginia Di Falco