Niko Romito apre la sua scuola con Roberto Burdese e Raffaele Cavallo di Slow Food

Letture: 144
Niko Romito tra Roberto Burdese e Raffaele Cavallo

di Cristina Mosca

È un Niko emozionato quello che stamattina ha presentato alla stampa proveniente da tutta Italia l’avvio ufficiale del suo tanto atteso centro di formazione. Il 24 marzo, infatti, segnerà il via ufficiale alle iscrizioni degli aspiranti “nuovi chef”, che saranno sottoposti ad un test d’ingresso entro la fine di aprile. Non più di venti saranno ammessi ai tre mesi intensivi di  formazione professionale che inizieranno il primo lunedì di maggio, e sottoposti a verifiche in itinere e un severo esame finale, in centesimi, per ratificarne la preparazione. Chi non ce la fa, esce.

Una disciplina che corrisponde appieno alla Niko maniera e che l’ha portato dov’è arrivato oggi: le note due stelle Michelin conquistate nel giro di pochi anni non sono state un punto d’arrivo ma di partenza, per qualcosa che potrà essere tramandato. «Il mio desiderio è riuscire a diffondere la cultura gastronomica in Italia e nel mondo, formando quelli che saranno i veri ambasciatori dei nostri prodotti e dei nostri saperi».

Niko Romito e la brigata (Foto Cristina Mosca)

Con questo centro di formazione – ha spiegato Niko –  i giovani chef non apprenderanno solo rispetto delle materie prime e tecniche di preparazione, ma anche a diventare consapevoli. Non può esserci altissima cucina se non c’è altissima qualità della materia prima e una appropriata cultura enogastronomica». Discorso confermato da Roberto Burdese, presidente nazionale di Slow Food, che ha ribadito con le stesse parole di Niko quanta responsabilità sociale abbia oggi un cuoco, perché si fa ambasciatore di un intero territorio. Raffaele Cavallo, presidente di Slow Food Abruzzo e Molise, ha rimarcato l’importanza di veder nascere questo progetto non in una grande città bensì in un luogo “di periferia”, Castel di Sangro, in fondo all’Abruzzo, in provincia de L’Aquila.

Piena approvazione e soddisfazione da tutti i partner del progetto, dunque, accomunati soprattutto da una visione lungimirante dell’iniziativa: le aziende Pentole Agnelli e Angelo Po e il Pastificio Garofalo di Gragnano, rappresentato quest’ultimo da Emilio Manzi, ma che lascerà lo chef «libero di utilizzare il formato che più preferisce». Tutti i dettagli della scuola di formazione sono su www.casadonna.it/formazione.

Niko Romito presenta il pancotto (Foto Cristina Mosca)

 Il regalo di Niko ai presenti è stato un piatto della memoria: la spiegazione in cinque minuti di una pietanza cara alla tradizione pastorale, e che per lui ha rappresentato il cambiamento, il confine tra il prima e il dopo nella storia della sua formazione: il pan cotto. Nato per poter consumare anche il pane raffermo, questo piatto è stato da lui reinterpretato con crema di patate e sedano rapa tagliato in julienne e fritto, anziché nella cottura del brodo. Questo è un piatto elaborato da lui 9 anni fa e che non è più in carta: riproporcelo ha significato accompagnarci indietro, all’inizio della sua storia, quando ha scelto di raccogliere l’eredità e la caparbietà di suo padre e di farne una cosa grande per tutta la sua famiglia. Forse non diventa allora un caso se  la presentazione del suo progetto più ambizioso è stata fissata per oggi, la festa del papà.

Per maggiori informazioni contattare info@casadonna.it o telefonare al numero 0864 840610.

2 commenti

  • Marilena Genobile

    (21 marzo 2012 - 12:35)

    quando un ragazzo giovane è così pieno di entusiasmo che esprime nel suo lavoro tutta la passione e l’amore per la propria terra con le tradizioni la cultura racchiusi nei sapori della sua “altissima cucina” ci può solo rendere orgogliosi di essere suoi conterranei oltre all’orgoglio di essere ITALIANI, perciò l’augurio è di sicuro successo per l’iniziativa e grande soddisfazione per aver realizzato il suo sogno personale ma anche perchè rappresenta un vanto e il fiore all’occhiello per l’intero paese.

    Un caloroso saluto e buon lavoro,
    Marilena

  • Marilena Genobile

    (21 marzo 2012 - 12:37)

    P:S:
    spero di poter venire presto ad assaggiare i suoi piatti
    ciao,

I commenti sono chiusi.