Terre di Orazio Dry Muscat 2004 Basilicata igt

Letture: 115

CANTINA DI VENOSA

Uva: moscato
Fascia di prezzo: da 1 a 5 euro
Fermentazione e maturazione: acciaio

Ancora una conferma per l’unico moscato vinificato secco della Basilicata: l’esperienza dopo tre vendemmie si sente e il 2004 ci regala un bicchiere di grande stoffa, capace di stupire il naso e soddisfare il palato, davvero un tocco di genialità per un vino assolutamente spiazzante. Il naso ci prepara ai classici e intensi, rassicuranti e infantili, profumi del moscato, in bocca è secco, potente, ben strutturato, in grado di sopportare bene gran parte della cucina di mare e di quella terragna. Questo bianco, sicuramente raro nel panorama italiano, si distingue soprattutto per la sua eleganza, magnifico il rapporto tra qualità e prezzo, fedele compagno ermafrodito di queste terribili estati tropicali che ci aspettano. Va molto bene sui frutti di mare crudi e sulle paste con la colatura di alici di Cetara. Dopo ogni sorso il palato è pulito, asciutto, pronto. L’ennesima prova della Basilicata capace di crescere in un momento molto difficile per il vino italiano.

Sede: Via Appia, Contrada Vignali a Venosa. Tel. 0972.36702, fax 0972.35891. Sito:www.cantinavenosa.it. Enologo: Luigi Cantatore. Ettari: 900 di proprietà tra i soci. Bottiglie prodotte: 600.000. Vitigni: aglianico, moscato, malvasia, greco, chardonnay.