Venosa. Al Baliaggio dell'Hotel Orazio

Letture: 122

Corso Vittorio Emanuele 136-142
Tel.0972.31135, fax 0972.35081
www.hotelorazio.it
Sempre apertor

Il ristorante dell’Hotel Orazio è ricavato al piano terra: l’ambiente è semplice, coccolato dalle volte originali recuperate con gusto. La struttura è impegnata anche nella banchettistica di qualità delle bellissime e originali sale affrescate al primo piano, ma se vi trovate per Venosa potete sicuramente provare la cucina semplice e generosa, magari facendo una telefonata preventiva.
Ci sono influenze partenopee nella lasagnetta con pomodoro, basilico e stracciatella di bufala, ma anche pugliese con gli strascinati, i cardoncelli e il puré di fave. Buoni i cavatelli con cime di rape e fagioliLa batteria di antipasti vale da sola il viaggio, in primo piano le verdure e ortaggi (peperoni gratinati, melanzane alla pizzaiola, zuppa di fagioli, pettole salate, fave e cicorie) e il baccalà.
Bene la carne, dal cartoccio di agnello alla venosina al millefoglie di controfiletto alle cicorie campestri e vellutata di patate.
C’è un po’ di mare per il pubblico locale. Si bevono una cinquantina di etichette lucane, tutte di livello e a buon prezzo.
Una biblioteca del gusto tradizionale dunque, esattamente quel che ci si aspetta quando si gira da queste parti.
Come arrivare
Dalla superstrada Potenza-Melfi (uscita Candela sulla Napoli-Bari), proseguire in direzione di Venosa. Parcheggiare vicino il castello, entrare sul corso principale. Il Palazzo è trecento metri, sulla destra
.