Antica Osteria Magenes, si saranno montati la testa?

29/10/2017 2.3 MILA
Antica Osteria Magenes, Barate, Risotto Giallo Milano 2010, versione del 26 ottobre 2017
Antica Osteria Magenes, Barate, Risotto Giallo Milano 2010, versione del 26 ottobre 2017

di Marco Galetti

Antica Osteria Magenes, Barate, ingresso
Antica Osteria Magenes, Barate, ingresso

 

Antica Osteria Magenes, i Guidi Bros, Diego & Dario
Antica Osteria Magenes, i Guidi Bros, Diego & Dario

Antica Osteria Magenes, si saranno montati la testa ?

Ne avrebbero facoltà, recente il riconoscimento sulla guida Espresso, imminente e già annunciata da Gatti & Massobrio la Corona Radiosa.

Torno, dopo dodici mesi di latitanza, molto volentieri, in uno dei locali da me visitati più volte negli ultimi anni, imprescindibile, se si desidera andare a colpo sicuro su un risotto nel milanese, che è un gran complimento visto che, fatte le dovute eccezioni che confermano…la regola dovrebbe essere, ed è, un buon risotto del nord ha pochi rivali in Italia e l’orizzonte potrebbe allargarsi, del giro vita, invece, bisogna curarsene solo se inizia ad assomigliare ad un canotto casertano…

I chicchi di riso che mi riportano qui, in uno dei posti prediletti dal vecchio milanese che mi diede la vita e che non trovo più nemmeno in sogno, distribuiti alla Pollicino lungo il Naviglio che si allontana pigramente dall’Azaia in direzione di Gaggiano, saranno ancora fonte di puro godimento…i fratelli Dario e Diego Guidi, equamente distribuiti tra cucina e sala, sapranno ancora accogliermi al meglio rendendo la mia sosta pranzo di giovedì ventisei ottobre, sor-riso spontaneo e prolungato, si che il mio pomeriggio da caotico milanese diventi subito sera, rasserenata e brianzola…

Il mio precedente passaggio, pubblicato da LP e illuminato, è il caso di dirlo, dalle belle foto di Giuseppe Porzani è visibile qui, per tutto il resto basterà costeggiare il Naviglio e all’altezza di Gaggiano farsi guidare dalle risaie e dal profumo di un risotto giudicato tra i migliori da chi se ne intende e anche dal risottaro seriale che, dopo averlo messo per iscritto, si firma in cima al post con nome e cognome.

Antica Osteria Magenes, Barate, Risotto Giallo Milano 2010, vista da drone
Antica Osteria Magenes, Barate, Risotto Giallo Milano 2010, vista da drone
Antica Osteria Magenes, Barate, una delle salette
Antica Osteria Magenes, Barate, una delle salette

Mille giorni fa, sembra un’altra vita, in occasione di una visita all’Antica Osteria Magenes, scrissi le righe in corsivo in chiusura di post, assegno simbolicamente una medaglia ton sur ton con l’oro dello zafferano per questo risotto, non avendo i caratteri d’oro usati da Alda Merini in coda alla sua bella poesia:

Le Osterie (Alda Merini)

“A me piacciono gli anfratti bui

delle osterie dormienti,

dove la gente culmina nell’eccesso del canto,

a me piacciono le cose bestemmiate e leggere,

e i calici di vino profondi,

dove la mente esulta,

livello di magico pensiero.

Troppo sciocco è piangere sopra un amore perduto

malvissuto e scostante,

meglio l’acre vapore del vino

indenne,

meglio l’ubriacatura del genio,

meglio sì meglio

l’indagine sorda delle scorrevolezze di vite;

io amo le osterie

che parlano il linguaggio sottile della lingua di Bacco,

e poi nelle osterie

ci sta il nome di Charles

scritto a caratteri d’oro.”

Il Naviglio in prossimita' di Barate
Il Naviglio in prossimita’ di Barate

Evitai l’autovelox, lasciandola nel box, non mi servivano tutti quei cavalli per costeggiare il Naviglio in direzione Gaggiano, ne presi uno solo, lo bardai con lo stemma di un’Antica Contrada  senese, speronai il cavallo e qualche quattro ruote, presto mi sarei fermato e rifocillato all’Antica Osteria Magenes.

Il cielo di Lombardia, “quel cielo di Lombardia, così bello quand’è  bello” aveva la luce che capita di vedere solo poche volte o nei quadri, il Naviglio sembrava un quadro, germogli che sembravano gerfidanzate, stavano mettendo fuori la testa e i guidatori delle scatoline di lamiera misero fuori la loro al rosso del semaforo, per apprezzare alla finestra dal finestrino una rossa niente male che stava attraversando, il cavallo nitrì reclamando la biada, la rossa si girò credendolo un complimento ma il lato A si rivelò inferiore alle aspettative.

La campagna lombarda era un susseguirsi di rogge, fossi e fontanili, in una giornata di nebbia per trovare l’Osteria avrei avuto bisogno del cavallo satellitare perché in Lombardia al limitare del Naviglio la nebbia picchia duro, ma  il cielo di Lombardia aveva un colore pronto a giocarsi il podio con quello del cielo-mare-cilentano

Giunsi all’Osteria con leggero anticipo, in realtà non avevo una tabella e la marcia mal si combinava con un destriero mancino, legai il cavallo all’albero maestro che mi porse una pergamena con una poesia per “acclimatarmi”, pensando al libretto del teatro chiesi se ci fossero pianisti ad accompagnarmi, l’albero maestro mi disse “qui le domande le faccio io”, così iniziai a leggere la poesia della Merini…

anche a me piacciono le osterie, l’Antica Osteria Magenes mi è piaciuta molto, nelle bollicine avrei dovuto “vederci” le mele, invece continuo a vederci le pere…

Antica Osteria Magenes, Barate, tavolo, mise en place, pere & ossessioni
Antica Osteria Magenes, Barate, tavolo, mise en place, pere & ossessioni

…comprerò un descrittivo, ma sto guarendo, oggi ad esempio non ho visto alcun tacco dodici, ho incrociato un amazzone al bivio per Gaggiano e non l’ho nemmeno radiografata, turchina la veste che indossava, scalza con la coda di cavallo, il cavallo in coda al semaforo del bivio.

La luna piena manda un lieve chiarore nella stanza dalla quale scrivo con penna e calamaio, il racconto sull’Osteria Magenes arriverà con calma, a pochi,  ma arriverà, ora mi metto sotto le coperte e spengo la candela, che non è una battuta.

Antica Osteria Magenes
Via Cavour 7
20083 Barate di Gaggiano MI
Tel. 02 908 5125
http:osteriamagenes.com

 

11 commenti

    Marco contursi

    (29 ottobre 2017 - 13:03)

    Applausi……a (s)cena aperta..

    Marco Galetti

    (29 ottobre 2017 - 13:47)

    Da loro si possono trovare i salumi di nicchia Bettella, per Paul Bocuse ma anche per Contursi, e se dovesse piacerti la milanese, che non è una signora per bene un po’ snob, ma una cotoletta, il posto è quello giusto…veda lei…

    Enrico Malgi

    (29 ottobre 2017 - 14:54)

    Mi stavo preoccupando per la tua latitanza. Stavo già allertando le forze dell’ordine. Adesso sono più tranquillo.

    Marco Galetti

    (29 ottobre 2017 - 18:54)

    Non preoccuparti, abbiamo scorte di viveri e di parole in giacenza… piuttosto, ti ho appena girato la corposa carta dei vini dell’Osteria Magenes, così ti porti avanti con il “lavoro”

    Francesco Mondelli

    (29 ottobre 2017 - 22:16)

    Pera candela?Torniamo indietro o è solo illusione di una condizione che porta alla distrazione o a mancanza di concentrazione dovuta ad insufficiente insolazione?Non facciamo scherzi perché ormai si è responsabili anche verso terzi.Sursum corda e…..se adda passà a nuttata puro o vierno passerà e un’altra estate ci sarà.FM.

    Marco Galetti

    (29 ottobre 2017 - 23:45)

    @FM, chissà che non riesca a presentarmi all’appello cilentano con una stagione di anticipo…

      marco contursi

      (30 ottobre 2017 - 07:13)

      io ipotizzerei anche un giro costiero sorrento-amalfitano con base nell’agronocerino sarnese……qualcuno di tua conoscenza ptrebbe farti da cicerone da quelle parti…..

    Enrico Malgi

    (30 ottobre 2017 - 06:57)

    Lo speriamo tutti. La nostalgia di questa estate cilentana ti attanaglia vero?

    Francesco Mondelli

    (30 ottobre 2017 - 14:20)

    Nella sua generosità il baffo Cilentano di adozione ma napoletano di estrazione darà di sicuro la sua disponibilità ma non son sicuro con quale entusiasmo il nostro Marco accetterà perché si sa il nostro Enrico di sicuro deviazioni non ne farà.PS.Un po di chiarezza sulla stagione d’anticipo:si viene giù per scauratieddi struffoli e pastorelle o si rimanda ad una più rassicurante pastiera ?FM.

    Marco Galetti

    (30 ottobre 2017 - 15:03)

    @FM, EM, MC, i ciceroni abusivi del Colosseo mi fanno un baffo…poter contare su due barra tre è un onore, quanto al periodo non ho pianificato ma ho promesso ad una bufala, sedotta ma non abbandonata, che sarei tornato…devo solo giocare ad incastro col quotidiano e con l’Eco del Cilento…

    Enrico Malgi

    (30 ottobre 2017 - 15:21)

    Il camino acceso nell’inverno cilentano in collina, anche se in mancanza di uno schioppo freddo e “bufalato” come accadeva un tempo in Padania, fa sempre chic. Pensa alle caldarroste, alla brace per la carne, le verdure, il pesce, ecc. , con accompagnamento di un datato aglianico locale. Ti va l’idea?

I commenti sono chiusi.