Aversa , pizzeria la Contrada. Le pizze di mare di Roberta Esposito

16/5/2021 12.9 MILA

La Contrada Ristorante Pizzeria Aversa Roberta Esposito

Piazza Marconi 14 – 15
Tel. 081. 8111700

La contrada aversa i fratelli Roberta e Alessio Esposito
La contrada –  i fratelli Roberta e Alessio Esposito

Roberta al forno, Alessio ai fornelli. I due fratelli Esposito hanno ormai preso il timone nel locale di famiglia creato dal padre e la ripartenza li vede concentrati e preparati.
Era da tempo che avevamo voglia di provare le pizze di Roberta Esposito, una delle donne pizzaiole che si stanno facendo valere in un mondo ancora decisamente maschile, e l’occasione è stata un De Venoge Louis XV rosé di Ugo Marchionne. E così siamo partiti.

La contrada Roberta Esposito
La contrada Roberta Esposito

Il grande vantaggio di questa proposta è la conoscenza della cucina, indispensabile quando si vuole andare oltre le pizze classiche. Uno stacco che si vede dai fritti, con un crocchè scioglievole  e l’arancino buonissimo, per non parlare della frittata di pasta che da sola vale il viaggio come si diceva un tempo. Un po’ più grande di quella classica napoletana.
infine la montanara con i gamberetti fritti è davvero squisita.

La contrada - fritti
La contrada – fritti
La contrada - fritti
La contrada – fritti
La contrada
La contrada

Le pizze di Roberta Esposito

Passando alle pizze, preceduto da un piccolo panino alla napoletana meritevole di menzione perché con poco sale dobbiamo dire subito che l’impasto è di grande valore, tipicamente napoletano, scioglievole, con il cornicione appena più pronunciato. La lievitazione dura 24 ore, le farine sono 0 e 1 ma dobbiamo dire che l’equilibrio della margherita è stato perfetto grazie ad un grande pomodoro.
Il seocndo aspetto riguarda le pizze gourmet. Roberta ha voluto insistere sul mare ed effettivamente la presentazione della pizza con i gamberi è stata spettacolare perché arricchita da buone note vegetali, così pure quella con il baccalà poggiato sulla crema di ceci, abbinamento classico che potrebbe anche fare a meno del latticino in questo caso.
Ottima la pizza bianca vegetale, con gli asparagi, finale con due proposte in teglia, anche qui con il motivo del mare.
Quando si sceglie una proposta gourmet è sempre difficile trovare il punto di equilibrio fra il panetto e i condimenti perché bisogna trovare il punto in cui al palato non domina una componente piuttosto che l’altra. La maggior parte dei pizzaioli risolvono il tema legando il tutto con i latticini, ma spesso l’effetto è negativo. Giocare sulle consistenze, sulle acidità, sulle note affumicate che sono proprie di chi sa anche di cucina costituisce un passo in più.

Ma al di là delle note tecniche, ricordiamo pizza e dolci accompagnati da cocktail ben eseguiti e non zuccherini, la Contrada è un posto dove si sta davvero bene. Siamo nel cuore di Aversa, la città delle cento chiede dove il cuore storico costituito da bellissimi palazzi ci parla della nobiltà di questo centro un tempo riferimento per tutta la provincia di Terra di lavoro.
La pizzeria è in un palazzo antico in pietra, la corte è chiusa un muro, c’è la mano femminile nell’arredamento ed è davvero piacevole mangiare all’aperto. Gli interni sono più caldi.
partito come ristorante specializzato in baccalà, la Contrada oggi è nell’immaginario dei più soprattutto pizzeria anche se la cucina di Alessio è tutta da provare ed è quello che faremo la prossima volta.

La pandemia è stata lunga, adesso i due fratelli vogliono restare concentrati sopratutto sul locale, recuperare il rapporto con i clienti tenuto in piedi dal servizio di asporto. Insomma, quando venite qui, la visita è assolutamente obbligatoria.

La contrada
La contrada
La contrada
La contrada
La contrada
La contrada
La contrada
La contrada
La contrada
La contrada
La contrada
La contrada

 

Report 26 settembre 2016

Le sette margherite di Roberta Esposito

Tommaso Esposito

Si sta un po’ defilati dal centro storico.
Questa piazza è ancora tutta da recuperare alla sua naturale bellezza.
C’è qualche localino, qualche baretto e una vineria.
Poi c’è questa casa antica molto bella.

La Contrada Aversa
La Contrada Aversa

Così l’ha voluta in origine il proprietario toscano che sposando una donna napoletana mise su il ristorante.
Molto accogliente è il posto.
Salette che si collegano l’una all’altra con arredamento elegante, caldo, eppure familiare.

La Contrada angoli interni
La Contrada angoli interni
La Contrada gli interni
La Contrada gli interni
La Contrada gli interni
La Contrada gli interni

C’è una sala da pranzo privata al piano superiore e un bel giardino concluso che diventa piacevole dehors in estate e quando il tempo permette.

La Contrada gli interni
La Contrada il dehors
La Contrada il giardino dehors
La Contrada il giardino dehors

Buona cucina un po’ fiorentina, un po’ partenopea in origine.
Ora in carta ci sono piatti della tradizione intramontabili.
Dicono che sia molto buono il baccalà nelle sue variegate declinazioni.
Ma stasera siamo qua per la pizza.
Ecco, ci incuriosiva conoscere la pizzaiola.
Eh sì, perché di pizzaiole donna che impastano, stanno dietro al bancone e infornano non ce ne sono molte in giro.
Roberta Esposito è la figlia del proprietario.
Nasce come sommelier e signora in sala.
Poi resta affascinata dal pizzaiolo residente.
Gli si mette vicino e stesa dopo stesa si impossessa del mestiere.
Non le garba però l’impasto tradizionale napoletano e si converte alla linea semi integrale.
Insomma oggi Roberta Esposito è una delle punte della cosiddetta Pizza Gourmet, nel senso che appartiene al circuito delle pizze seguaci della filosofia GMA.
L’impasto è fatto quindi con farine da semi integrali a totalmente integrali.
Vale per lei il discorso salutistico, ma anche l’esigenza di offrire un prodotto che non perda nulla delle caratteristiche proprie della pizza napoletana.
Cioè morbidezza, scioglievolezza, unicità dei sapori al palato.
Ovviamente requisito fondamentale è la scelta delle materie prime.
Poi c’è la tecnica di impasto che si orienta verso una buona idratazione, una lievitazione dalle 24 alle 48 ore e ovviamente una mano allenata nella gestione del forno a legna.
Non a caso la pizzaiola ha scelto come suo aiutante Francesco Sorrentino, un giovanissimo pizzaiolo esperto di questi impasti.
Lui ha lavorato a lungo proprio a Villa Giovanna sopra il Vesuvio.

La Contrada Roberta Esposito e Francesco Sorrentino Pizza Margherita
La Contrada Roberta Esposito e Francesco Sorrentino Pizza Margherita

Il menu è agile, non molte pizze, ma ben sette margherite diverse.
È l’omaggio che Roberta Esposito fa alla Regina.

La Contrada Roberta Esposito Pizza Margherita
La Contrada Roberta Esposito Pizza Margherita
La Contrada Roberta Esposito Pizza Margherita
La Contrada Roberta Esposito Pizza Margherita
La Contrada Roberta Esposito Pizza Margherita con bufala
La Contrada Roberta Esposito Pizza Margherita con bufala aversana
La Contrada Roberta Esposito Pizza Margherita Tris
La Contrada Roberta Esposito Pizza Margherita Tris

I risultati sono egregi.
Pizza Fiume con i peperoncini verdi fritti, il fiordilatte e il piennolo conferma le aspettative.

La Contrada Pizza Fiume Roberta Esposito
La Contrada Pizza Fiume Roberta Esposito
La Contrada Roberta Esposito Struttura della Pizza
La Contrada Roberta Esposito Struttura della Pizza

Certo non è facile cavarsela con queste pizze che sono solito definire diversamente napoletane nella mia tassonomia pizzosa.
Roberta ci riesce ed è un suo merito che accresce il valore di essere una vera pizzaiola donna.

La Contrada di Aversa e la pizza di Roberta Esposito

 

Le pizze margherite di Roberta Esposito

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.