Mini verticale Fiano di Avellino Docg 2017 – 2016 – 2015 – 2014 Colli di Lapio di Clelia Romano

26/12/2018 998
Mini verticale Fiano di Avellino Docg Clelia Romaro
Mini verticale Fiano di Avellino Docg Clelia Romaro

di Enrico Malgi

Le molteplici ricorrenze di Natale, di fine anno ed inizio del nuovo rappresentano un appuntamento irrinunciabile per festeggiare con copiosi abbuffate e libagioni. E per questo motivo un posto di riguardo è riservato sempre alla degustazione di grandi vini e spumanti. Nell’occasione anch’io ho cercato di approfittarne, stappando bottiglie di alto valore qualitativo. Dopo il Terra di Lavoro di Galardi, mi sono dedicato ad un altro must della vitienologia campana: il Fiano di Avellino Docg dell’azienda Colli di Lapio di Clelia Romano, che ho degustato attraverso un’interessante mini verticale: 2017-2016-2015-2014. Ed ecco qui le mie impressioni.

Controetichette mini verticale Fiano di Avellino Docg Clelia Romano
Controetichette mini verticale Fiano di Avellino Docg Clelia Romano

Fiano di Avellino Docg 2017. Fermentazione e maturazione in acciaio. Affinamento in bottiglia per sei mesi. Gradazione alcolica di tredici e mezzo. Prezzo finale intorno ai 20,00 euro.

Annata calda e siccitosa per questo millesimo bambino. Nonostante tutto, però, le potenzialità sono molto evidenti, a cominciare dal bel colore giallo paglierino lucente e venato leggermente di verde. All’olfatto si presentano in rivista soprattutto credenziali fruttate e floreali, che si esprimono con note di nocciola, di pesca, di ananas, di tiglio, di camomilla e di acacia. Rimandi mentolati e muschiati. Bocca fresca, elegante, sapida e minerale. Palato scattante, equilibrato e tonico. Chiusura lunga e piacevole. Darà il meglio sé fra quattro-cinque anni. Sulla classica cucina di mare campana.

Fiano di Avellino Docg 2016. Tasso alcolico di tredici gradi.

Veste cromatica più evoluta che vira già verso un colore giallo paglierino carico. Per la tipologia si tratta comunque di un vino ancora molto giovane, ma che sta cercando di riassestarsi al meglio. Incontro perfettamente riuscito tra la componente fruttata e quella floreale di ottima stoffa e splendidamente supportate entrambe da note di macchia mediterranea. In aiuto anche pregevoli fragranze speziate. Sorso aromatico, sapido, agrumato, equlibrato ed armonicamente in linea. Bocca complessa, tagliente e sospirosa. Retroaroma leggermente amarognolo e fumé. Spaghetti alle vongole e mozzarella di bufala.

Fiano di Avellino Docg 2015. Gradazione alcolica di tredici e mezzo.

Colore giallo paglierino splendente. Sentore dia nocciola in primis e poi essenze di albicocca, di pesca, di mela golden, di agrumi, di tiglio, di citronella e di eucalipto. Rimandi fumé ed idrocarburi, pur senza l’apporto del legno. Attacco in bocca pieno, soave, elegante, raffinato, calibrato e fresco, ma il disegno palatale è anche grintoso, strutturato, vibrante, materico e di ottimo corpo. Finale appagante e persistente. Ottima esecuzione di un vino territoriale da abbinare a piatti di mare ed in parte anche a quelli di terra. Ancora lunga vita davanti a sé.

Fiano di Avellino Docg 2014. Tenore alcolico di quattordici gradi.

Bicchiere segnato da un colore giallo paglierino carico, che vira verso il dorato. Impatto olfattivo oggetto di un pot pourri profumato di suadenze fruttate come da varietale: nocciola, pesca, mela ed agrumi, a cui si associano refoli odorosi di cedro, di biancospino, di menta, di felce, di timo e di mentolo. Bocca ampia, accogliente, centrata, scattante, salivante di acidità, sapida, polposa, grassa e dinamica. Azione palatale ancora in work progress, per un futuro disegno ancora tutto da scoprire. Affondo finale avvolgente, seducente e lungo. Su primi di mare, crostacei, molluschi e latticini. Ovviamente per le prossime festività il Fiano di Clelia è da considerarsi un ospite molto gradito.

Sede a Lapio (Av) – Contrada Arianiello, 47
Tel e Fax 0825
 982184 – Cell. 348 7626010
Enologo: Angelo Pizzi
Ettari di proprietà: 5 – Bottiglie prodotte: 65.000
Vitigni: fiano, greco ed aglianico

7 commenti

    Mondelli Francesco

    (26 dicembre 2018 - 15:17)

    Il vino della vigilia di Natale.E poi risotti alla zucca pesci importanti come rombi e pezzogne minestre di legumi sformati di verdure carni bianche e formaggi a pasta molle.Per la struttura importante sarà sorprendente su tanti piatti complessi con cui si misura alla pari e senza compromessi.PS.Declinazioni di Fiano c’è ne tante ed anche molto interessanti ma per me che lo tengo sotto osservazione esattamente da un ventennio è e rimane sempre il termine di paragone.FM.

    Enrico Malgi

    (27 dicembre 2018 - 10:00)

    Hai proprio ragione caro Francesco. Il Fiano di Clelia è un vino strepitoso, uno dei migliori bianchi d’Italia senz’altro, Molto longevo e polivalente e come dicevi tu per la sua struttura si abbina perfettamente a diverse pietanze e non solo di mare.

    Marco Galetti

    (27 dicembre 2018 - 10:40)

    Se attraversa lo stivale
    è un gran vino trasversale
    ma l’amico campano
    di rado allenta la mano
    quando l’ha fatto
    mi ha reso soddisfatto
    il ricordo sta svanendo
    se non sali allora scendo

    Enrico Malgi

    (27 dicembre 2018 - 12:13)

    Marco ti aspetto e come sai generosamente ti faccio assaggiare tutti i vini della mia piccola cantina,

    marco contursi

    (27 dicembre 2018 - 14:53)

    alea iacta est…..passa sto rubicone e svuotiamo la cantina del volpone cilentano, tanto la sua scorta enoica è come il fegato di prometeo….ricresce di notte magicamente.

    Mondelli Francesco

    (27 dicembre 2018 - 15:24)

    Gentile signor Malgi cerchi di tenere a mente che,come la sua visione dopo tanti assaggi ,I Marco sono doppi per cui non può fare a meno di invitare al suo desco solo chi assaggia e degusta ma anche chi mangia e beve e che per dolce,in mancanza del mitico babà di donna Eugenia,si accontenta anche di un Pan De Toni visibilmente difettato.PS.Per vari motivi il convivio di questo fine d’anno è stato rinviato a tutto vantaggio però del montepremi che troveremo sicuramente aumentato.FM.

    Enrico Malgi

    (27 dicembre 2018 - 17:47)

    Egregi signori in appendice (si può dire così?), per vostra norma non ho mai lesinato di mettere a disposizione le mie piccole scorte enologiche a chicchesia, tanto è vero che le cento e più persone gratificate in questo tempo natalizio mi sono buone testimoni. A buon intenditor…

I commenti sono chiusi.