Giovanni Sorrentino e Gerani. I dieci motivi per cui è uno dei migliori locali del Sud!

1/11/2018 1.7 MILA
Gerani, il servizio del pollo
Gerani, il servizio del pollo

Gerani a Santa Maria La Carità
Via Petraro, 1, 80050 Santa Maria la Carità NA
Telefono: 081 874 4361
www.geraniristorante.it

Gerani, la sala
Gerani, la sala e l’acqua in stile nordico

1-Il primo motivo è il costo abbordabile. Difficilmente si superano i 40 euro e vini non hanno ricarichi eccessivi. Il parcheggio è molto facile da trovare perché il locale affaccia sulla piazza principale del paese e dista appena a quattro chilomentri dall’uscita autostradale di Scafati-Pompei Est sulla Napoli Salerno.

Gerani, uno scorcio della sala
Gerani, uno scorcio della sala

2- Il secondo motivo è che ci troviamo di fronte ad una cucina leggibile, senza ghirigori barocchi, caricature e superfetazioni. Tutti piatti eseguiti con grande tecnica, appresa, dopo aver studiato l’Alberghiero, in lunghi anni di gavetta maturata da Gennaro Esposito e Michele Deleo in Campania, da Alain Ducasse e allo Chalet d’Adrien in Svizzera Francese con Mirto Marchesi. Il suo riferimento è Bottura. Ci troviamo di fronte ad un cuoco che si mette al servizio dei clienti e non dei critici gastronomici e del loro circo sbadiglioso. Qui si mangia, non si va a messa.

Gerani, il fritto napoletano di benvenuto
Gerani, il fritto napoletano di benvenuto

3-Il terzo motivo sono le ricette di Giovanni Sorrentino a Gerani. Secondo le indicazioni della maggior parte dei grandi cuochi, oggi che non si cucina più nelle case la vera novità è la tradizione, ripensata in termini moderni con le tecniche di cottura e la presentazione dei piatti oltre che nell’alleggerimento dei grassi. Ha rilanciato i mezzanelli allardiati e le penne alla pizzaiola che erano quasi scomparsi!

Gerani, il pane
Gerani, il pane

4-Il quarto motivo è che lavora bene, non solo nei fine settimana e non solo a cena. E’ il lusso accessibile ed è per questo che viene voglia di venire qui anche per una pausa lavoro. Ci trovi la famiglia con il bimbo appena nato ma anche l’imprenditore conserviero o il pastaio del territorio. Avere un locale tonico assicura il ricambio della materia prima e dei prodotti e mette la brigata di cucina in condizioni di lavorare sempre con il sorriso.

Gerani, mezzanello allardiato
Gerani, mezzanello allardiato

5-Il quinto motico è che Giovanni Sorrentino ha dalla sua il vero, direi purtroppo anche l’unico, carburante che tiene in piedi l’Italia: la famiglia. In sala c’è la moglie che segue con attenzione i clienti. Come non mangiare da chi investe nei propri cari?

Gerani, tagliatelle della mamma con porcini e tartufo nero
Gerani, tagliatelle della mamma con porcini e tartufo nero

6-Il sesto motivo è che trovi piatti stagionali, con un menu che cambia almeno cinque volte all’anno. E se non hai voglia delle solite cose puoi sempre scegliere un piatto d’autore che Giovanni infila in ogni carta.

Gerani, Giovanni Sorrentino alle prese con il pollo ruspante
Gerani, Giovanni Sorrentino alle prese con il pollo ruspante

7-Il settimo motivo per venire qua è che i prodotti sono stagionali e tracciati. Siamo in uno dei territori europei più ricchi di tutto, dal mare a tre chilomentri all’Agro Vesuviano terra di pomodori, ortaggi e frutti sopraffini. E funghi e tartufi dei monti Lattari, carni paesani e polli allevati in proprio.

Gerani, il Pollo
Gerani, il Pollo

8-L’ottavo motivo è che Giovanni Sorrentino non è un cuoco qualunque. Quando fa le competizioni le vince o si piazza in pole come è avvenuto con i concorsi di birra. Ha talento ma non lo esibisce, lo applica. Insomma, è un professionista.

Gerani, il Pollo, ala e petto
Gerani, il Pollo, ala e petto

9-Il nono motivo per mangiare a Gerani è che Giovanni Sorrentino usa Facebook per colloquiare, non per strillare, non litiga, il suo carattere gioviale gli consentono serenità e vivere senza invidia e senza ansia di confronto. Quel che viene viene. Ha un bel lavoro, si diverte e riesce a vivere bene con la sua bella famiglia non lontano di casa.

Gerani, il pollo, i crostini
Gerani, il pollo, i crostini

10- Infine si viene qui per un motivo semplice semplice. Si sta bene e quando esce non pensi a quello che hai speso ma a quello che hai mangiato. Alè!

Gerani, patate e funghi, pure' al tartufo e friarielli
Gerani, patate e funghi, pure’ al tartufo e friarielli
Gerani, del pollo non si butta via nulla
Gerani, del pollo non si butta via nulla

Gerani di Giovanni Sorrentino

Il locale è Bib Gourmand per la guida Michelin: “il nostro migliore rapporto qualità-prezzo  32€ “

Un commento

    Me

    (1 novembre 2018 - 14:32)

    Ecco, questo è una recensione ben scritta, non c’è bisogno di descrivere i singoli piatti assaggiati ripresi in primo piano dall’alto con la giusta luce in formato enorme, mille ingredienti inutili e decorazioni superflue, bastano un po’ di foto ben fatte di piatti che urlano mangiami (i fritti asciutti ed invitanti, quel pane dorato e quel pollo succoso…), e soprattutto “una cucina leggibile, senza ghirigori barocchi, caricature e superfetazioni”. Vogliamo prima di tutto mangiare bene, poi e solo poi stellato e solo se ne vale la pena per il gusto e non di certo solo per il prestigio, così si crea una vera cultura del cibo anche tra chi non può permettersi 150 euro di menu degustazione con l’amuse-bouche da 0,05 gr e 10 portate di assaggini che non fai nemmeno in tempo a sentirne il sapore e sono già finiti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.