Cucina napoletana all’Hotel Romeo, il bistrot che mancava a Napoli

25/10/2019 1.4 MILA
Hotel Romeo, la trattoria. Francesco Ciitterio
Hotel Romeo, la trattoria. Francesco Citterio

Hotel Romeo a Napoli, il bistrot
Via Cristoforo Colombo 45

Tel. 081.0175001
Fax 081.0175999
Sempre aperto

Cucina napoletana all’Hotel Romeo a Napoli. Ho sempre pensato che in città mancasse un posto tranquillo dove mangiare cucina napoletana classica ben eseguita per incontri discreti. Certo non mancano quelli che definiamo i locali della gioia a Napoli, ma un posto per un lunch tranquillo e veloce è davvero raro.
Da qualche mese l’Hotel Romeo ha differenziato in modo netto la proposta: al decimo piano c’è lo stellato Comandante diretto da Salvatore Bianco, aperto solo la sera dal martedì al sabato mentre al nono dove si fanno le splendide colazioni dell’albergo, tra le migliori d’Italia, è stato llestito un bistrot aperto a pranzo e a cena dove trovate il repertorio classico napoletano, dalla pasta e patate alla genovese, dai polipetti alla luciana alla parmigiana di melanzane. Un menu che ruota tre, quattro volte l’anno e che la domenica propone il classico pranzo napoletano con piattì fuori carta come il ragù.
Il cuoco è Francesco Citterio, vomerese, per sei anni sous chef di Salvatore Bianco e prima ancora al bistellato Capri Palace con Andrea Migliaccio.
Ecco dunque piatti della tradizione appena leggermente alleggeriti e ben presentati, tecnicamente molto ben eseguiti grazie alla padronanza dello chef che abbina il mestiere assolutamente migliore di esperienza per chi ha lavorato in albergo e dunque abituato a tutte le emergenze, con la memoria del cibo della propria città. Perchè la cucina del territorio ha bisogno di cuore, soprattutto quella napoletana che ha una lunga elaborazione del corso dei secoli.
Una carta dei vini giusta e un servizio di sala attento e motivato completano l’offerta.
Al nono piano dell’Hotel troverete dunque una struttura completamente autonoma, con il piacere di essere fuori dal caos con vista sulla stazione marittima e per un prezzo che difficilmente supera i 50 euro, vini esclusi.

Hotel Romeo, la trattoria
Hotel Romeo, il servizio
Hotel Romeo, la trattoria. Pane e olio
Hotel Romeo, la trattoria. Pane e olio
Hotel Romeo, la trattoria. I taralli napoletani
Hotel Romeo, la trattoria. I taralli napoletani
Hotel Romeo, la trattoria. Mise en place
Hotel Romeo, la trattoria. Mise en place
Hotel Romeo, la trattoria. Insalata di gamberi
Hotel Romeo, la trattoria. Insalata di gamberi
Hotel Romeo, la trattoria. Scarola saltata
Hotel Romeo, la trattoria. Scarola saltata
Hotel Romeo, la trattoria. Sartu'
Hotel Romeo, la trattoria. Sartu’
Hotel Romeo, la trattoria. Pasta fagioli di Controne e Cozze
Hotel Romeo, la trattoria. Pasta fagioli di Controne e Cozze
Hotel Romeo, la trattoria. Il vino
Hotel Romeo, la trattoria. Il vino

Hotel Romeo a Napoli, il bistrot

3 commenti

    EVELINA BRUNO

    evviva. Qui c’è sempre il discorso dei grandi hotel napoletani chiusi alla città, che solo pian piano si stanno aprendo. Lo fanno il Parker, il Continental, il Renaissance, Palazzo Tutti gli altri restano fortezze. Che senso ha oggi nel 2020? Quando si capirà che turisti e cittadini hanno sempre più voglia e bisogno di specificità e quindi, appunto, in alcuni casi, luoghi riservati, ben congegnati?
    Bisognerebbe davvero ragionarci su.

    25 ottobre 2019 - 10:54Rispondi

    Francesco Mondelli

    Ogni scusa è buona per stappare un Fiano ! Battute a parte sembra tutto gastronomicamente interessante con “l’aggravante”dello sguardo che spazia all’orizzonte.Da provarci subito al prossimo tour partenopeo.Grazie e……spesso paisà FM

    25 ottobre 2019 - 12:45Rispondi

    Silvana salerno

    Una garanzia. Tra proposte di cucina esotica,innovativa, pizzeria e moda del crudo, la tradizione napoletana resta una scelta d’elezione. Al Beluga si possono gustare i piatti della tradizione presentati col gusto, la raffinatezza e quel tocco di insolita novità in un ambiente raffinato ed elegante. Complimenti al giovane e promettente chef .

    25 ottobre 2019 - 14:42Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.