La ricetta cult | Bucatini cacio e pepe

22/5/2015 4.9 MILA

Bucatini cacio e pepe (Foto Monica Piscitelli)

Durante il pasta consensus Peppe Daddio è andato in over performance per la gioia di tutti noi. Ecco allora i bucatini cacio e pepe che il bravo chef campano ha imparato dal suo maestro Antonello Colonna.

Una ricetta facile, il cui segreto è nell’amalgama che deve impedire di portare a tavola semplice pasta con il formaggio :-)

Bucatini cacio e pepe

Ricetta di Antonello Colonna, Peppe Daddio

  • 0.0/5Vota questa ricetta

Ingredienti per 6 persone

  • bucatini artigianali: gr. 500
  • cacio (pecorino stagionato): gr. 150
  • parmigiano: gr. 70
  • pepe misto pestato: q.b.
  • olio extra vergine di oliva: q.b.
  • sale: q.b.

Preparazione

Cuocere  in acqua salata per soli tre minuti i bucatini precedentemente spezzati.
Scolare i bucatini
Riunirli in una pentola con poca acqua, unire gradualmente dell’acqua di cottura della pasta in tal modo si conferisce amido e quindi liquidi di governo.
Infine mantecare i bucatini aggiungendo il cacio, il parmigiano, ed il pepe misto pestato fino alla formazione di una crema.

26 commenti

    Alessia

    ottima! la proverò

    26 settembre 2011 - 14:35

    Antonio Scuteri

    Eeee, la fai facile. Scritta così sembra una passeggiata, ma nella realtà non è così semplice ;-)

    26 settembre 2011 - 15:20

    virginia

    missà che devo dare ragione a Scuteri! A Roma è richiesto un master solo per la mantecatura eh Anto’? ;-)

    26 settembre 2011 - 16:05

      Antonio Scuteri

      E sì ;-)

      26 settembre 2011 - 21:16

    leo

    Proprio sabato ne parlavo a casa dei miei ! spiegando che non era così semplice come la mostravano in TV (la Clerici o la Parodi, boh) e che a Roma c’è gente che si litiga per una mantecatura fatta ad hoc :-))

    26 settembre 2011 - 16:22

      virginia

      Leo: se si va da Felice a Testaccio si fa pace tutti quanti ;-)

      26 settembre 2011 - 16:50

        leo

        Mmmm, mica mi sono trovato benissimo da Felice.. preferisco quelli di Roscioli :-)

        26 settembre 2011 - 17:56

          Antonio Scuteri

          Perché, caro Leo, tu sei uno sborone e un gastrofighetto :-D

          Comunque, personalmente, non sono disposto a pagare 18 euro per una cacio e pepe, per quanto fatta bene ;-)

          26 settembre 2011 - 21:10

    Antonio

    Grazie per la ricetta : 1° perchè spezzare i bucatini; 2° perchè non c’è quantità per pepe,sale e olio? AUGURI A TUTTI

    26 settembre 2011 - 16:31

      luciano pignataro

      1-Secondo Peppe Daddio, trattandosi di una cottura in parte risottata, si riesce a governare meglio.
      2-Si va a occhio

      26 settembre 2011 - 17:16

    enricobotte

    la prima volta che li ho preparati ho creato un monoblocco di vermicelli (io li preferisco) e cacio.
    la seconda volta per paure che la pasta scuocesse durante la mantecatura, l’ho scolata troppo presto e i vermicelli si sono spezzati in mille pezzetti, un disastro!!

    ma la terza volta, …ma la terza volta…un successone.
    ci vuole un pò di mano, ma si fa. non saranno speciali come quelli di peppe daddio, ma il risultato è garantito.

    26 settembre 2011 - 16:50

      Romualdo Scotto di Carlo

      questa mi è nuova, mi tocca una verifica al tuo rientro dalla Namibia!

      26 settembre 2011 - 23:17

    Fabrizio Scarpato

    Non per attizzare, ma sbaglio o quell’evidente filo d’olio, anzi qualcosa più di un filo, secondo alcuni, anzi molti, per non dire moltissimi, non ci dovrebbe essere punto nella cacieppepe? Capisco che son dogmi e a noi dei dogmi ci frega poco, capisco che andrebbero provate entrambe, con e senza, ma il dubbio che, ai fini della centrifugata manuale atta all’uopo, l’olio dia un aiutino nonché una punta acidula o quelchevolete al cacio, ci può stare. Mò sto qui, testa alta e braccia larghe: il cuore oltre l’ostacolo ;-))

    26 settembre 2011 - 18:33

      Antonio Scuteri

      Hai ragione Fabrizio. No, non ci vorrebbe. E per quanto mi riguarda non è un dogma, ma una questione di gusto. Se fosse solo che dà un aiutino me ne fregherei bellamente. Il problema è che il sapore viene cambiato. Secondo me in peggio, poi ognuno faccia come crede

      26 settembre 2011 - 21:14

        luciano pignataro

        non sono un esporto di questa ricetta, daddio lo ha aggiunto alla fine, a crudo. A me non è dispiaciuto

        26 settembre 2011 - 21:52

    renato

    Secondo me in cucina non si deve mai perdere il piacere della creatività per il semplice gusto dell’accademia .Daddio ci ha presentato la sua variante di “cacio e pepe alla romana”,piaccia o no.Comunque pure Roscioli usa il pepe di Sichuan che non c’entra niente………

    26 settembre 2011 - 21:27

      Antonio Scuteri

      Infatti ho precisato che non ho fatto questioni di accademia, ma di gusto personale. Nel senso che (ovviamente sempre secondo la mia opinabilissima opinione) l’olio peggiora la cacio e pepe e non la migliora a causa del suo sapore e del senso di grassezza che aggiunge in una ricetta che non ne avrebbe proprio bisogno

      A differenza, per esempio del pepe di Sichuan, che la migliora, e parecchio (sempre secondo me, precisiamolo ancora una volta in modo che nessuno si offenda)

      26 settembre 2011 - 21:58

    Alberto Capasso

    Cacio e pepe era un piatto di strada, povero, poverissimo, quindi né olio né parmigiano. E il pecorino non era stagionato, era semplicemente vecchio, stantìo (quello che i signori buttavano) che squagliandosi e stordito dal pepe tornava “buono”… ciò detto, che male c’è se qualcuno si ci diverte con altri ingredienti? Al massimo possiamo chiamarlo “cacio e pepe modello crisi 2011”

    26 settembre 2011 - 22:03

      Lello Tornatore

      …il solito cerchiobottista!!! ;-)))

      26 settembre 2011 - 22:09

    Mimmo Modarelli

    Se è Cacio e Pepe deve essere Cacio e Pepe, se non si è capaci di farla chiamiamola Cacio, Parmigiano, Pepi Vari e Olio.

    27 settembre 2011 - 15:11

    carmine

    e meno male che è una cacio e pepe, sennò sai le discussioni… che poi, detto fra noi, sono il bello della vita, in definitiva ognuno si mangia la sua di cacio e pepe, non è bello ciò che è bello ma ciò che piace….

    28 settembre 2011 - 11:43

    Luciana

    Ho trascorso tre giorni a Roma per lavoro e ho voluto, per la prima volta, assaggiare i tonnarelli (che tipo di pasta è?), al cacio e pepe: sono buonissssimi ! Naturalmente ho provato a farli una volta a casa, ma….. non sono venuti proprio bene.
    Mi potreste indicare dove si prepara il “cacio e pepe” più buono di Roma.
    Grazie.

    3 ottobre 2011 - 12:56

    sara

    Scusate ma… secondo voi.. Posso usare il cacio cavallo stagionato?
    grazie

    1 novembre 2011 - 19:03

    […] La ricetta cult | Bucatini cacio e pepe « Luciano Pignataro Wineblog. Share this:TwitterFacebookPinterestGefällt mir:Gefällt mir Lade… Dieser Beitrag wurde unter Gastronomia & Eventi abgelegt und mit bucatini, cacio, cilento, pecorino, pepe, ricetta, vino dieta mediterranea verschlagwortet. Setze ein Lesezeichen auf den Permalink. ← La Notte Bianca a Salerno. […]

    8 maggio 2013 - 12:59

    […] La ricetta cult | Bucatini cacio e pepe sembra essere il primo su Luciano Pignataro […]

    9 maggio 2013 - 06:02

    olimpia

    … Il Cacio e pepe… dietro la porta rossa… :-)

    13 maggio 2013 - 07:41

I commenti sono chiusi.