Linguine all’aglio nero e cozze, la ricetta di Alessandro Rinaldi, chef di Identità Golose Milano

18/9/2019 811

Linguina di semola di grano duro all’emulsione di aglio nero fermentato, peperoncino lungo Quagliettano Spungulicchio mano di Buddha e cozze
Linguina di semola di grano duro all’emulsione di aglio nero fermentato, peperoncino lungo Quagliettano Spungulicchio mano di Buddha e cozze

di Alessandro Rinaldi

chef dell’Hub di Identità Golose-Milano

Durante una cena nel bello spazio di Identità Golose milanese abbiamo prvato questo piatto semplice ed efficace.
Non abbiamo resistito alla voglia di rifarlo a casa e abbiamo chiesto la ricetta.

Linguina di semola di grano duro all’emulsione di aglio nero fermentato, peperoncino lungo Quagliettano “Spungulicchio” mano di Buddha e cozze

Ricetta di Chef Alessandro Rinaldi

  • 5.0/5Vota questa ricetta

Ingredienti per 4 persone persone

  • 300 gr di spaghetti
  • 700 gr di cozze con guscio
  • 1 spicchio d’aglio viola
  • 1 mazzetto di prezzemolo
  • Semi di peperoncino q.b
  • Olio extravergine Ravece q.b
  • - L’emulsione di aglio nero:
  • 6 spicchi aglio nero
  • 200gr acqua di cozze
  • 30gr olio extravergine “Ravece”
  • 100gr patate di “Trevico”
  • 2gr peperoncino spungulicchio essiccato
  • Sale q.b

Preparazione

Pulire le cozze togliendo la peluria esterna, risciacquarle per 2/3 volte.
In una casseruola far soffriggere aglio e olio, quando il tutto sarà dorato aggiungere le cozze, appena
aperte, toglierle dal fuoco.
Estrarre il frutto , tenendo ben custodito il proprio liquido di governo.
Cuocere la patata nell’acqua di governo delle cozze.
Una volta cotto il tutto, emulsionare i restanti ingredienti affinché si otterrà un composto denso e cremoso.
Cuocere la pasta in abbondante acqua salata, qualche minuto prima che la cottura sia ultimata, scolarla completando la cottura nel composto di aglio nero precedentemente riposto a sobbollire. In fine completiamo la mantecatura aggiungendo con l’aiuto di una microplane la buccia della mano di Buddha e olio extravergine.
Impianteremo le linguine in un “capello del prete” completando il piatto con la sovra posizione delle cozze.

Vini abbinati: Verdicchio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.