Maurizio De Simone e Raffaele Pagano. Attenti a quei due: nasce il Fiano pre-fillossera!

2/12/2011 1.7 MILA
Raffaele Pagano e Maurizio De Simone (FotoPigna)

Incrociamo le dita: l’incontro tra l’enologo Maurizio De Simone e Raffaele Pagano di Joaquin può portare a risultati imprevedibili. Le due testematte del vino campano hanno tanta voglia di uscire dalla banalità e dai percorsi usuali. Possono permetterselo grazie al grande bagaglio culturale, colturale e commerciale accumulato in questi lunghi anni di lavoro nel mondo del vino campano.

Joaquin a Montefalcione (FotoPigna)

Sicché in uno dei miei consueti giri irpini entro nella cantina Joaquin: no, non è un sito nucleare iraniano, ma uno show room di progetti e idee nuove del vino irpino, avvilito da cataloghi troppo uguali, poca ricerca e quasi nessuna sperimentazione zonale e di territorio. Entro e , clic, vedo Maurizio armeggiare vicino tre botti di castagno, il legno da sempre usato in passato per fare vino in Campania.

I tre tonneaux di castagno con il fiano (FotoPigna)


Fermentazione in legno, su bucce. Ma di cosa: molto semplice da chicchi nati in piante vecchie, a piede franco, sopravvissute negli orti e nei giardini dei piccoli contadini. Già, perché nella viticoltura sta succedendo la stessa cosa che è accaduta con l’architettura rurale: via la pietra e il legno, sì al cemento. Si sega il vecchio e forza con nuovi impianti a tutto spiano. Il che può avere ragione quando si opera su grandi numeri e nel caso di una azienda nuova, non certo se si è piccolini.
La vendemmia 2011 di Maurizio e Raffaele è duranta allora cinquanta chilometri circa

Fiano da piante antiche (FotoPIgna)

Nella mia vita mi sono spesso chiesto come dovessero essere belle le città del Golfo di Napoli prima dello tsunami di cemento. E poi quale potesse essere il sapore del vino dei nostri nonni e bisnonni. La prima risposta posso solo immaginarla guardando antiche stampe, la seconda l’ho trovata a Tramonti, il regno delle viti giganti che camminano, e forse me la daranno qui, in questo moderno stabilimento dove si studia il passato.

Fiano nei bicchieri (FotoPIgna)


Stesso protocollo per uve divise in tre areali. Prima impressione? Sulfurea, metallica, tosta, solo in seconda battuta fruttata. Ma parliamo di vino che ha meno di 30 giorni, abbastanza per capire l’umore del suolo irpino.
Forza ragazzi. Fate bene e soprattutto senza fretta:-)

13 commenti

    maria romano

    In bocca al lupo a Maurizio per questa nuova avventura

    2 dicembre 2011 - 13:13

    Giancarlo Moschetti

    Grande Maurizio, grande Raffaele, non vedo l’ora di degustarli!

    2 dicembre 2011 - 14:19

    gaspare

    robba bbona!

    2 dicembre 2011 - 15:43

    Mimmo Gagliardi

    Mamma che accoppiata… Ma si paga per assistere alle loro riunioni??? Mi ci abbono volentieri!!!! Ad maiora, belli!

    2 dicembre 2011 - 15:50

    alberto capasso

    castagno e bucce… ‘o vino ro nonn’… lo ha tenuto in vita fresco e arzillo fino a 94 anni… se ne è andato perché è caduto dall’armadio, il nonno, altrimenti quel vino lì lo avrebbe fatto campare fino a 150 anni!

    2 dicembre 2011 - 18:09

    Maurizio De Simone

    Grazie a Tutti…..cmq la organizziamo una serata con i vini dei “PAZZI” che mi seguono……possiamo ospitarVi tutti a Torre del Pagus cucino io e stappiamo l’instappabile…..per prenotazione contattatemi

    2 dicembre 2011 - 20:02

    Lunarossa Vini e Passione

    Un’altra magia pescata nel tuo cilindro….riesci sempre sorprenderci.
    Mario

    2 dicembre 2011 - 20:18

    Lello Tornatore

    Sono curioso di sentire questo Fiano…a presto Raffaele!!! ;-))

    2 dicembre 2011 - 20:23

    IL PAOLANTO

    in bocca al lupo!

    2 dicembre 2011 - 21:02

    Albert

    Raffaele Pagano è un GRANDE!

    2 dicembre 2011 - 23:37

    Emanuele

    Diceva Nonno Emanuele: Pazzi e piccirilli, Dio l’aiuta

    3 dicembre 2011 - 10:46

    Mario

    Raffaele Pagano e Maurizio De Simone: il Paul Newman ed il Robert Redford del fiano…

    4 dicembre 2011 - 15:15

    Maria

    Progetto e struttura notevole. Complimenti.

    5 dicembre 2011 - 11:13

I commenti sono chiusi.