Il Papavero di Eboli, cucina stellata low cost e di territorio

10/10/2019 1 MILA
Il Papavero Eboli – Roberto Gigantino e Benedetta Somma

Ristorante Il Papavero Eboli
1 piano, Salita Ripa
Tel.  0828 330689
Sempre aperto, domenica solo a pranzo
Chiuso il lunedì

 

di Barbara Guerra

Fabio Pesticcio in cucina e Roberto Gigantino in sala sono la coppia inossidabile del Papavero di Eboli.
Un delizioso ristorante, finemente arredato, che vanta il primato di avere un rapporto qualità prezzo fantastico.

Da 10 anni brilla la stella Michelin sulla sua insegna, la prima ad arrivare nella parte sud della provincia di Salerno. Ambiente che denota una sempre maggiore personalità. Quadri moderni e pezzi vintage ben assemblati in quella che si presenta come una confortevole ed elegante dimora nel cuore del centro storico di Eboli.

L’accoglienza di Roberto è discreta e professionale, gestisce inoltre una carta dei vini con tanti spunti di interesse e di curiosità non banali. Sempre interessante la cucina di Fabio, oramai matura e serena. L’obiettivo è preciso, quello di offrire una cena confortevole giocando sulle stagioni e il territorio con una decisa presa di posizione a favore esclusivo del piacere dell’ospite. Esempio di quando un cuoco cucina non per dimostrare la sua bravura tecnica ma per il piacere di chi a tavola ricerca serenità con i giusti stimoli alle papille gustative.

Tra i piatti di questa cena di 3 portate con entré, coccole e dessert al costo di 40 euro, spicca un baccalà mantecato che rasenta veramente notevole nel gusto e nella struttura.

Troviamo una new entry in cucina. Benedetta Somma, laureata in chimica e con la passione per i dolci cura i dessert con una grande sensibilità verso le intolleranze. Ognuno qui avrà modo di trovare un fine pasto goloso senza privazioni.

Una squadra ben affiatata, un posto piacevole e una cucina buona e valida. Abbiamo tutti gli ingredienti per trascorrere una bellissima serata al Ristorante Papavero di Eboli

 

 

Ristorante Il Papavero Eboli

.
.

4 commenti

    Marco contursi

    Ottima accoglienza,ottima cucina, ma l ultima volta i dolci mi hanno davvero sorpreso.E non è facile…merita una visita.

    10 ottobre 2019 - 11:48Rispondi

    Francesco Mondelli

    Grande Barbara ? Si gira il mondo per poi accorgersi che praticamente vicino casa abbiamo molto di ciò che cerchiamo.PS Solo omonimia o c’è parentela tra Benedetta e Il nostro stimato patròn Maurizio?Ad maiora semper e……(parafrasando il padre Dante)non ti curar di chi più che parlare gli riesce solo di sproloquiare FM

    10 ottobre 2019 - 12:53Rispondi

    Paolo Amato

    Tappa obbligatoria ogni estate durante la “discesa” verso la Trinacria. In sala il Sig. Roberto è affabile, cortese e gentile. Elastico e flessibile nel prendere la comanda (magari poi si becca gli strali in cucina, ma a noi ha sempre accolto le piccole variazioni al menù che di regola gli chiediamo), ma soprattutto un attento sommelier che ti aiuta a scoprire le chicche locali (Campania).

    In cucina, che dire, anni fa, incuriositi, abbiamo provato questo ristorante in una terra spesso bistrattata (onestamente, se non fosse stato per il Papavero, magari a torto, ma non mi sarei mai fermato ad Eboli). Eh, il Sig. Pesticcio è stata una piacevolissima sorpresa e tutti i ragazzi della brigata sanno il fatto loro.

    Tra l’altro, è stato il primo ristorante stellato in cui i miei figli (all’epoca rispettivamente 7 e 11 anni) sono riusciti a fare tutto un menù degustazione (prima si limitavano a 2-3 portate).

    Mi raccomando, cercate di continuare così. Anzi, miglioratevi sempre di più! :-)

    10 ottobre 2019 - 13:20Rispondi

    lucab

    Dall’articolo:
    “Sempre interessante la cucina di Fabio, oramai matura e serena. L’obiettivo è preciso, quello di offrire una cena confortevole giocando sulle stagioni e il territorio con una decisa presa di posizione a favore esclusivo del piacere dell’ospite. Esempio di quando un cuoco cucina non per dimostrare la sua bravura tecnica ma per il piacere di chi a tavola ricerca serenità con i giusti stimoli alle papille gustative”.
    (Dall’articolo)
    __
    Conosco Eboli e amici mi hanno parlato bene di questo ristorante.

    Questo passaggio lo apprezzo anche perché, implicitamente, sì ammette che tra i cuochi stellati non sono pochi quelli che usano gli artifici tecnici con lo scopo di stupire e che amano essere adorati per placare lo smisurato narcisismo.
    Purtroppo, di CLIENTI ADORANTI in cerca di un Tempio in cui contemplare i NUOVI IDOLI della cucina è piena la nostra epoca “contemporanea”.

    Ne abbiamo anche tra i nostri commentatori.

    (Dall’articolo)
    “Troviamo una new entry in cucina. Benedetta Somma, laureata in chimica e con la passione per i dolci cura i dessert con una grande sensibilità verso le intolleranze”

    Il volto di Benedetta Somma ispira fiducia e simpatia.
    Se si dedicasse anche alla produzione del pane e affini sarebbe un ulteriore valore aggiunto.

    Sul prezzo sicuramente c’è un buon/ottimo rapporto qualità/prezzo.

    10 ottobre 2019 - 13:24Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.