Ristorante La Fescina a Quarto, quando la testa al cuoco non serve solo per spartere ‘ e recchie (separare le orecchie)

14/11/2016 8.8 MILA
La Fescina a Quarto
La Fescina a Quarto

La Fescina
Corso Italia, 261, 80010 Quarto
Tel. 081 1846 4977
Sempre aperto

Incuriositi dalla recensione di Santa Di Salvo sul Mattino, una nuova osteria a Quarto dove uno dei cuochi è stato a bottega da Angelo Troiani, la più grande scuola di cuochi della Capitale, ci siamo piombati a rotta di collo.

La Fescina, sala
La Fescina, sala

Il locale ha aperto da pochi mesi, ma Antonio Apa e Dario De Gaetano, cognati, hanno le idee molto chiare: piatti della tradizione, qualche ideina che non forza la mano più di tanto, carta dei vini flegrei e campani  e un conto che naviga sui 35 euro.

La Fescina, la mise en place
La Fescina, la mise en place

Ed è proprio questo il concetto di osteria moderna che troviamo perfettamente centrato: ricette della tradizione, migliorate dalla tecnica in modo tale che il cliente non debba fare sforzimentali per adattarsi. L’esempio più banale è il pollo alla cacciatora, con la salsa, tradizionale, semplicimente passata e filtrata.

La Fescina, il pane
La Fescina, il pane

La tecnica però c’è, e rende gustosi i pani e i piccoli antipasti, come il sandwich di maccarello, molto centrato e fresco.Buone le piccole fritture, deliziosa la zuppetta di maruzzelle, ben acidificata dal pomodorino giallo: ecco un uso intelligente di questo biotipo che tanta fortuna sta avendo negli ultimi due anni.

La Fescina, antipasti e maccarello
La Fescina, antipasti e maccarello

Bello anche il discorso: abbiamo deciso di aprire grazie al lavoro diSud che ha dimostrato che anche a Quarto c’è spazio. Ecco, sistema, gioco di squadra, soprattutto visione.

La Fescina, la polpetta di melanzana pelosa
La Fescina, la polpetta di melanzana pelosa
La Fescina, zuppetta di maruzzelle
La Fescina, zuppetta di maruzzelle

Tra i primi ovviamente l’amatriciana, un piatto dovuto visto che è stato proprio il Convivio Troiani a inserirla mell’alta ristorazione. Una piccola rivisitazione che anche in questo caso spinge di più sull’acidità che sulle note classiche di pancetta e pecorino.

La Fescina, amatriciana
La Fescina, amatriciana
La Fescina, ravioli con genovese e funghi
La Fescina, ravioli con genovese e funghi

Golosi ed ecumenici i ravioli e il pollo.

La Fescina, pollo alla cacciatora
La Fescina, pollo alla cacciatora
La Fescina, i carciofi
La Fescina, i carciofi

CONCLUSIONI
Se l’alta ristorazione è la formula 1 che può deve trovare la propria applicazione nel quotidiano, possiamo dire che questa osteria, come Gerani di Giovanni Sorrentino a Santa Maria La Carità esprime questa nuova tendenza. La nostra società cambia, le trattorie familiari che esprimevano solo la cucina di casa sono ormai in lenta ma inesorabile estinzione. Al loro posto ci saranno questi luoghi, magari aperti in posti periferici come quarto dove la pressione della rendita edilizia non è così soffocante come al centro.  Ragazzi che sanno di tecnica e che sono stati a bottega ma che hanno la testa sulle spalle e pensano al cliente, alle famiglie che riempe il loro locale, ne parla bene su TripAdvisor e li fa andare avanti. Certo, non sono posti per gastrofighetti, ma almeno qui quando mangiate la sala non è desolatamente vuota.
Uscite a Via Campana sulla tangenziale, sinistra, proseguite dritto e dopo la montagna spaccata a sinistra. Il locale è qui, andate in tavolata e con la famiglia. Saranno tutti contenti.

Antonio Apa e Dario De Gaetano
Antonio Apa e Dario De Gaetano