Addio a Gregorio Rotolo, pastore icona dell’Abruzzo. Lanciò “Adotta una pecora”

13/3/2022 1.2 MILA
Gregorio Rotolo
Gregorio Rotolo

Al termine di una brutta malattia, si è spento a soli 62 anni Gregorio Rotolo, autentica icona della pastorizia abruzzese, difensore della biodiversità, caciaro fine e insuperabile.

L’azienda biologica di Scanno fu dondata da lui negli anni ’70 con una produzione di soli ovini; oggi, connessa ad un agriturismo, conta 1500 pecore, 100 capre e 40 mucche per la produzione di formaggi, carni e salumi, tutti di altissima qualità e lavorati a latte crudo, non pastorizzati. La vendita dei prodotti che non è circoscritta al solo territorio italiano ma fino a Manhattan dove andava forte Gregoriano, di ricotta e pecorino scorza nera.

Custode di una tradizione millenaria”, una filosofia di vita,: “Siamo qui anche per continuare a difendere l’esistenza della fiorente biodiversità delle nostre montagne, senza la quale non avremmo materie prime capaci di sprigionare i più svariati profumi e sapori”.

Protagonista della prima puntata diViaggio in Abruzzo, la fortunata serie di Virtù Quotidiane, Gregorio insieme a Nunzio Marcelli
una quindicina d’anni fa aveva dato vita al pionieristico progetto “Adotta una pecora” per sostenere la pastorizia e avere sempre a disposizione prodotti a filiera corta.

 

Un commento

    arnaldo

    Mi dispiace molto. lo si incontrava a molte rassegne di vini con la sua bancarella. Gran persona. RIP

    14 Marzo 2022 - 14:53

I commenti sono chiusi.