Le Tre Arcate a Piano di Sorrento: la buona cucina di grande materia alla portata di tutti

22/7/2019 2 MILA
Alessandro Russo con il papa' Luciano e lo chef Salvatore Accietto
Alessandro Russo con il papà Luciano e lo chef Salvatore Accietto

Ristorante Le Tre Arcate a Piano di Sorrento
Piazza Cota, 10,
Telefono: 081 532 1849
Sempre aperto, chiuso giovedì in inverno
Ferie a gennaio e febbraio

Sì, la Penisola Sorrentina è terra di stellati, Napoli è la provincia più stellata d’Italia, ma non dovete pensare che per mangiare bene bisogna necessariamente svenarsi o fare pasti lunghi e impegnativi. Perché i ristoranti stellati della Penisola oltre ad essere una eccellenza italiana sono soprattutto la punta dell’iceberg e non è difficile mangiare bene in molti luoghi, magari frequentati dai turisti ma non turistici, aggettivo che in Italia è diventato purtroppo negativo.
La base di questa cucina è il mare, ma sempre abbinato a un orto di qualità grazie alle straordinarie condizioni pedoclimatiche e alla luminosità del Sud che aiuta l’agricoltura di qualità. C’è poi la tradizione dell’accoglienza che risale alla fine dell’800, per non parlare dell’influenza di Napoli nei primi piatti e nella pasticceria
Un luogo di sintesi di tutto questo è Le Tre Arcate gestito da Alessandro Russo.

Le Tre Arcate, Alessandro Russo
Le Tre Arcate, Alessandro Russo

Il locale fu aperto dal padre Luciano nel 1991, famoso pasticciere con oltre mezzo secolo di attività, capace di fare zeppole di San Giuseppe che volano appena si apre il pacco tanto sono leggere con una crema ancora girata a mano come si faceva un tempo. Piano piano Luciano ha iniziato ad introdurre anche il salato affianco al dolce.
A questa soida partenza si sono aggiunti due fattori positivi. Alessandro è un oste curioso, chiude il giovedì per andare a mangiare in giro, visita i produttori campani e italiani sempre con passione e interesse, un po’ come Nando Salemme di Abraxas, Mario Avallone della Stanza del Gusto, o il mitico Giulio Cantatore di Ruvo di Puglia. Perchè ormai è chiaro che la buona cucina deve sempre avere alla base la curiosità del patròn per quello che porta a tavola, non basta spulciare i cataloghi, affidarsi ai presidi Slow Food o sbirciare su internet. No: bisogna girare, investire il tempo e il danaro per guardare in faccia chi produce, provare e poi acquistare e riproporre.

Le Tre Arcate, la saletta superiore
Le Tre Arcate, la saletta superiore

Un altro elemento che fa la differenza è il cuoco Salvatore Accietto: dico, dove lo trovate oggi un cuoco poco più che trentenne che da sedici anni lavora nello stesso posto senza grilli per la testa, concentrato sul benessere del cliente? Insomma, uno che ha la maturità professionale di un 50enne? Altro che “me devo esprime”, “la mia cucina” etc etc: buona tecnica conslidata come si vede dalle cotture e dagli abbinamenti, tanta professionalità.
Così questo terzetto magico, padre, figlio e cuoco, ha impostato un locale per tutti i gusti e tutte le tasche che vi consigliao ad occhi chiusi.

Le Tre Arcate, scorcio della saletta superiore
Le Tre Arcate, scorcio della saletta superiore

Gli approcci più semplici sono due: una buona pizza, cosa incredibilmente rara in Penisola, fatta con forno sorrentino e dunque un po’ diversa da quella napoletana, meno scioglievole ma buonissima e realizzata con ottimi prodotti. Altro approccio un asporto ben curato, con timballi invitanti, buoni secondi e la pasticceria di Luciano che trova la sua apoteosi il giorno di San Giuseppe quando produce qualcosa come 600 zeppole.

Le Tre Arcate, i tavoli esterni
Le Tre Arcate, i tavoli esterni

Poi vi potete accomodare e scegliere da un menu semplice ed efficace, con il pescato preso nella pescheria dell’altro lato della piazza, buoni ortaggi, paste ottimamente eseguite. Per un pasto completo spenderete sui 50 euro.
Ma non è finita: Alessandro è anche un grande amante di vino e qui trovate chicche e curiosità di ogni tipo, a cominciare dalle vecchie annate di Villa Diamante ormai introvabili. Si beve di tutto, bene e con i giusti ricarichi.

Le Tre Arcate, il banco dell'asporto
Le Tre Arcate, il banco dell’asporto

Insomma, in sintesi, una grande ristorazione di servizio che è il primo scopo di un ristorante, con buoni spunti di autore se si desidera approfondire il discorso.

Le Tre Arcate, il forno Sorrentino
Le Tre Arcate, il forno Sorrentino
Le Tre Arcate, Piazza Cota negli anni Cinquanta
Le Tre Arcate, Piazza Cota negli anni Cinquanta

Noi ci siamo consolati con uno spaghetto al ragù di totani e uno alla Nerano (Salvatore Accietto è di Nerano), ma anche con piatti di mare che farebbero la loro bella figura su qualsiasi tavola. Lo stile del cuoco è la sintesi della prima fase della cucina della Penisola, orto e mare in cui il primoaiuta il secondo e viceversa. Una cucina che regala piatti di sapore, con pochi ingredienti, essenziale ed efficace al tempo stesso.
Le frittura poi sono semplicemente perfette, saporite e asciutte, servite con un limone massese sorrentino come ai vecchi tempi.

 

Le Tre Arcate, montanara con ragu' di totani e bufala di Paestum
Le Tre Arcate, montanara con ragu’ di totani e bufala di Paestum
Le Tre Arcate, la margherita
Le Tre Arcate, la margherita
Le Tre Arcate, battuto di gamberi e crema di ricotta
Le Tre Arcate, battuto di gamberi e crema di ricotta
Le Tre Arcate, pane e olio
Le Tre Arcate, pane e olio
Le Tre Arcate, alici impanate col tarallo e fritte
Le Tre Arcate, alici impanate col tarallo e fritte
Le Tre Arcate, il baccala' con pane e pomodoro
Le Tre Arcate, il baccala’ con pane e pomodoro
Le Tre Arcate, tonno con sesamo nero e crema di peperoni
Le Tre Arcate, tonno con sesamo nero e crema di peperoni
Le Tre Arcate, spaghetti al ragu' di totano
Le Tre Arcate, spaghetti al ragu’ di totano
Le Tre Arcate, assaggio di spaghetti alla Nerano
Le Tre Arcate, assaggio di spaghetti alla Nerano
Le Tre Arcate, totani fritti con maionese al limone
Le Tre Arcate, totani fritti con maionese al limone
Le Tre Arcate, zeppole di san Giuseppe
Le Tre Arcate, zeppole di san Giuseppe
Le Tre Arcate, zeppole di san Giuseppe
Le Tre Arcate, zeppole di san Giuseppe

 

Le Tre Arcate, il baba'
Le Tre Arcate, il baba

Le Tre Arcate Piano di Sorrento

Le Tre Arcate, delizia al limone
Le Tre Arcate, delizia al limone
Le Tre Arcate, il vino
Le Tre Arcate, il vino

CONCLUSIONE
Il ristorante Le Tre Arcate è un luogo della cucina della gioia. Fuori dai riflettori mediatici e dai circoletti dei critici gastrofighetti, perciò una garanzia di bontà in cui la figur centrale è il ciente. Chi è del luogo lo conosce bene, per chi viene da fuori la prima garanzia è proprio data dalla clientela locale come ben sanno tutti i viaggiatori perché il nemo propheta in patria vale per tutto, ma sopratutto per i ristoranti.
Il nostro consiglio è fare sempre una sosta qui in entrata o in uscita dalla Penisola. Poi, quando i mesi della follia, luglio e agosto sono trascorsi, programmare qui buone serate dove si è sicuri della materia prima, a cominciare dall’olio d’oliva: da ristoratore curioso e colto, Alessandro sta proponendo il vincitore del Sirena d’Oro, un abbruzzese che ha vinto uno dei concrosi più prestigiosi del settore.
Ma il motio vero pr venire qui è la possibilità di ritrovare una serenità senza tensione, il sorriso tipico che negli anni ’90 ha fatto innamorare tutta l’Italia dela Penisola Sorrentina, lontano dal circo mediatico, lontano dalla riprese tv, con il fantastic otrio concentrato sulla cucina e sui fornelli.
Vivetelo e godetevelo tutto. Vi farò volentieri compagnia!

Le Tre Arcate, l'insegna
Le Tre Arcate, l’insegna

Le Tre Arcate Piano di Sorrento

4 commenti

    Antonio Prinzo

    Che bel posto, naturale, di tradizione….appena posso ci corro con Francesco e ritroviamo Sorrento

    24 luglio 2019 - 16:55

    lucab

    PREZZI e Rapporto Q/P.
    Un caso singolare:
    Recensione e Tripadvisor dicono le stesse cose… e io non riesco a fare completa chiarezza. Sarà il caldo?
    __
    Una recensione non è completa se non fa chiarezza su due punti fondamentali, spesso trascurati, nel senso che o non ci sono
    o sono poco chiari.
    1 PREZZI e 2 Rapporto Q/P.

    Il prezzo in effetti c’è: € 50
    Ma non è chiaro: cosa si mangia con € 50?
    Il titolo confonde un po’: “alla portata di tutti”.
    E alcune porzioni lasciano perplessi.

    Spesso, purtroppo, il lettore, per capire meglio, deve fare una personale ricerca sul web: a volte bastano 2 o 3 minuti per togliersi i dubbi che l’incompleta recensione dei food blogger italiani ha prodotto:
    “50 € alla portata di tutti?
    Ma cosa mangi e quanto mangi con 100.000 lire?”
    __
    Come sempre vado dal mio punto di riferimento principale (sul quale, come ho già detto, non ho mai scritto una parola)
    e su TripAdvisor ho trovato moltissimi commenti che confermano quanto dice la recensione.
    Molti lodano la qualità, anche delle pizze, e il buon Rapporto Q/P.

    Ma neanche TripAdvisor è riuscito a chiarire tutti i miei dubbi.

    In questi casi, è decisivo leggere il Menù del ristorante con i relativi Prezzi per avere quella CHIAREZZA totale che, secondo me, è uno dei fari che ci deve guidare quando
    1 esprimiamo il nostro pensiero
    2 e quando dobbiamo comprendere, attraverso le parole, il pensiero degli altri.

    Ma certe volte non è facile leggere il menù, perché non pubblicato.
    __
    Voi dite che invece è il caldo? E che è tutto chiaro?
    __
    __
    I food blog stilano a ritmi frenetici recensioni e classifiche su prodotti e locali di ristorazione.
    Io ho stilato le mie classifiche personali su
    I food blogger più chiari
    I food blogger più completi
    I food blogger più indipendenti
    I food blogger più efficaci
    I food blog più credibili
    ecc…

    24 luglio 2019 - 19:46

    Antonio Prinzo

    Caro Lucab, permettimi una considerazione, una recensione non sempre deve trasformarsi in una scheda tecnica stile bilancio aziendale. Spesso è un emozione, un suggerimento, una scoperta. Io quando scrivo di qualcosa, raramente indico i prezzi, anzi direi mai, non per scelta ma per istinto, perché preferisco parlare di un emozione che quel luogo mi ha dato (e ne scrivo sempre da cliente anonimo che dopo qualche giorno di decantazione decide di parlarne).
    Comunque questa recensione in me ha creato la voglia di partire per Sorrento…

    25 luglio 2019 - 13:04

    lucab

    Antonio Prinzo, non voglio assolutamente trasformare una recensione in una scheda tecnica.
    Ma una recensione deve contenere anche informazioni importanti per chi legge: è, tra queste, l’ho detto tante volte, Prezzi e Rapporto Q/P.
    Non è assolutamente incompatibile con la descrizione dei piatti e le emozioni che hanno suscitato.
    Tanto è vero che alcuni food blogger li inseriscono, almeno i più importanti(prezzo della margherita). Qualcuno fa, certe volte, la foto del menù con relativi prezzi.

    Io critico spesso ma penso di essere anche costruttivo quando indico qualcosa che può migliorare la qualità delle recensioni.
    E su prezzi e Rapporto Q/P non ho dubbi sul fatto che siano graditi ai lettori.
    __
    Il fatto che lei faccia decantare le emozioni lo trovo utile al fine di esprimere una valutazione più accurata.
    Ma, come ho detto, aggiungere qualche prezzo non contrasta e non sminuisce la narrazione.
    Forse lei non ha mai riflettuto sull’effetto che
    una recensione senza prezzi e senza valutazione del R Q/P possa avere su alcune fasce di lettori(non dico su tutti).
    Ho dato qui una mia personale interpretazione di questo comportamento di molti food blogger.

    Saluti

    25 luglio 2019 - 14:43

I commenti sono chiusi.