Trattorie che non tradiscono: La Chioccia d’oro a Vallo della Lucania della famiglia Positano

27/3/2018 2 MILA
la chioccia d’oro – bruschetta con funghi

di Barbara Guerra

A Vallo della Lucania, nel cuore del Cilento la Chioccia d’oro è una tappa obbligata per scoprire quanto di meglio offra questa terra.

Ci pensa Rosa Positano, la nuova generazione che anima con competenza la sala dello storico ristorante di mamma Maria Grazia e papà Giuseppe. Ha selezionato per i suoi ospiti formaggi, salumi, miele, olio e vino. Lasciatevi condurre con fiducia e si dipanerà davanti a voi un grandioso antipasto che da solo vale la camminata.

Il cacioricotta di capra del Cilento, la buonissima mozzarella nella mortella di Starze, il caciocavallo sia freschissimo che appena stagionato “Cicco di Buono “ di San Nicola di Centola, i salumi della macelleria Umberto di Vallo, le olive ammaccate di Salella, giusto per farvi qualche esempio. Tutti appassionati produttori, innamorati della loro terra e del loro lavoro, spesso giovani. E ai tavoli di questo ristorante sempre ben frequentato trovano il loro punto in comune. Sulla tavola, ben presentati e raccontati acquistano l’ultimo gradino di nobiltà che va valorizzare il lungo lavoro di tanti.

Poi i piatti della tradizione, dai cavatelli al sartù di riso con funghi porcini. Qualche interpretazione che occhieggia alla cucina creativa che ha come pregio quello di essere sempre con i piedi ben piantati nel territorio e una zuppa di legumi locali e funghi, anche questa imperdibile. Animali da cortile, tra cui il famoso coniglio ‘mbuttunato secondo la stagione, poi grandi braciate per gli appetiti possenti. Lasciatevi però lo spazio per i dolci, seguono la tradizione e le stagioni.

Io ci sono stata nel periodo natalizio e ovviamente ho mangiato gli struffoli , buonissimi, morbidi e tiepidi irrorati dal miele di castagno. Appagante il cannolo siciliano, dolce povero che oggi diventa attuale coniugando leggerezza e golosità. Classica la cassatina con ricotta di pecora ricoperta di naspro all’acqua.

In sintesi un posto da segnare in agenda, per quando si ha semplicemente voglia di stare bene!

 

Bivio di Novi Velia
Tel. 0974.70004
Aperto a pranzo e a cena
Chiuso il venerdì

2 commenti

    Marco contursi

    (27 marzo 2018 - 19:55)

    Cannolo cilentano..

    Francesco Mondelli

    (27 marzo 2018 - 22:02)

    Per noi Cilentani è tappa quasi d’obbligo quando si scende dal monte Gelbison dove si va a venerare la Madonna del Sacro Monte.Avere un apprezzamento della nostra umile mozzarella nella mortella da chi ha creato le strade della mozzarella non può che riempirci di orgoglio.Una sola precisazione il “papà “si chiama Giovanni.FM.

I commenti sono chiusi.