Ricetta Cult, 'o Rraù. Come si fa il vero ragù napoletano

Letture: 2187
Ziti col ragù

di Sara Afeltra

A Napoli esisteva la Compagnia dei Bianchi di giustizia che percorreva la città a piedi invocando “misericordia e pace”.
La compagnia giunse presso il “Palazzo dell'Imperatore” tuttora esistente in via Tribunali, che fu dimora di Carlo, imperatore di Costantinopoli e di Maria di Valois figlia di re Carlo d'Angiò. All'epoca il palazzo era abitato da un signore che era nemico di tutti, tanto scortese quanto crudele e, che tutti cercavano di evitare. La predicazione della compagnia convinse la popolazione a rappacificarsi con i propri nemici, ma solo il nobile che risiedeva nel “Palazzo dell'Imperatore” decise di non accettare l'invito dei bianchi nutrendo da sempre antichi e tenaci rancori.
Non cedette neanche quando il figliolo di tre mesi, in braccio alla balia sfilò le manine dalle fasce ed incrociandole gridò tre volte: “Misericordia e pace”.

Il nobile era accecato dall'ira, serbava rancore e vendetta, ed un giorno la sua donna, per intenerirlo gli preparò un piatto di maccheroni. La provvidenza riempi' il piatto di una salsa piena di sangue. Finalmente commosso dal prodigio, l'ostinato signore, si rappacificò con i suoi nemici e vestì il bianco saio della Compagnia. Sua moglie in seguito all'inaspettata decisione, preparò di nuovo i maccheroni, che anche quella volta come per magia divennero rossi. Ma quel misterioso intingolo aveva uno strano ed invitante profumo, molto buono ed il Signore nell'assaggiarla trovo' che era veramente buona e saporita. La chiamò cosi' “raù”, lo stesso nome del suo bambino.

Il ragù napoletano
COMM O' FA' MAMMA' NuN O FFA' NISCUNO ” quante volte ho sentito questa frase, e quanti di loro impongono come autentica la propria ricetta.
Non so come sia 'o rraù decantato dagli altri, ma so di certo che il mio non è come diceva DE FILIPPO la solita salsa ca' pummarola, ma “na poesia ca' finisce ca' scarpetta di pane “.
Ho sempre osservato mia madre mentre cucinava ' o rraù e ogni volta che doveva prepararlo, correvo sempre in cucina da lei, prestando attenzione ai suoi gesti.
Non credo ci siano segreti nella preparazione d' 'o rraù, ma solo importanti dettagli.

La carne
Le fette di carne per il ragù

La prima cosa è non usare carne macinata o carne di maiale, ma la braciola, coperta di costata farcita con parmigiano e aglio, arrotolata su se stessa e lagata dallo spago, la braciola è con lo spago.

Le fette di braciola coperte degli ingredienti della farcitura
Fetta di braciola coperta degli ingredienti della farcitura
Le fette di braciola arrotolate
Le fette di braciola arrotolate con lo spago
Le braciole legate

Aggiungerei solo un po' di nerbo.
Non è un semplice ragù, la lunga cottura permette al sugo di “peppiare”; lo sbuffo della salsa è di grande importanza, si raggiunge solo dopo ore di cottura a fuoco lento (chian chian).
L'addore e chistu rau' è na cosa ca fa acquolina diceva mio nonno.
Un profumo che definisce il ricordo delle domeniche, e della voglia di andar in cucina, prendere il cosiddetto “puntillo di pane e intingerlo nel sugo, ma che ve lo dico a ffà, questa è la mia poesia, chiude con l'incontro del pane con il sugo, diventando un grande piacere per il palato.
Ingredienti

1 kg di braciole ( coperta di costata, ripiena di parmigiano, aglio, prezzemolo)
q500g di puntine di maiale;
– 150gdi muscolo di manzoualche pezzo di nerbo
1cipolla
olio di oliva extra vergine
2 bottiglie di pomodoro
parmigiano
sale q.b
Procedimento

Prendere una pentola, meglio se è un tegame di coccio , metterci l'olio. Far soffriggere la cipolla.
Intanto prepariamo le braciole , stendere la carne, metterci l'aglio privo d'anima cosi evitiamo che resti indigesta, cospargere di parmigiano e prezzemolo.

Avvolgere la carne a mo' di involtino e arrotolare con lo spago. Importante è l'uso dello spago, permette alla carne una compatezza nella cottura ed evita la dispersione di cio che è al suo interno.

La carne e lo spago per legare
Le braciole legate

Far rosolare la carne con l'aggiunta del nerbo.

Carne in cottura

Aggiungere il sugo e cuocere a fuoco lento per 5 ore, il sugo deve peppiare, cuocere chian chian.

Il sugo

Nel frattempo far bollire l'acqua e buttare gli ziti che esaltano il sapore del ragù.

La carne in cottura nel sugo
Le braciole cotte nel sugo

Scolare la pasta e condirla.
Grattuggiare il parmigiano sulla pasta.

Gli ziti col ragù


Da non scordare la SCARPETTA con il pane, un rito obbligatorio quando si mangia 'o rraù.
Ah, dimenticavo: il giorno dopo i maccheroni avanzato sono ancora più buoni:-)

Buon Appetito!

I venti migliori ragù italiani
Il ragù napoletano secondo Raffaele Bracale preparato da Gaspare Pellecchia

Il ragù di casa Bracale

Il ragù del portinaio

95 commenti

  • Antonio Petrella (ormai "Monzù)

    (21 ottobre 2011 - 15:52)

    Allora, qua mi si inviita a carne e maccarune ! Un quesito: ho letto non usare carne tritata o carne di maiale per il ragù, ma poi ritrovo le puntine di maiale: E’ un refuso o un pentimento? Però qualcuno risponda, vi prego, non fatemi pippiare nel ragù…..

    • sara

      (21 ottobre 2011 - 20:39)

      .iao Antonio , io sono una contraddizione in termini ., allora . le puntine di maiale , nel ragu””si sposano perfettamente , io mi riferivo al macinato di maiale ,o cotiche , qualcuno è solito preparare i ragu’ con solo carne di maiale .sbgliato , bisogna sempre mescolare meta’ macinato e meta’ manzo . Ma il vero ragu’ e accussi ‘…braciolaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa .

      • vincenzo

        (30 gennaio 2012 - 15:19)

        Ciao Sara, non sono daccordo che il vero (RAGU) si fa come dici tu. Partiamo che nel ragu di Ippolito Cavalcanti cera cioccolato fondente e noce moscata che io metto nel mio ma, tu non hai mensionato e va bene ma, la carne che generalmente viene utilizzata è un misto di carne di manzo (Tagli Anteriori) e poco pregiati che necessitano una lunga cottura come anke quella di maiale, e sono: Muscolo( gamboncello o Piccione) Coperta di costato,spuntature di maiale dette (Tracchiulelle) l’involtino di cotenna ripieno (Cotica) con uva passa pinoli pecorino e prezzemolo,polpette e braciole. Questi sono i pezzi di carne che compongono il ragu dal francese ragout che significa (Spezzatino di carne).ciao

  • renato

    (21 ottobre 2011 - 19:18)

    Questa è la grande madre di tutte le ricette cult della cucina napoletana,peraltro eseguita in maniera ortodossa.Le immagini delle braciole mi hanno riportato un pò(tanto) indietro nel tempo quando non mi stancavo mai di guardare i gesti rituali di mia madre intenta a questa preparazione.E’ cucina dei ricordi.
    La “tracchiolella serve per dare più aroma e rotondità al sugo,mi perdoni Sara se rispondo io.
    Sulla braciola al sugo, per stare fuori i confini campani, proverei una Bonarda,mentre sulla sola pasta berrei un Cirò rosato. Buona Domenica!

    • sara

      (21 ottobre 2011 - 21:08)

      Renato ,un abbraccio grande grande :))
      Grazie ,e’ sempre un piacere quando leggo il tuo commento .

    • Antonello

      (23 ottobre 2011 - 01:42)

      Complimenti per la descrizione concisa e ben relazionata. Sinceramente non ho mai avuto l’occasione di gustare il ragu’ con la braciola, abituato al ragu’ Toscano, quindi con il macinato. Spero quanto prima di averne l’occasione. Come abbinamento consiglierei un Chianti giovane..

      • sara

        (23 ottobre 2011 - 14:30)

        Grazie beh il ragu’ napoletano è un altro discorso ….sicuramente ci sara’ occasione per poter assaggiare :)) e ti innamorerai della BRACIOLAAAAAAAAAAAA :)))

  • sara

    (21 ottobre 2011 - 20:42)

    Giulietta amo la salsiccia nel sugo , ma qui nl ragu’ voglio sentire l’addore della BRACIOLAAAAAAAAA !!! un bcione Giuliaaaaaaaaaaa :**

    • salvatore

      (6 luglio 2013 - 23:17)

      A NAPL O RRAU’ COMM O FAI FAI O CA SCIASCICC O CA BRASCIOL O CHE TRACCHIULELL E’ SEMP A FIN RO MUNN !!!!!!!!!! SUL A NAPL O SANN FA!!!!!!!!!!!

  • Romina Sodano

    (21 ottobre 2011 - 20:50)

    Finalmente la Laurea ;D Brava tesò ;)

    • sara

      (22 ottobre 2011 - 15:55)

      Grazie PRESIDE :*

      • Claudia Deb

        (25 ottobre 2011 - 00:55)

        Qui ci vuole una torta di laurea :) :) :) complimentsss!!

        • sara

          (26 ottobre 2011 - 12:29)

          Voglio la tortaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa :))))

  • Rossella

    (21 ottobre 2011 - 21:48)

    Mamma mia…mi è venuta l’acquolina!!! *.* :)

    • sara

      (23 ottobre 2011 - 02:09)

      :) Rossella ,allora devi cucinare ;)))

  • Pino

    (21 ottobre 2011 - 22:03)

    Brava Sara!!! Mi stai facendo venire l’acquolina con queste ricette!! Comunque complimenti per queste tue stupende e gustosissime ricette!

    • sara

      (23 ottobre 2011 - 14:35)

      ciao PINO …ACCUSSI SI FFà…buon cibo e acquolinaaaaaaaaaaa :))))

  • gaspare

    (22 ottobre 2011 - 00:37)

    il taglio di vitello è fondamentale: quarto anteriore, più duro; di modo tale che la braciola alla fine resti compatta ma non dura, tenera ma ancora succosa.
    ancora, l’ho imparato sulla mia pelle, la costarizza o puntina, serve a “chiudere” un gusto. infine meglio sarebbe se ci fosse anche un terzo pezzo, intero, di vitello sempre (ad avellino invece mettono la cotica; qualcuno mette e toglie delle salsicce invece.. de gustibus). ultima cosa, al posto del parmigiano, il pecorino, più potente di sapore e quindi più bilanciato sull’insieme.

    • sara

      (22 ottobre 2011 - 16:00)

      Gaspare , qualcuno diceva he la braciola deve risultare secca , e per me non esiste , la braciola non deve esser stopposa.Per quanto riguarda il pecorino , ottimo consiglio , io di solito usoil parmigiano ,ma mi è capitato ance di sostituirlo con il pecorino .
      W la braciola ;)

      • gaspare

        (22 ottobre 2011 - 23:22)

        dipende dal taglio che se è poco “connettivo” risulterà secco, anche se è grasso. perché alla fine, essendo lunga la cottura, il grasso si scioglierà cmq. quel che darà morbidezza è il connettivo. credo.
        una cosa sicura, se la temperatura si alza troppo qualsiasi carne diventa stopposa

        • sara

          (23 ottobre 2011 - 02:12)

          …troppo stopposa a me non piace , sara questione di gusto ma la carne deve aver la giusta dolcezza in merito alla consistenza .

  • renato

    (22 ottobre 2011 - 07:00)

    Sara,per piacere mi puoi dire come si fa a pubblicare una ricetta? Per metà novembre avrei un’idea….grazie

    • sara

      (23 ottobre 2011 - 02:24)

      Senti RENATO , la mia mail è sara.afeltra@alice .it scrivimi l’dea magari e la inoltro al responsabile :)))

  • roberto

    (22 ottobre 2011 - 11:30)

    Guagliù !!! ma quà ci volete proprio far venire l’acqualina in bocca…..!!!!???
    A quest’ora si rischia lo svenimento…..davanti a tanta bontà !!! se poi penso ke sia stata preparata dalla bravissima Sara….la voglia di gustarla cresce ancoir di più !!! Devo rinnovare i complimenti….anke per quest’alta opera d’arte !!! Grazie Sara per la tua dedizione all’arte culinaria…un grosso bacio e alla prossima ……

    • sara

      (22 ottobre 2011 - 16:02)

      CIAO ROBY ,E GRAZIEEEEEEEEEEEEEEE MILLE ;)))

      • Lello Tornatore

        (22 ottobre 2011 - 18:16)

        Un segreto, Sara : la carne ideale è la coperta di costata di mucca di due figliate, per capirci quella con la marezzatura di grasso omogeneamente distribuito tra il magro…e po’ m’ rai ‘na voce!!! ;-))

        • Mimmo Gagliardi

          (23 ottobre 2011 - 01:21)

          Professor Tornatore, mi inchino alla sua cultura enogastronomica. Ciao Lello, tvb
          Sara, la braciola è poesia. Grazie di questa bella emozione! :)

          • sara

            (23 ottobre 2011 - 02:30)

            Grazie Mimmooooo ;)

          • Lello Tornatore

            (23 ottobre 2011 - 09:04)

            A’ vist’ ch’ a fatt’, Mimmù !!! Hai indignato” Filippetto without face ” ;-)))))))))))))
            E’ solamente che frequento scuola “di vita contadina” da ben cinquantaquattro primavere…

          • Mimmo Gagliardi

            (23 ottobre 2011 - 09:48)

            non ci pensare Lello, piuttosto, invece di sfrocoliare chi con questo ci vive e ci lavora, dovrebbero chiedersi se hanno mai assaggiato veramente queste cose buone oppure il loro ragù se lo comprano al super-iper mercato!

          • Mimmo Gagliardi

            (23 ottobre 2011 - 09:49)

            Ah, e io la faccia ce la metto sempre, con tanto di sito web dove ci sono mail e cellulare per potermi contattare.
            Sara un bacio e scusa per l’indebita occupazione dello spazio. Ci vediamo presto, magari da Lello! ;)

          • sara

            (24 ottobre 2011 - 12:27)

            MImmo dobbiamo organizzare …tutti da LELLO :)))) e concordo con tutto cio che avete scritto , la cucina tradizionale,quella che decanta un sapore ritovato .. è qualcosa che poche persone possono esaltare .Chi non ha avuto la frtuna di aver un nonno contadino che quando aveva fame ..prendeva due pummarurelle le schiacciava e le metteva sul pane condendole con olio paesano ,sale e origano , non riuscira’ mai a comprendere quel che è per noi un detrminato gusto . Nel descrivere le cose, io percepisco l’atmosfera di quel momento , gli odori che mi riportano in cucina . Per il resto ,ognuno ha le sue ricette , e sindacabili o meno ….w la tradizione .

        • giuseppe

          (23 ottobre 2011 - 02:12)

          Le foto della Carne in cottura, e della carne in cottura nel sugo sono perfette ad esprimere quello che e’ il vero procedimento napoletano, del resto spettabile tornatore, è probabile l’uso di un capo da pascolo, per tanto la marezzatura del grasso puo’ essere assente o ridotta… sono sicuro che sara avrà scelto la carne accuratamente ;-)

          • sara

            (23 ottobre 2011 - 02:34)

            :))))) Giuseppe accuratamente “HO SCELTO “…………..bacioniiii

        • sara

          (23 ottobre 2011 - 02:27)

          okkkkkkkkkkkk , strillo a gra voce ;)))) un abbracciooone

        • sara

          (23 ottobre 2011 - 02:36)

          Mi faro’ sentire a gran voce ;))) Grazie LELLO

  • Antonella

    (22 ottobre 2011 - 19:22)

    mmmmmmm sento il profumo fin qui!!!
    Domani allora tutti RAGù!!!
    Complimenti alla cuoca!

    • sara

      (23 ottobre 2011 - 11:54)

      Grazie Antonella :))))

  • ANDREA

    (23 ottobre 2011 - 02:07)

    teso il ragu me gusta ma sinceramente mi gusti piu tu cn le rose rosse ke t circondano tvttttttttttttttttttttttb

    • sara

      (23 ottobre 2011 - 11:56)

      hahahahhaha ANDREAAAAAAAA sei un tesoro :))

  • Francesco

    (23 ottobre 2011 - 09:32)

    Leggere la preparazione del ragù mi ha fatto venire una fame terribile già alle 9 del mattino…e questo Sara ti costerà un invito a pranzo a tutti noi che ora desideriamo provare tanta prelibatezza (e cucinata da te!!!). ;-)
    Anche se i miei genitori non hanno origini campane, molte delle nostre domeniche sono state “condite” con questa specialità. Anche adesso “ci viene a fare visita” qualche volta ma in una sua versione meno elaborata e con carne di maiale (e non lo chiamiamo Rraù ma banalmente “salsa”).
    Detto questo, attendo la data in cui ci farai assaggiare i piatti cucinati con le tue manine.
    Buona domenica,

    • sara

      (23 ottobre 2011 - 12:01)

      Con il macinato prepariamo il ragu’ bolognese ,ma io preferisco sempre amalgamare il macinato di maiale al macinato di manzo . Prossimamente organizzeremo qualcosina ..
      Un abbraccio grande .

  • carmen

    (23 ottobre 2011 - 12:22)

    Leggere questa ricetta mi ha fatto venire fame!!!! Per fortuna è quasi ora di mettersi a tavola, anche se il mio menù domenicale quest’oggi non prevede il ragù…. Sara, sai che prima o poi ti costringerò a cucinare per me????? Complimenti “nipote”!!!! Un bacio grandissimo!!!

    • sara

      (23 ottobre 2011 - 14:32)

      Zia sara’ un paicere immenso …spero di abbracciarti quanto primaaaaaaaaaaaaaaaaa :))))))

  • Valentina

    (23 ottobre 2011 - 12:27)

    A quest’ora la ricetta del ragù casca a pennello!!!Mi sa proprio ke la proverò visto ke 1 volta letta la ricetta m è venuta 1 gran voglia di assaggiarlo !!Certo probabilmente nn sarà la stesso risultato!Quindi Sara aspetto 1 invito a cena per assaggiare quello autentico :P un bacioneeeeeeeeeeeeeee <3

    • sara

      (23 ottobre 2011 - 14:37)

      Valentina contaciii ;)))

  • Mario

    (23 ottobre 2011 - 12:50)

    Sara, grazie della segnalazione!:D bel post!
    ps: aspetto di assaggiare il tuo di Raù…:D

    • Pasquale

      (23 ottobre 2011 - 13:15)

      a dir poco stupendo e ottimo complimenti Sara

      • sara

        (23 ottobre 2011 - 13:24)

        grazieeee Pasquale :)

    • sara

      (23 ottobre 2011 - 14:27)

      grazie MARIO :)) presto fare un bel pranzo .

    • sara

      (23 ottobre 2011 - 23:29)

      ahhahaha :)) mario appena ci vediamo ne parliamo :)))

  • Daniele

    (23 ottobre 2011 - 13:31)

    Buonissimooooooo!!!!

    • sara

      (23 ottobre 2011 - 14:33)

      grazie Daniele :))

  • ettore

    (23 ottobre 2011 - 13:35)

    nn posso dire che mi meraviglio ma che mi compiaccio perchè oramai siamo abituati ad assistere la domenica mattina alle ricette di una ragazza che alla cucina si presta con tanta dedizione e mi fa rimpiangere il fatto di essere uno studente fuori sede!!!
    complimenti ancora Sara.

    • sara

      (23 ottobre 2011 - 14:36)

      …bisogna solo organizzare un bel pranzo :)) da grandi chef STUDENTI :)))

  • Pasquale

    (23 ottobre 2011 - 13:41)

    Il ragù fa parte della nostra tradizione, del nostro essere napoletani, è quasi d’obbligo di domenica, ovviamente insieme alla partita del Napoli.Complimenti per la precisione nel descrivere il procedimento.Ho prestato attenzione nella parte in cui parli di come fare per evitare che il ragù resti indigesto; difatti è uno dei rischi a cui si va incontro quando si mangia il ragù.Buona fortuna!

    • sara

      (23 ottobre 2011 - 14:40)

      Grazie Pasquale magari poi se adotti il mio metodo mi fai sapere …..un abbraccio grande :)

  • antonello

    (23 ottobre 2011 - 13:50)

    buonissimo

    • sara

      (23 ottobre 2011 - 14:41)

      eh gia’ !!! Assaje ;)

  • Claudio

    (23 ottobre 2011 - 14:49)

    Azz ma che cuoca DOC qst sorellina…cmq qnd avrò l’onore di assaggiare qst piatto???Mentre leggevo ogni passo, la fame già si faceva sentire :) :) bacioooooo ;)

    • sara

      (24 ottobre 2011 - 00:59)

      Fratellino :)))) presto un bacioneeeeeeeeeeeeeeeeeee

  • tommaso esposito

    (23 ottobre 2011 - 15:40)

    Sara, cu tant’ e respetto e cu la faccia mia sott’ a cucchiarella vosta!
    Non c’ un ragù napoletano della tradizione.
    Ma ci sono tanti ragù per le tante tradizioni napoletane.
    Anzi tracimando i confini municipali potremo parlare di ragù familiari e intrafafiliari.
    Chistu cca è ‘o rraù ‘e mammà toia. Nun è o rraù ‘e mammà mia.
    http://www.lucianopignataro.it/a/il-pranzo-della-domenica-sul-vesuvio-la-fortuna-di-avere-mamma/6665/
    E po’ nce sta a storia d’a cartella ‘e ‘mbuttone p’o rraù.
    Luciano urge una Raù Consensus.

    • sara

      (24 ottobre 2011 - 01:08)

      Tommaso cu tant e rispett pe ttè , ma ccà niscn pecca di presunzione :))) W le tradizioni e viva l’amore per cio che era terra di ieri , e onnipotenza di gusto oggi …..;)))

  • Teresa

    (23 ottobre 2011 - 16:15)

    Sara sto scrivendo un quaderno con le tue ricette , semplicità ne descrivere ma soprattutto facilita nel preparare tutto , ieri ho fatto la parmigiana che presentasti l’ altra volta un successone , ti seguo e spero di leggerti spesso! Un bacione

    • sara

      (24 ottobre 2011 - 01:01)

      Che onoreeeeeeeeeeeeee , Teresa grazie , allora continua a seguirmi …bacioniii

  • CIRO

    (23 ottobre 2011 - 23:41)

    bèh!!!! come sempre le tue ricette interpretano i grandi piatti della nostra tradizione napoletana in tutti i particolari e dettagli documentati e rappresentati ti fanno venire voglia di magiarli dalla foto come se sentissi il profumo solo a vederli ……………………………………
    unicità semplicità e capacità che ti rappresentano saretta brava brava e brava cosi unicamente come seiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii

    • sara

      (24 ottobre 2011 - 01:04)

      Grazie Ciro ,, la tradizione è nel cuore e cerco di tramandarla in sapori …;)

  • marco

    (23 ottobre 2011 - 23:45)

    sara dal momento che sei brava a cucinare non vedo l’ora di assaggiare le tue specialita’ :):):)

    • sara

      (24 ottobre 2011 - 10:25)

      Marco sicuramente avremo modo :))

  • Bruna

    (23 ottobre 2011 - 23:56)

    Complimenti Sara! !A mio padre piacciono molto gli ziti, a me no… preferisco la pasta rigata, poi per spezzarli……!!!! :)

    • sara

      (24 ottobre 2011 - 10:28)

      E’ vero gli ziti sono durissimi e per spezzarli ci vuol forza, io adoro la pasta rigata anche perchè il sugo si amalgama meglio alla rugosita’ della pasta . Un bacion Bruna

  • angelo

    (24 ottobre 2011 - 00:05)

    direi ottimo…….

    • sara

      (24 ottobre 2011 - 10:31)

      grazie :)))

  • sara

    (24 ottobre 2011 - 01:11)

    fatemi sapere mi raccomando ;)

  • Grazia

    (24 ottobre 2011 - 09:19)

    …,mia nonna aggiungeva al sugo le polpette di carne , e alla braciola un pezzetto di provolone ;)). Brava sara , la tradizione appartiene. Alla nostra identità di popolo .

    • sara

      (24 ottobre 2011 - 10:35)

      ..mi decanti le polpette !!! Mia nonna aveva l’abitudine di mettere le polpette nel rraù la domenica,le sue polpette erano fatte con il solito impasto ,ma con l’aggiunta di uvetta e pinoli ..oggi nella frazione del mio paese ogni 21 settembre c’è una festa paesanadove le polpette sono protagoniste ,. Identita’ di un piccolo borgo :)) bacii Grazia

  • Danilo

    (24 ottobre 2011 - 11:06)

    Bellissima la frase “COMM O’ FA’ MAMMA’ NuN O FFA’ NISCUNO”!!! Avrei un gran voglia di poter dire, logicamente dopo avermi invitato a mangiar uno dei tuoi piatti ;-) “COMM O’ FA’ Sara ’ NuN O FFA’ NISCUNO” . Un abbraccio Tuaaaaaà!!!

    • sara

      (24 ottobre 2011 - 11:38)

      ahahhahahah :) beh si è la solita frase che ognuno precisa qando si parla di rraù…..;)
      un bacione Danilo .

  • francesco

    (24 ottobre 2011 - 11:37)

    ma per saggiare???????? otti mo per iniziare sia il primo che il secondo ……qua un bicchiere di vino c vò!!!

    • sara

      (24 ottobre 2011 - 12:05)

      prossimamente :)))))

  • Leandro

    (24 ottobre 2011 - 12:03)

    mmm speciale!!!!! complimenti sara proprio brava!! :D

    • sara

      (24 ottobre 2011 - 12:15)

      Grazie Leandro :))))

  • Mimmo Gagliardi

    (24 ottobre 2011 - 14:27)

    Beh, magari per halloween??? Organizziamo e Lello con camino acceso ci fa pure le sue castagne, o meglio, quelle che gli Unni gli hanno lasciato per lui!!! Facciamolo Sara, io ci sto!

    • Lello Tornatore

      (24 ottobre 2011 - 14:57)

      ;-)))))))))))))))))))))))))))))))))

    • sara

      (24 ottobre 2011 - 15:24)

      ahhahaahha :))) dammi il tempo di vedere un po’ il 31 che devo fare ……ma di sicuro bisogna andare da Lello , se non potessi per il 31 dopo le prime ricorrenze di Novembre possiamo organizzarci .

  • paola

    (25 ottobre 2011 - 17:36)

    ..Ehi..super-chef….questa tua smisurata passione per la cucina mi sta contagiando…mi sembra di gustare ogni tuo piatto solo leggendo la ricetta..mmmmmm!!.Devo anche ringraziarti perchè grazie alla tue foto e ai vari iter di preparazione anch’ io, negata in cucina,e sto muovendo i primi passi….e ho faccio un figurone la domenica con i miei ospiti.Continua cosi..io ti seguo sempre!!

    • sara

      (26 ottobre 2011 - 00:08)

      Paola , se hai bisogno di qualche chiarimento scriviimi . Un bacione

  • enzo

    (25 ottobre 2011 - 19:55)

    mi sembra che tra gli incredienti manchi a cunzevr ovvero il concentrato. poi scusa ma manca pure o poc ra zizz e vakk i mi sembra che mia nonna che lo preparava mentre io sciusciav o fuoch nn c’è mettev e braciol ma sol carn a piezz con abbondante nervo perchè a trupp er ross.
    .

    • sara

      (26 ottobre 2011 - 12:27)

      Caro Enzo , parliamo di cose diverse . Il concentrato ??? Assolutamente passata di pomodoro , a cosa serve il concentrato quando la cottura lunga portera’ il sugo ad asciugarsi perfettamente . Ti spabgli sulla carne unicamente a pezzi , l’aggiunta della Braciola, è d’obbligo NEL RAGU’napoletano . Permettimi di suggerirti di prepararlo accussi ,poi mi dirai .

  • Antonio

    (25 ottobre 2011 - 22:10)

    La ricetta non fa una piega,mi ricordo di mia nonna,che la domenica (oltre 50 anni fà) cucinava con una stufa a carbone e il pignato smaltato. Ricordo il canto ritmato dei Ziti spezzati ,( di una volta ) anch’io con la scorzetta del pane campagnolo a mo di cucchiaio prendevo il sugo.Altri profumi, oggi vivo a Novara ,come posso far capire al macellaio la coperta di costata? Auguri a tutti Antonio Nota: sono con Lello, anche a San Vitaliano fino agli anni settanta si macellava la mucca e tutti usavano la coperta di costata di mucca.

  • sara

    (26 ottobre 2011 - 00:05)

    Antonio carissimo , prova a dire al macellaio che parli di BIANCO COSTATO … se è di fiducia puoi anche indicargli il taglio …:)
    Per questo il ragu’ ha una sua tradizione , lascia nei luoghi la sua identita’., le tecniche ,l’uso di alcuni metodi sono nostri, ci idntificano .
    Ps . MAL CHE VADA TI SPEDIAMO TUTTA LA COPERTA DI COSTATA CHE VUOI :)) bacioni .

  • Sandro barack Del Pozzo

    (26 gennaio 2013 - 15:30)

    Il Ragu’ con la braciola…sara’ ottimo e lo provero’ , io ,pero, ‘ sono piu’ abituato a quello comune, fatto di muscolo, carne i maiale, tracchia e ( so che non si dovrebbe) salsiccia.

  • Gianna De Lucia

    (14 aprile 2013 - 15:39)

    È proprio la ricetta di mia nonna! Grazie, Sarina

  • sara

    (23 ottobre 2011 - 11:57)

    Filippo “lui è una zingara di lusso ehehehe ” :))))))))))))))))))))))))))))))))))

  • sara

    (23 ottobre 2011 - 14:38)

    Aglianico del cilento , Maffini o Don Salvatore ……che ne dici ??

I commenti sono chiusi.