I dieci vini per gli spaghetti con le vongole, le cozze e i frutti di mare

24/12/2019 4.8 MILA
Vino e spaghetti con le vongole

Forse dopo gli spaghetti al pomodoro è questo l’altro grande piatto nazionale italiano. Nella variante napoletana gli spaghetti a vongole, gli spaghetti con le cozze o gli spaghetti ai frutti di mare devono essere “sciuliosi”, ossia con abbondante olio d’oliva nel quale è stato fatto cuocere l’aglio. Anche in questo caso abbiamo bisogno di vini freschi in grado di bilanciare la grassezza del piatto, anche nella sua variante rosè con il pomodoro. Vediamo allora quali possono essere.

____________________________________
Furore Bianco Costa d’Amalfi doc, Marisa Cuomo

Nasce da un blend di falanghina e biancolella, teso e vibrante, capace di esprimere molta energia e freschezza nel bicchiere. La sua tendenza amara e salata ben si abbina a questo piatto perché ripulisce completamente il palato.

________________________________
Falanghina del Sannio dop, Aia dei Colombi

Una vero e proprio classico, impostato dalla mano di Angelo Pizzi, il papà del vitigno bianco campano, ben gestito in vigna e in cantina da Marcellino Pascale. Un bianco di grande espressività, meglio se aspettate un anno prima di stapparlo, assolutamente perfetto per questo abbinamento.

________________________
Coda di Volpe Irpinia doc, Perillo

Lo straordinario bianco di Michele Perillo esce sempre con qualche anno di ritardo, come del resto tutti i suoi vini. La sua Coda di Volpe ha buon corpo, tantissima frescheza, finale sapido e amaro che la rende assolutamente efficace in questo abbinamento.

_________________________
Fiano di Avellino docg, Filadoro

La versione base è sempre molto ricca e decisa. Il Fiano, soprattutto per la sua complessità, è un bianco molto adatto ad affrontare questo piatto complesso e importante. In questo caso il piglio dello stile di Lapio, ampio  eprofondo, regala un abbinamento in cui il piatto e il vino si esaltano a vicenda.

___________________________
Fiano di Avellino docg, Donnachiara

Una esecuzione perfetta firmata da Riccardo Cotarella per il terzo anno. In questo caso il fiano viene coltivato nei vigneti di Montefalcione, vicino l’azienda. Buona spinta acida, complessità, sicuramente da abbinare a questo piatto.

________________________________
Valmezzana Fiano Cilento doc, Albamarina

Il bellissimo bianco di Mario Notaroberto nasce guardando il mare di Palinur alle fade dl monte Gelbison. Un vino mediterrraneo, salino, molto fresco, che ci consente di proporlo con sicurezza su questo grande classico napoletano e campano.

_____________________________
Sinopea Campania igt, Masseria Felicia

Saliamo adesso sul vulcano spento di Roccamonfina dove la falanghina riesce a trovare una dele sue massime espressioni. In questa versione passata solo in acciaio si distingue per la grandissima verve acida, le note agrumate, la complessità palatale che la rende adatta a questo piato.

_________________________________
Aglianico del Taburno rosato, Torre del Pagus

Anche il rosato si presta a questo abbinamento marino. In questo caso è ottenuto da uve aglianico e si esprime con forza, freschezza e mineralità lasciando spazio poi ad una chiusura amara molto interessante che lo rende gastronomico e adatto nellaversione rosè del piatto.

____________________________
Getis Costa d’Amalfi Rosato doc, Reale

In questo caso il blend è da uve piedirosso e tintore che è alla base anche del rosso Cardamone della piccola aziendina di Tramonti. Assolutamente efficace per questo piatto, lascia il palato completamente pulito e pronto per un nuovo sorso e un nuovo boccone e, come il precedente, adatto nella versione rosè del piatto.

____________________________
Raphael Barbera del Sannio, Ciabrelli

E se volete essere rossisti anche su questo piatto? Niente paura, la Barbera di Ciabrelli si presta molto al gioco per la sua morbidezza fruttata e fresca. Ve la consigliamo però anche in questo caso nella versione rosè e molto sciuliosa del piatto come si usa a Napoli città.

Ale!