Vallo della Lucania o Vallo della Cuccagna? Piccola guida gastronomica alla capitale del Cilento

3/9/2019 5.8 MILA
Vallo della Lucania, scorcio della Cattedrale di San Pantaleo
Vallo della Lucania, scorcio della Cattedrale di San Pantaleo

Ristoranti e Pizzerie a Vallo della Lucania, anzi Vallo della Cuccagna grazie ad una serie di spettacolari aperture degli ultimi anni che si sono innestate su una tradizione solida che affonda le radici nella civiltà contadina?
Pulita, ordinata, l’amministrazione Aloia ha rimesso a posto la piazza borbonica che la caratterizza e molti hanno deciso di investire qui perchè con il completamento della Cilentana ha riacquisito la storica centralità geografica. Sino a qualche anno fa c’era un solo caposaldo: la Chioccia d’Oro di Giovanni Positano che ha celebrato il mezzo secolo e che vede la figlia Rosa appassionata sommelier, in sala.

Giovanni Positano, La Chioccia d’oro

E poi la trattoria Il Nano, vicino l’ospedale, un luogo di servizio che rispetta la verità della materia prima.

Il Nano, Lina e Carmelo Gabriele
Il Nano, Lina e Carmelo Gabriele

Poi, una decina di anni fa, qualcosa ha iniziato a muoversi: nel 2006 ha aperto ‘U Parlatorio nella frazione Massa, oggi nella nuova e navigata gestione di Angelo Guzzo.
Tutti propongono i piatti tipici a base di verdure, fusilli, cavatielli, lagane e ceci e a prezzi decisamente contenuti.

Il nuovo patron Angelo Guzzo, con la mamma Antonietta e la collaboratrice Gerarda
Il nuovo patron Angelo Guzzo, con la mamma Antonietta e la collaboratrice Gerarda
Taverna del Principe, Vallo della Lucania, fusilli cilentani al raguu'
Taverna del Principe, Vallo della Lucania, i classici fusilli cilentani al ragu’

Ma la svolta è avvenuta con l’apertura della Pizzeria Da Zero nel 2015 ad opera di tre amici di vecchia data: Paolo De Simone, Carmine Mainenti e Giuseppe Boccia. Attenzione alle lievitazioni e alle materie prime, barra centrata sui prodotti del Cilento che qui finalmente hanno trovato uno sbocco concreto e di buoni volumi, e un format esportato a Milano con due sedi (una è la prima per 50TopPizza), Torino e Matera.

Paolo De Simone
Paolo De Simone

In tema di pizze, da non perdere anche la pizzeria Eden sulla strada che porta alla frazione di Pattano.

Pizzeria Eden, Vallo della Lucania
Pizzeria Eden, Vallo della Lucania

In una gara verso la qualità, anche Suscettibile, aperto nel 2017, propone un’ottima pizza che affianca a piatti tradizionali e carni o panini.

Suscettibile, Pizza e Cucina
Suscettibile, Pizza e Cucina

E a proposito di panini, è da segnalare Draft, tra le prime dieci paninoteche per la prossima guida del Mattino Mangia e Bevi. Anche qui tanta qualità e ragionamento sulle carni locali.

Draft Beer and Food Ingresso
Draft Beer and Food Ingresso

La grande novità degli ultimi mesi è l’apertura del primo ristorante gourmet del Cilento, parliamo di Aquadulcis della famiglia Cobellis, a due passi da ‘U Parlatorio nella frazione Massa: in un bellissimo restauro di un vecchio mulino lavora il giovane Vincenzo Cucolo lanciato dallo chef stellato Vitantonio Lombardo. Bella cucina, spigliata, e servizio attento e professionale.
Insomma, un gourmet, tre trattorie, quattro pizzerie e una paninoteca per un paese di poco più di 8000 abitanti non sono affatto male. Ancora una volta puntare sulla qualità e non sul solito mordi e fuggi che uccide il turismo cilentano paga a che qui.

Lo chef Vincenzo Cucolo
Lo chef Vincenzo Cucolo

Finito? Assolutamente no. Ci sono i salumi, i formaggi e i vini di Storie di Pane che oltre a torte e cornetti sforna ovviamente anche tanti tipi diversi di pane, come pure l’altro forno, il Fornaio in piazza Vittorio Emanuele. La salumeria Paolino, aperta quarant’anni fa di fronte alla chiesa di S. Maria delle Grazie, infine, è diventata anche gastronomia, con piatti pronti e dolci deliziosi da asporto oppure consumare ai graziosi tavolini bianchi all’aperto.

Storie di Pane, Birra artigianale Fiej
Storie di Pane, Birra artigianale Fiej

E, ancora, vanno assolutamente menzionati i due bravi artigiani di pasta fresca, con due negozi dove si producono fusilli, cavatielli e ravioli: il Pastificio Palma e il Pastificio Clementina.
Due anche i caseifici: Le Starze e la Vallesina impegnati, tra l’altro nel prodotto tipico locale, la mortedda, ossia il fior di latte vaccino profumato nelle foglie di mirto. Da non perdere anche le tre pescherie, di cui una cucina nel fine settimana, con pescato cilentano e prezzi impensabili in città.
Un capitolo a parte, infine, per i più giovani e gli amanti di birra e vino: il riferimento sono Koi Bistrot, che porta a Vallo una ventata di internazionalizzazione, con gruppi musicali che provengono da tutto il mondo, ma anche cultura cilentana, con presentazione di libri, produttori di vino, e una cucina tra rivisitazione e fantasia.  E, proprio accanto, il bel locale di Lab54 (qui anche aperitivi, cocktail e musica dal vivo) in piazza Vittorio Emanuele.

Koi Bistrot, i tavoli all'aperto
Koi Bistrot, i tavoli all’aperto

Insomma, una offerta variegata e di qualità, come i cornetti e la pasticceria dello storico bar Mimì che si completa con il mercato della domenica, un vero paradiso di biodiversità dove il tempo si è davvero fermato.

Un commento

    Francesco Mondelli

    Al mercato ci sono stato:per raggiunti limiti d’età la signora che aveva il banco sulla sinistra del secondo ingresso e che ,non solo secondo me,faceva il miglior cacioricotta del Cilento ha chiuso.Draft inspiegabilmente chiuso ad Agosto:avranno i loro buoni motivi.Da sempre e sempre uguale (di sicuro 40 primavere)in una stradina anonima al di sotto del rimessaggio degli autobus c’è Mario nel suo locale Old Ranch a sfornare buone pizze e calzoni e buone carni alla brace mentre in cucina la moglie frigge al modo antico chilate di patate.PS Parafrasando Antonio D’agosto posso affermare che per me davvero Vallo della Lucania è la Capitale.FM

    4 settembre 2019 - 17:14

I commenti sono chiusi.