Pizza marinara, le ventuno migliori della mia (lunga) vita da Napoli a New York con i quattro Comandamenti: dalla farina rigorosamente 00 all’aglio!

15/5/2019 8.6 MILA
La Pizza Marinara di Gugliemo Vuolo

La pizza marinara è la pizza più semplice e più difficile a farsi. E’ LA PIZZA!
Qualsiasi pizzaiolo, star o sconosciuto, per me viene pesato dalla capacità di fare la marinara e non ci sono modi particolari di farla. Una sinfonia di Beethoven è una sinfonia, punto. Il bravo direttore d’orchestra deve stare solo attento all’equilibrio fra gli strumenti. Mi sono divertito a scavare nell’archivio del blog per tirare fuori le più buone che ho mangiato. Ma prima di vedere la rassegna…. alt!!!
La farina deve essere 00 per ottenere il massimo risultato, con buona pace del Califfato dell’Integrale che vuole trasformare la pizza da una gioia a una medicina. Perché ogni cuoco e ogni bravo pizzaiolo sa che ci deve essere equilibrio fra le cose e se hai solo pomodoro per trovare il punto G dell’orgasmo palatale non puoi che adeguare l’impasto. Immaginiamo il pane e pomodoro, che sta alla pizza marinara come l’uomo delle caverne a noi. Se usate pane bianco il pomodoro avrà un sapore, se invece usate pane nero dovrete per forza rafforzare il pomodoro o con spezie, acciughe o con altri ingredienti. Altrimenti sentirete solo il pane, elementare Watson.
E se questo lo hanno capito nelle caverne, non pensiamo sia tanto difficile da comprendere quando si va a cottura, soprattutto nel forno a bocca di luna che raggiunge i nostri amati 480 gradi e le materie prime si fondono per diventare altro. Sopravviverete mangiando marinara integrale? Certo, ve lo assicuro dall’alto dei miei 61 anni di marinare!
Tradizione batte canotto. Non c’entra il fatto che io preferisco la pizza tradizionale. E’ proprio quell’esubero di cornicione, per quanto ben alveolato, leggero, a stonare perché ci riporta al pane e pomodoro in cui i due sapori sono distinti. Sono davvero rare le pizze marinare a canotto che mi sono piaciute, e sempre lasciando il cornicione nel piatto.
Olio, ah l’olio! Capitolo importante. Da Michele usa l’olio di semi e a me piace perché mi ricorda le pizze di un tempo. Ma l’olio d’oliva ha, discorsi nutrizionali e gastropatriottici a parte, sicuramente una marcia in più. Una cosa che non va fatta è aggiungerlo a fine cottura, ma bisogna imparare a dosarlo prima di ficcare la pizza nel forno. Perché se aggiunto dopo sa….di olio!
Pomodoro, origano, aglio. Questi sono gli elementi decisivi e devono essere di qualità assoluta. Impossibile pensare di fare la marinara con il pomodoro Pomì e dintorni. Ed è qui che si vede il pizzaiolo 2.0, quello che gira cercando prodotti e fa qualità. Quando vi costerà un origano di montagna? E dell’aglio non cinese? E un buon pomodoro, pelato o San Marzano, ma anche corbarino (il piennolo del Vesuvio lo vedo meno adatto perché ha meno acqua)? Oggi davvero sono in tanti a produrre altissima qualità: La Fiammante, Solania, Agrigenus, Marrazzo, Ciao, Gustarosso, Eccellenze Nolane, I Sapori di Corbara, Attianese, Marianna D’Auria, Terraviva delle sorelle Manfelotto, Angelo Di Giacomo di Joly, Egizio, Carbone, La Rosina etc. Bravi quelli che fanno blend di pomodori, a patto di non mettere il pomodorino giallo che non c’entra nulla con la marinara.

Una volta che il pizzaiolo ha preparato la pizza sono caspiti del fornaio cuocerla. Tutto sta a capire il pomodoro: qualche secondo in più e asciuga, bisogn essere bravi nel mantenerlo fresco senza fargli perdere l’acidità, la freschezza. Quasi una cottura a bocca di forno come dice Guglielmo Vuolo.

Detto questo vi dico la mia opinione

1-Gugliemo Vuolo

Guglielmo Vuolo, assoluto di marinara, fonte RG
Guglielmo Vuolo, assoluto di marinara

Il pizzaiolo che ha più ragionato sulla margherita, usando i pomodori freschi come faceva il padre a piazza mercato, facendo dei blend, persino la capricciosa di pomodoro. Le sue cotture sono perfette, il pomodoro resta fresca e non diventa mai salsoso. Non vediamo l’ora di riprenderle a mangiare nella nuova sede che sta per aprire a Mergellina.

2-Ciro Salvo

La marinara di Ciro Salvo (Foto Tommaso Esposito)

Faccio outing: sui classici Ciro è il mio pizzaiolo preferito. Indiscutibile la sua capacità di modernizzare la tradizione giocando sulla idratazione come mai aveva fatto nessuno prima. La sua è una pizza moderna che sa di antico.

3-Fratelli Salvo

La Pizza Marinara dei Salvo

Ma anche Salvatore, il fratello non è da meno. Tra l’altro i fratelloni hanno sempre dedicato grande attenzione al capitolo pomodoro e sono sempre al top per quanto riguarda questi prodotti.

4-Da Michele

Da Michele, la marinara
Da Michele a Londra, la marinara

Lo confesso, la mia copertina di Linus, che mi fa tornare giovane.

5-Pasqualino Rossi

La marinara di Pasqualino Rossi

Sorpresa! Si la pizza di Pasqualino Rossi è un po’ più “campagnola” ma l’impasto usato per la marinara è semplicemente perfetto ed è in assoluto una delle migliori pizze del panorama campano.

6- Carmnella e da Attilio

Pizza marinara di Vincenzo Esposito
Pizzeria Da Atttilio nella Pignasecca la marinara

Due pizze lontane ma simili, non a ruota di carro, espressione di due quartieri distinti di Napoli

7 – Kestè a New York

Kestè, Marinara

Ritrovare i sapori di casa perfettamente identitari mentre stai dall’altra parte dell’Atlantico di parla direttamente al cuore.

8- Giuseppe Pignalosa

Pizzeria Pignalosa a Salerno, la marinara
Pizzeria Pignalosa a Salerno, la marinara

Anche Pignalosa ha sempre ragionato molto sulla sua marinara con ottimi risutati. Sia a Le Parule che a Salerno

9- Michele Leo a Firenze

 

La marinara di Michele Leo

Un altro maestro è Michele Leo. Ora a Firenze alla pizzeria Santarpia. Buon per i fiorentini che si godono una delle migliori marinare d’Italia.

10 Salvatore Lioniello

Salvatore Lioniello la pizza marinara casertana

Bravissimo negli impasti, Salvatore Lioniello sta facendo scintille nella sua pizzeria a Orta di Atella. E prima di provare altro dovete partire dalla marinara.

11-Enzo Coccia

 

Coccia, la marinara

Un grande maestro che ha nella marinara uno dei suoi punti di attacco. Il primo a puntare sulla qualità degli ingredienti, ancora oggi la sua pizza più semplice è la più confortevole.

12- Francesco Martucci

 

I Masanielli, Marinara con buon pomodoro

Bravo bravo bravo. Nonostante siamo in canotto, il pomodoro usato in buona intensività mette a freno la voglia di protagonista dell’impasto. Risultato, un buon equilibrio.

13-Raffaele Bonetta di Ciarly

Pizzeria Ciarly, la marinara Charly
Pizzeria Ciarly, la marinara Charly

Raffaele Bonetta è molto bravo negli impasti che studia con passione. Qui il discorso è lo stesso con Martucci. Consapevole della forza dell’impasto, controbilancia la marinara con una acciuga che è un sapore forte.

14 Concettina ai Tre Santi

Ciro Oliva, Marinara
Ciro Oliva, Marinara

Quando Ciro Oliva si esibisce in questo classico è sicuramente tra i primi pèroprio per la cura dei prodotti e l’equilibrio perfetto con l’impasto. Fatevela portare subito appena seduti.

15 Lipen a Triuggio

Lipen, Marinara
Lipen, Marinara

Amici lombardi non disperate, anche da voi si mangiano ottime marinare, a comincia Da Michele che replica perfettamente Napoli. Qui però il numero uno è Corrado Scaglione, profeta della vera pizza napoletana in tempi non sosspetti. Arricreatevi.

16 Da Gennaro a Bagnoli

Pizzeria Da Gennaro, marinara
Pizzeria Da Gennaro, marinara

Ancora stile tradizionale, stavolta lato opposto della città dove Fabio Cristiano lavora nella pizzeria aperta dal nonno.

17- Da Zero a Milano, Vallo della Lucania e Matera

Da Zero, Marinara Cilentana
Da Zero, Marinara Cilentana

Qui premiamo la ricerca del pomodoro e l’eccelsa qulità di aglio e origano che fanno di questa pizza un bacio mediterraneo sulla guancia

18- LaRosa a Trentola Ducenta

La pizza marinara
La Rosa Pizza Restaurant La pizza marinara

Un gommone, quello di Simone De Gregorio, molto bravo ad alleggerire il panetto in questo caso e a bilanciare con più pomodoro. Ma il consiglio è lo stesso: mangiate solo la parte centrale.

19- Il Monfortino a Caserta

Il Monfortino - Pizza Marinara
Il Monfortino – Pizza Marinara

Bravi Francesco Di Ceglie nella scelta degli ingredienti e nella esecuzione del grande classico. Per lui, seguace dell’impasto diretto e dello stile tradizionale, significa giocare in casa.

 

20-Gorizia 1916

Pizza Marinara Gorizia 1916
Pizza Marinara Gorizia 1916

Potevamo lasciare i vomerini i bocca asciutta. Jamas! Ed ecco alora la loro ancora di salvataggio. La marinara di Gorizia, sempre buona dal 102 anni: semplice e con l’aglio sminuzzato per la gioia di Carlo Passera, Paola Perego e Silvio Berlusconi

21- Dalmata a Parigi

Pizzeria Dalmata, la marinara

Anche a Parigi un riferimento per la pziza marinara c’è: ed è la pizzeria Dalmata, così chiamtaa perché agli imprenditori francese che l’hanno aperta l’impasto uscito dal forno ricorda la razza dalmata, si, quella dei 101.

A questo punto c’è la domanda. Chi è la Crudelia Demon della pizza? Io una idea precisa, molto precisa ce l’ho. Un indizio? Odia Napoli e ha definito Da Michele il male assoluto :-)

4 commenti

    Antonio

    (6 febbraio 2019 - 16:26)

    Strano che quasi tutti mettano del basilico.

    massimo Sanmarco

    (6 febbraio 2019 - 18:11)

    vorrei partecipare anche i io con le mie pizzerie in napoli la canta dei mille ristorante pizzeria e sapori di parthenope ristorante pizzeria

    Francesco Mondelli

    (11 febbraio 2019 - 09:55)

    LUNGA vita al Re della pizza che,grazie ad un intelligente e costante lavoro,nel suo “piccolo “sta riportortando la capitale del Regno Delle Due Sicilia ed il suo prodotto simbolo ben oltre i fasti dei RE Borbonici.Ad maiora da FM

    Francesco Mondelli

    (15 maggio 2019 - 19:00)

    Farsi “largo” nella vita con marinara e Margherita .FM.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.