Festavico, la prima serata della Repubblica del Cibo

4/6/2018 3.2 MILA
Festavico
Festavico

di Federica Gatto 

Finalmente riparte Festavico, la manifestazione è giunta ormai alla sua sedicesima edizione.

Sottotitolo di quest’anno “Manima” con il quale il patron Gennarino Esposito ha voluto sottolineare il connubio tra mani ed anima, due ingredienti fondamentali che i cuochi devono miscelare alle loro creazioni per donare agli appassionati una cucina di eccellenza. L’impegno comune è e sarà sempre la raccolta di fondi da destinare in beneficenza. Dal 3 al 5 giugno dunque il centro di interesse della gastronomia italiana si sposterà a Vico Equense perché nel piccolo comune della Costiera sorrentina sbarcheranno alcuni dei più grandi nomi della nostra cucina e non solo. Certo Festavico non é solo grandi nomi ma anche giovani cuochi che si mettono in gioco con i loro piatti.

Festavico
Festavico

É così che puntuale come un orologio svizzero si tagliano i nastri con l’appuntamento la “Repubblica del cibo” dando il via all’evento più atteso dagli appassionati del buon cibo e che credono soprattutto nel valore della condivisione e della beneficenza. Anche per la sedicesima edizione la serata di apertura ha visto all’opera all’interno di negozi e botteghe del centro cittadino oltre 150 cuochi, pizzaioli, maestri pasticceri e macellai che hanno saputo donare al meglio la loro professionalità per la nobile causa. Lo spirito che si vive per le strade di Vico é sempre lo stesso: il valore dell’amicizia, dell’aggregazione e soprattutto la dedizione alla buona e sana cucina fatta di tanta tradizione, studio, ricerca e sperimentazione. Se l’obiettivo era quello di rendere appetibile l’ enogastronomia italiana vista con gli occhi delle nuove leve, allora possiamo dire che questo é stato raggiunto anche nell’edizione del 2018. Un motivo di orgoglio per il patron della manifestazione che con poche parole esprime l’essenza di una sua creatura: “È davvero un evento del quale vado orgoglioso perché coinvolge per intero il centro del mio paese, Vico Equense, ma anche perché me lo fa scoprire ogni anno diverso e sempre più bello.

Festavico
Festavico

Vedere come i miei concittadini si apprestano ad ospitare chi arriva per la Repubblica del Cibo, scorgere come vengono addobbate le botteghe, i negozi ed i giardini per permettere agli chef di cucinare le loro prelibatezze tra la folla, è motivo di soddisfazione. I numeri, poi, sono lì a testimoniare quanto il pubblico apprezzi la “nostra” Repubblica”.

Festavico
Festavico

Anche per quest’anno tantissimi i consensi, stimate circa venti mila persone, ed é proprio nella felicità della condivisione di un momento di aggregazione e solidarietà così bello che cala il sipario sulla repubblica del cibo che ogni anno dá l’arrivederci all’anno successivo con l’augurio di fare sempre meglio.